Ethno Festival Milano Castello Sforzesco 30 giugno – 2 luglio 2015, ingresso libero, programma, artisti

concerti CastelloTornano anche quest’anno i concerti gratuiti di Ethno Festival 2015, la grande rassegna che porta i suoni e i ritmi di tutto il mondo nell’incantevole cornice del Castello Sforzesco di Milano.

 

INGRESSO LIBERO, CORTILE DELLE ARMI DEL CASTELLO SFORZESCO – Nel Cortile delle Armi del Castello, le band si susseguiranno permettendo a tutti di scoprire un mondo sonoro entusiasmante, interpretato anche da noti artisti internazionali.

 

PROGRAMMA – Di seguito il programma della rassegna:

 

MARTEDÌ 30 GIUGNO 2015, ORE 21.00

– Sardegna & Mongolia: Concerto di apertura  Ethno Young Musicians final concert

– A seguire: Paolo Angeli chitarra sarda preparata & Dandarvaanchig Enkhjargal morin khuur e canto diplofonico –  Due archi che si incontrano: da una parte quello di uno strumento antichissimo, il morin khuur mongolo, dall’altra quello di una chitarra sarda (anch’essa antica di tradizione) ma attualizzata da una complessa costruzione di apparecchiature che la rendono “preparata”, quindi pronta ad accogliere i suoni della modernità. Come se non bastasse intervengono anche le voci, il bordone gutturale che evoca i suoni della steppa e il tipico vibrato del canto popolare sardo. A confronto due interpreti, Epi e Paolo, eredi, dalle rispettive tradizioni, di gradi patrimoni culturali messi a disposizione di mescolanze sempre nuove e inaspettate

Dandarvaanchig Enkhjargal (mongolia) – Enkhjargal Dandarvaanchig, noto come Epi, nasce nel 1968 a Ulaanbaatar (Mongolia) e cresce in un piccolo villaggio ai confini con la Russia. Tra il 1990 e il 1992 studia al conservatorio di Ulaanbaatar, con la guida del più grande virtuoso di Moorin Hoor della Mongolia. Durante i suoi studi, si esibisce frequentamente nella televisione di stato, contribuendo a tenere in vita la musica tradizionale della sua terra. In reazione al background della sua famiglia, Epi mantiene un profondo legame con la cultura nomade della società mongola, terra dove lascia il suo cuore. Nel 1993 Epi arriva in Germania con la band di musica tradizionale mongola Altain Orgil. Durante la sua prima visita incontra l’arpista Rüdiger Oppermann. Con lui suona in Germania, Europa e negli USA. Il successo di Epi lo porta ad esibirsi all’Expo 2002 di Madrid, in Gran Canaria e Brasile e da allora in ogni angolo del mondo.

– Paolo Angeli (italia) – Scordatevi la chitarra come fino ad ora l’avete vista e sentita suonare: perché quello di Paolo Angeli è uno spettacolare strumento a 18 corde, 6 normali, 8 posizionate di traverso e 4 sospese, corredato da una serie di martelletti, pedaliere, eliche e pick up. Un mix tra una chitarra, un violoncello e una batteria , costruito dallo stesso Angeli: con un suono così unico che Pat Metheny (era il 2003) se ne fece costruire una uguale dallo stesso Angeli dopo aver assistito ad una sua performance. Così oggi esistono due esemplari di chitarra sarda preparata, come la chiama con orgoglio isolano Angeli, o Paolo Angeli’s guitar, come l’ha ribattezzata Metheny.

 

MERCOLEDÌ 1 LUGLIO 2015 ORE 21.00

Romagna & Est Europa , Iva Bittova (Ungheria – USA) voce e violino, Simone Zanchini (Italia) fisarmonica – Iva Bittova e Simone Zanchini hanno fatto delle loro radici un punto di forza dei loro rispettivi percorsi artistici che hanno accostato senza soluzioni di continuità: musica colta, improvvisazione, e rispettivamente folk e jazz. La Bittova tratta il più nobile degli strumenti dell’orchestra come una voce umana, piegandolo a infinite soluzioni, Zanchini usa il più popolare degli strumenti come una macchina per suoni e atmosfere.  Iva Bittova e Simone Zanchini dividono il palco per la prima volta, unendo stili lontani, territori sconfinati ai margini di qualsiasi impero e cancellando la parola confine dai territori musicali.

IVA BITTOVA (Ungheria – USA) – è nata nel 1958 a Bruntál in Moravia. Figlia di musicisti molto vicini tanto alle tradizioni folkloriche quanto alla musica classica, studia successivamente presso il Conservatorio di Brno.

E’ capace di dare vita a mondi poetici che mescolano la tradizione popolare ceca e l’avanguardia newyorkese. Iva Bittová è compositrice e musicista ceca, da qualche anno vive negli Stati Uniti. La sua musica è tanto radicata nelle tradizioni della sua cultura d’origine, quanto priva di confini, grazie a un percorso di esplorazione e recupero delle sue origini esplorate attraverso il violino, la danza il lavoro con il teatro sperimentale di Brno e la lente di viaggi e vastissime collaborazioni in giro per il mondo.

