Concerti gratuiti Palazzo Marino in Musica Milano 7 maggio – 5 novembre 2017, contatti per avere i biglietti gratis

La VI edizione dell’iniziativa presenta il “divino Claudio Monteverde”, di cui ricorrono quest'anno i 450 anni dalla nascita. Di seguito tutte le info

locandinaL’iniziativa Palazzo Marino in Musica, VI Edizione 2017  presenta: “Il divino Claudio” Ai tempi di Monteverdi, con un programma di concerti ad ingresso gratuito dal 7 maggio al 5 novembre 2017 presso la Sala Alessi di Palazzo Marino (Piazza della Scala, 2. Milano).
Palazzo Marino in Musica inaugura infatti la nuova stagione in Sala Alessi dedicando la sua sesta Edizione al “divino Claudio Monteverde” (così lo celebra d’Annunzio nel romanzo Il fuoco), di cui ricorrono quest’anno i 450 anni dalla nascita: colui che, ponendo l’accento sul sentimento dell’uomo e facendo espandere le melodie del canto come mai era accaduto prima, apre il cuore di un pubblico sempre più ampio a una nuova sensibilità musicale, destinata a secolare fortuna.
Traghettando la musica polifonica rinascimentale verso un raffinato intreccio di voci e strumenti, Monteverdi fonde poesia e musica in una simbiosi perfetta; con una fantasia senza eguali e muovendosi attraverso una grande varietà di generi, ha consacrato la sua vita all’esplorazione in musica degli “affetti” e delle emozioni dell’animo umano. La sua musica ha conservato, intatta, la straordinaria capacità di commuovere e con L’Orfeo, ha compiuto quel passaggio epocale verso l’opera, in cui “tutti li interlocutori parleranno musicalmente”.
Attorno alla sua rivoluzionaria figura, che nasce a Cremona nel 1567, la stagione 2017 di Palazzo Marino in Musica si snoderà attraverso l’intricato gioco di stili musicali dei compositori a lui contemporanei: dalla ricchissima produzione del bresciano Biagio Marini, alle armonie cromatiche di Giovanni Gabrieli, ai virtuosismi dei Fiori musicali di Girolamo Frescobaldi, alla raffinatezza delle Canzoni di Tarquinio Merula, delle Sonate di Dario Castello e di molti altri compositori.
Sarà dunque l’estro radioso della musica dei Seicento ad accompagnare quest’anno il pubblico in sei splendidi concerti, da maggio a novembre.
A dare avvio alla stagione, domenica 7 maggio alle ore 11.00, sarà l’Ensemble Consonanze Stravaganti, con la delicatezza primaverile dei versi delle canzonette, villanelle e madrigali che raggiunsero all’inizio del XVII secolo la loro estrema eleganza. La rassegna prosegue a giugno con un concerto proposto dall’Istituto di Musica Antica della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado – Fondazione Milano che celebra la maestosità della scuola veneziana, sovrana indiscussa d’Europa, madre del melodramma, alla quale approdarono i più grandi compositori italiani.
Un appuntamento di grande originalità sarà il concerto di luglio, nel quale la Toccata dell’Orfeo, insieme a composizioni di Scarlatti, Frescobaldi, Malipiero, Gabrieli e Gesualdo Da Venosa, saranno interpretate dai bravissimi sassofonisti del Milano Saxophone Quartet, in trascrizioni sorprendenti e insolite.
Il 3 settembre gli Allievi della Scuola Musicale di Milano dipingeranno un affresco della musica europea ai tempi di Monteverdi, in particolare di quelle nuove forme della musica da ballo che stavano facendo il loro festoso ingresso in tutte le corti d’Europa.
L’evento di punta della stagione 2017 sarà il concerto di domenica 1 ottobre, quando giungerà da Cremona uno dei più antichi violini al mondo: il Carlo IX realizzato da Andrea Amati tra il 1566 e il 1570 per le nozze reali francesi. A suonarlo uno dei più importanti violinisti italiani, Federico Guglielmo, accompagnato da Diego Cantalupi alla tiorba e chitarra. A cura del Museo del Violino, il concerto sarà introdotto dal Maestro Fausto Cacciatori, che presenterà il preziosissimo strumento e racconterà la storia di Andrea Amati, fondatore di una delle prime e più importanti famiglie di liutai italiani.
La concomitanza del concerto di eccezionale valore con l’inaugurazione, il 28 settembre, della mostra “Dentro Caravaggio” allestita a Palazzo Reale fino al 29 gennaio, è anche occasione per mettere in evidenza il legame simbolico e artistico tra la figura di Claudio Monteverdi e il più importante pittore del suo tempo: Michelangelo Merisi. Grande è infatti l’affinità tra i due artisti, che più di ogni altri hanno segnato la storia dell’arte italiana del Seicento. Lo stile concertato monteverdiano trasporta in musica quei chiaroscuri che rendono le opere di Caravaggio uniche al mondo. Entrambi, ricercando nella pittura e nella musica la profondità dei sentimenti, hanno “umanizzato la religiosità e santificato il quotidiano” (John Eliot Gardiner).
Una stretta relazione quella della musica con l’arte, che la rassegna Palazzo Marino in Musica ha da sempre messo in risalto: la raffinatezza e la luminosa eleganza di Sala Alessi quest’anno accoglie proprio quella musica nata nello straordinario momento di fioritura dell’arte, nel quale vennero realizzati anche Palazzo Marino e i suoi splendidi affreschi. Pochi anni infatti separano la nascita di Claudio Monteverdi e Andrea Amati dalla costruzione del Palazzo, oggi sede del Comune di Milano.
Questa edizione di Palazzo Marino in Musica si concluderà a novembre ritornando pienamente a Monteverdi con alcune delle sue più belle arie eseguite, insieme ad alcune preziose musiche di compositori del suo tempo, dal raffinato soprano tedesco Anna Kellnhofer accompagnato dal liutista Massimo Lonardi.
La rassegna Palazzo Marino in Musica, patrocinata dal Comune di Milano e giunta alla sua sesta edizione, è sostenuta da Intesa Sanpaolo con il contributo di Suez Degremont. Il progetto è stato promosso nel 2012 dal consigliere comunale Filippo Barberis e con l’idea di aprire Sala Alessi a nuovo palco per la musica classica, arricchendo così il patrimonio culturale della città. La direzione artistica è curata da Ettore Napoli e Davide Santi all’interno di una produzione affidata a Rachel O’Brien.

