Baff 2014 – Busto Arsizio Film Festival 29 marzo – 5 aprile, programma e info

Baff 2014 - Gigi Farioli, Alessandro Munari, Stefano Della CasaRipartire dalla cultura. La cultura a 360 gradi, la cultura che diventa nutrimento e si lega al XII appuntamento di BAFF – Busto Arsizio Film Festival, il cui tema è quest’anno “Non di solo pane”, ricordo evangelico che non manca di colpire per grande attualità. Cultura, quindi, declinata in tutte le sue forme, in un dialogo che non poteva non essere ispirato anche da Expo 2015, esposizione universale che tra pochi mesi renderà Milano protagonista mondiale, per “Nutrire il pianeta, energia per la vita”.

 

IL B.A. FILM FESTIVAL 2014 – 7 giorni, 9 sale cinematografiche, 5 Comuni, 50 eventi.

– Questi solo alcuni dei numeri che caratterizzano la nuova edizione del Baff, che quest’anno presenta due principali novità: la direzione artistica affidata a Stefano Della Casa, nonché la presidenza temporanea di Alessandro Munari, che per l’edizione 2015 passerà il testimone a Elisabetta Sgarbi.

– Forte di una macchina organizzativa che lavora tutto l’anno, la settimana del festival, quest’anno dal 29 marzo al 5 aprile, si tradurrà in un susseguirsi di eventi & avvenimenti, in grado di dare filo da torcere alle più note kermesse internazionali dedicate all’arte cinematografica.

– Da non perdere, inoltre, lo “Spazio Festival”, costituito per questa 12esima edizione da spazi espositivi importanti (uno su tutti, piazza San Giovanni),  nonché proiezioni e conferenze continue, che offrono un valore aggiunto alle opere proiettate e alla presenza dei grandi protagonisti presenti in sala (solo per fare qualche nome, Ferzan Ozpetek, Stefano Tummolini, Giulio Base, Francesco Pannofino, Antonio Morabito, Fabrizio Costa, Antonio Laudadio, Ivana Pantaleo, Andrea Renzi e tanti altri).

– Del resto, è lo stesso Della Casa a precisare “Vogliamo fare del BAFF un festival pop, una ‘festa’ aperta a tutti e non solo agli addetti ai lavori, un momento che coniughi approfondimento e piacere del film, divertimento e cultura e che sia vissuto dal pubblico come una manifestazione amica, piacevole e accogliente”.

– Gigi Farioli, Sindaco di Busto Arsizio, aggiunge: “Quest’anno tenteremo di andare ‘oltre il cinema’, trasformando la nostra rassegna in una sorta di ‘ponte’ tra tutte le manifestazioni che portano a riflessione, cultura e meditazione, compresa formazione ed economia. Da qui i grandi ospiti del cinema, e non, che parleranno di letteratura, filosofia e arte, dandoci la propria testimonianza di quello che è il ‘cinema della vita’.”

 

LA SEZIONE “MADE IN ITALY” – Aggiunge Stefano Della Casa che l’edizione 2014 del B.A. Film Festival “vuole abbattere le barriere”, assumendo in questo senso una posizione chiara e forte attraverso la rassegna Made in Italy. “Asse portante della selezione di novità – precisa Della Casa –, presenterà insieme film per il cinema, fiction televisive, documentari, animazione e videoarte. In questo modo, BAFF vuole dichiarare apertamente che ritiene superate le divisioni tra questi diversi modi di raccontare.”

–  “Made in Italy” vedrà, dunque, la partecipazione di nomi importanti, che saranno protagonisti di proiezioni, incontri e Masterclass.

– Ad aprire il Festival e inaugurare la sezione, sabato 29 marzo, sarà un grande autore del cinema italiano, Ferzan Ozpetek, che incontrerà il pubblico per una chiacchierata sul cinema e introdurrà la proiezione del suo ultimo film Allacciate le cinture.

 

LARGO AI GIOVANI… – Torna più ricca che mai anche la formula “Made in Italy – Scuole”, che vedrà centinaia di studenti in platea, pronti ad assistere alle proiezioni e confrontarsi, al loro termine, con autori, attori, sceneggiatori, direttori della fotografia, montatori e altri professionisti del mondo del cinema.

– Immancabili, inoltre, le “Giornate del cinema di animazione”, dedicate al cinema di animazione internazionale organizzate a Busto Arsizio nei primi anni ’70.

 

…. SENZA DIMENTICARE IL PASSATO –  Sempre tra le novità di BAFF 2014, “La memoria del Cinema”, la speciale sezione che prenderà in considerazione uno o più film e li racconterà attraverso la testimonianza di personaggi del mondo dello spettacolo che, a vario titolo, vi hanno lavorato o che vi sono legati per motivi differenti.

– Il primo appuntamento lunedì 31 marzo sarà con Francesco De Gregori, che commenterà il film di Roman Polansky Rosemary’s Baby.

– Venerdì 4 aprile saranno proiettati I recuperanti di Ermanno Olmi, sceneggiato da Tullio Kezich insieme con Rigoni Stern, e Noi che abbiamo fatto la dolce vita. Seguirà un incontro con Alessandra Levantesi e Maurizio Porro.

– La sezione è realizzata in collaborazione con il programma culto di Radiotre Hollywood Party: gli incontri verranno registrati in forma audio per essere trasmessi all’interno del programma nella sezione “Il cinema alla radio”, e filmati dagli studenti ICMA (Istituto Michelangelo Antonioni), con l’intento di realizzare video lezioni ad uso docenti del CUC (il coordinamento degli insegnamenti di Storia del Cinema), interessati a questa opportunità come attività integrativa dei loro corsi.

 

INGRESSO EVENTI – L’ingresso a tutti gli eventi pomeridiani e serali è gratuito.

 

PROGRAMMA – Per il programma completo di B.A.Film Festival 2014, CLICCA QUI

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 V.P.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here