– SIMONE ZANCHINI (Italia) – Fisarmonicista tra i più interessanti e innovativi del panorama internazionale, la sua ricerca si muove tra i confini della musica contemporanea, folk, acustica ed elettronica, sperimentazione sonora, contaminazioni extracolte, sfociando in un personalissimo approccio alla materia improvvisativa. Diplomato con lode in fisarmonica classica al Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro, con il maestro Sergio Scappini. Strumentista eclettico, esercita un’intensa attività concertistica collaborando con musicisti di fama internazionale e di differenti estrazioni: Gianluigi Trovesi, Javier Girotto, Paolo Fresu, Antonello Salis, Han Bennink, Art Van Damme, Gabriele Mirabassi, Frank Marocco, Bill Evans, Jim Black ecc. Dal 1999 collabora stabilmente con i Solisti dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, con cui compie regolarmente tournee in ogni parte del mondo. Il suo ultimo lavoro discografico è una rivisitazione del “mito” romagnolo: Secondo Casadei, una tappa imprescindibile “…se nasci in Romagna e decidi, a sette anni, di suonare la fisarmonica, Casadei diventa automaticamente una tappa obbligatoria che invade felicemente la tua vita”

 

GIOVEDÌ 2 LUGLIO 2015, ORE 21.00

– Sicilia & TOGO (West Africa), Arsene Duevi (Togo) voce e chitarra, Giovanni Falzone (Italia) tromba e effetti umani, con Roberto Zanisi, corde e percussioni, Tetè Da Silveira, djembè,

Gino Carravieri, batteria, i SuperCori e i SuperOttoni

– 1°assoluta In diretta anche su Radio Popolare – Un gigantesco coro, un ensemble di ottoni che evoca le bande di paese e quella tradizione radicata nel tessuto sociale e culturale che non è solo tesoro del sud d’Italia, una voce sciamanica che illumina come il sole del centro dell’Africa nera e una tromba capace di tenere insieme i canti degli schiavi del continente nero e il colore della sua Sicilia. Un progetto speciale che unisce musica etnica, folk, jazz & blues. Tradizione bandistica della Sicilia e quella dei riti Wodoo del West Africa. Una prima assoluta per ETHNO MILANO 2015.

– ARSENE DUEVI (Togo) – Arsene Duevi è cantante, cantautore e polistrumentista (bassista, percussionista e chitarrista), inoltre direttore di coro, educatore ed etnomusicologo (in Africa Occidentale ha condotto una minuziosa ricerca sui ritmi e i canti locali). Dopo essere stato direttore del coro della Cattedrale di Lomé, arriva a Milano nel 2002 e debutta come compositore al Conservatorio di Milano nel 2003. Arsene scrive canzoni nella sua lingua madre e la musica per lui è un potente mezzo espressivo, ma anche spunto per riflessioni che partono dalla saggezza dei proverbi africani per toccare temi prediletti come la pace, la giustizia e i diritti umani, specie quelli dei bambini meno fortunati. Tra gli estimatori di Arsene il grande violoncellista Mario Brunello che lo invita due volte nel suo Capannone Antiruggine a Castelfranco Veneto e, successivamente, nel 2011 giunge la partecipazione alla prestigiosa rassegna I Suoni delle Dolomiti. Festival e concerti in giro per l’Italia si susseguono a ritmo sempre più incalzante, ma la vita di Arsene scorre come un fiume tranquillo, “blewu”, come dice in una delle sue canzoni.

– GIOVANNI FALZONE (Italia) – Trombettista e compositore, comincia lo studio della tromba all’età di 17 anni presso la scuola di musica della banda di Aragona (AG). Si iscrive quindi al Conservatorio “Vincenzo Bellini” di Palermo, presso il quale in soli quattro anni si diploma sotto la guida del maestro G. Ciavarello. Un ulteriore diploma con il massimo dei voti arriva anche al corso di jazz del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano. Dal 1996 al 2004 collabora stabilmente con l’Orchestra Sinfonica di Milano con cui ha occasione di suonare assieme a direttori e solisti di fama internazionale come Giuseppe Sinopoli, Claudio Abbado, Carlo Maria Giulini, Riccardo Chailly, Yutaka Sado, Luciano Berio, Vladimir Jurowski, Valere Giergev.  Dal 2004 si dedica definitivamente al jazz e alla composizione, diventando anche docente di ottoni jazz presso il Conservatorio di Milano e presso la New York University Florence. Tra i tanti premi il Best Talent Umbria Jazz Clinics 2000, al Top Jazz 2004 di «Musica Jazz» (miglior nuovo talento) e all’Accademie du Jazz 2009 (2° classificato nella categoria musicista europeo). Ha vinto il Top Jazz 2011 nella categoria ottoni e con il progetto “Around Ornette” quale miglior disco dell’anno secondo la storica testata musicale.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– il nostro staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– il nostro staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

– Festa piazza Artigianato Milano 27 giugno 2015, musiche e balli da tutto il mondo. Orario, ingresso libero, info

– Festa birra artigianale Milano Parco Forlanini, Italia Beer Festival 25 – 28 giugno, programma

Risottata Albizzate 27 giugno 2015, programma, distanza da Milano, info

Eventi gratis Lodi maggio – ottobre 2015 per Living Expo, programma 400 attività tra turismo, cultura, arte e altro

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here