Domenica 7 maggio, ore 11.00
La primavera dei dolci e languidi sospiri
Ensemble Consonanze Stravaganti
Dall’incontro della musica con la poesia sbocciarono nelle fiorenti corti italiane composizioni delicate e raffinate: ispirandosi alla freschezza e alla leggerezza dei canti pastorali del Cinquecento, le canzonette e villanelle dipingono, attraverso commoventi versi poetici, sentimenti, affetti, amori e passioni. La primavera del canto in cui musica e parola si fondono in nuove forme di altissima armonia.
Linda Przybiernow, violino
Graziana Palazzo, soprano
Andrea Antonel, theorbo
Programma:
Claudio Monteverdi – Ohimè ch’io cado
Biagio Marini – La Gardana
Biagio Marini – Novello cupido (Donna che loda il canto di bellissimo giovanetto)
Biagio Marini – Sonata Variata
Kapsberger – O fronte serena (Secondo Libro di Villanelle)
Biagio Marini – Romanesca
Claudio Monteverdi – Voglio di vita uscir
Bellerofonte Castaldi – La Follia
Biagio Marini – Ite ho mai (Invito a l’Allegrezza)
Biagio Marini – La Vetrestain corrente
Giovanni Girolamo Kapsberger – Che fai tu (Secondo Libro di Villanelle)
Giovanni Girolamo Kapsberger – Passacaglia in la
Claudio Monteverdi – Quel sguardo sdegnosetto
Biagio Marini – La Caotorta, (Gagliarda a 2)
Giovanni Girolamo Kapsberger – Sonino, scherzino (Quarto Libro di Villanelle)

Domenica 4 giugno ore 11.00
Fioriture musicali
Civica Scuola di Milano Claudio Abbado – Fondazione Milano
Un vento maestoso soffiava nella Venezia del Seicento, melodie di fine bellezza risuonavano in calli e canali con i loro splendenti saloni e palazzi nobiliari, percorrevano il Canal Grande fino a inondare di una musica nuova la radiosa cappella di San Marco. Qui approdarono i compositori che resero la Serenissima lo splendore e il centro della vita musicale europea.
Eleonora Bellini, soprano
Ariadna Quappe, flauto
Andrea Vassalle, violino
Anaïs Lauwaert, Iris Fistarollo, viole da gamba
Tommaso Fiorini, violone
Margherita Burattini, arpa
Mattia Marelli, clavicembalo
Programma:
Biagio Marini – Sinfonia del quinto tuono (Sonate da Chiesa e da Camera, Op. XXII, Venezia, 1655)
Giovanni Gabrieli – Canzon seconda a 4
Biagio Marini – Balletto quarto Allemano
Biagio Marini – Zarabanda quarta
Biagio Marini – Corrente seconda (Sonate da Chiesa e da Camera, Op. XXII, Venezia, 1655)
Dario Castello – Sonata seconda a Soprano solo (Sonate Concertate in Stil Moderno, Libro II, Venezia, 1644)
Claudio Monteverdi – Dolcissimo uscignolo (Madrigali Guerrieri et Amorosi, Libro VIII, Venezia, 1638)
Tarquinio Merula – La Cattarina(Canzoni overo sonate concertate per chiesa e camera, Op. XII, Venezia, 1637)
Tarquinio Merula – La Monteverde (Il Quarto Libro delle Canzoni da sonare a doi et a tre, Op. XVII, Venezia, 1551)
Claudio Monteverdi – Si dolce è ‘l tormento (Quarto scherzo delle Ariose Vaghezze, Venezia, 1624)
Giovanni Pierluigi da Palestrina – Tota pulchra es, amica mea (Mottettorum Liber Quartus, Diminuzioni di Giovanni Bassano)
Dario Castello – Sonata XVI (Sonate Concertate in Stil Moderno, Libro II, Venezia, 1644)
Claudio Monteverdi – Lamento d’Arianna (Venezia, 1623)

Domenica 2 luglio ore 11.00
Original Monteverdi
Milano Saxophone Quartet
– Un sorprendente Monteverdi che attraversa il tempo e la storia per ritornare da noi in un’originalissima trascrizione per quartetto di sassofoni. Un’interpretazione che ci riporta all’antica prassi veneziana di tenere concerti all’aria aperta, nelle piazze e nei campi in occasione di festività e che ripropone in chiave moderna la ricca produzione barocca di “Canzoni da sonar”, destinate a strumenti brillanti come gli ottoni.
Damiano Grandesso – sax soprano
Stefano Papa – sax contralto
Massimiliano Girardi – sax tenore
Livia Ferrara – sax baritono
Programma:
Claudio Monteverdi  – Toccata da L’Orfeo
Gesualdo Da Venosa – 2 madrigali: Tu m’uccidi o crudele / Itene miei sospiri
Domenico Scarlatti /Salvator Sciarrino – Canzoniere da Scarlatti
Girolamo Frescobaldi – 2 canzoni da sonare a quattro
Gian Francesco Malipiero – Vivaldiana
Giovanni Gabrieli – Canzone a quattro

Domenica 3 settembre ore 11.00
Danze e fantasie europee
Scuola Musicale di Milano
– Dalla seconda metà del Cinquecento la musica da ballo fa il suo sfarzoso ingresso in tutte le corti d’Europa. Il secolo successivo è un germogliare di fantasie, capricci e composizioni destinate alla danza, figurata e di gruppo: dalle Fiandre (Sweelinck) all’Inghilterra (Byrd e Gibbons), dalla Francia (Susato) alla Germania (Melchior) e, naturalmente, all’Italia.
Allievi della Scuola Musicale di Milano
Programma:
Girolamo Frescobaldi – Capriccio sopra la Battaglia
William Byrd – Sixth Pavan and Galliard
Jan Peterszoon Sweelinck – Il Ballo del Granduca
Claudio Monteverdi – Entrata da Il ballo delle ingrate
Franck Melchior – Pavana III à quattro
TylmanSusato – La Mourisque
Eustache Du Caurroy – Trentedeuxième Fantaisie à quatre sur “Une jeune fillette”
Biagio Marini – Passacalio à trè & à quattro
Orlando Gibbons – Fantasia a tre
Claudio Monteverdi – Sinfonia da L’Orfeo – primo atto

Domenica 1 ottobre 2017, ore 11.00
La prima voce del violino
Museo del Violino
– Un violino di inestimabile valore, tra i più antichi al mondo, il Carlo IX realizzato da Andrea Amati per le nozze reali francesi nel 1570, sarà il protagonista di un concerto che ripercorre la storia della nascita del violino attraverso alcuni dei primi e più rari brani composti per questo strumento.
Il capolavoro creato dal fondatore della prima famiglia di liutai cremonesi, sarà presentato dal Maestro Fausto Cacciatori, conservatore delle collezioni del Museo del Violino di Cremona.
Federico Guglielmo, violino Andrea Amati, Carlo IX, 1570 ca.
Collezioni Civiche Liutarie del Comune di Cremona, Museo del Violino
Diego Cantalupi, tiorba & chitarra
Programma:
Francesco Carubelli – Brando, Spagnoletta, Corrente & Gagliarda
Giovanni Amigoni – Sinfonia a violino solo
Niccolò Corradini – Sonata a due, violino e basso, “La Sfrondata”
Bellerofonte Castaldi – Un bocconcino di fantasia
InnocentioVivarino – Sonata per il violino (c.1575-1626)
Biagio Marini – Variata per il violino
Michel Farinel – Faronell Divisions upon a Ground
John Playford – The Duke of Norfolk or Paul’s Steeple
Nicola Matteis – Diverse Bizzarrie sopra la vecchia Sarabanda
Giulio Banfi Milanese – Villan di Spagna
Arcangelo Corelli – Sonata op. V n. 10

Domenica 5 novembre ore 11.00
Di dolcissimo amor inebriato
Duo Kellnhofer – Lonardi
– Alcune fra le più preziose arie e melodie di Monteverdi eseguite da voce e liuto, accostate a rare perle musicali di compositori italiani meno noti e inaspettati: raffinati gioielli di quella “musica reservata” che veniva suonata in ambienti raccolti di fini intenditori. Il connubio di poesia e melodia che rende senza tempo l’estetica e l’estro del “Divino Claudio”.
Anna Kellnhofer – soprano
Massimo Lonardi – arciliuto
Programma:
Claudio Monteverdi – Prologo (da L’Orfeo)
Girolamo Frescobaldi – Toccata per liuto
Claudio Monteverdi – Dolci miei sospiri
Michelangelo Galilei – Toccata
Claudio Monteverdi – Perché se m’odiavi giuravi d’amarmi?
Cesare Negri – Bianco Fiore
Girolamo Frescobaldi – Aria di Passacaglia
Anonimo (sec. XVII) – La Bertoncina
Claudio Monteverdi – Eri già tutta mia
Bernardo Gianoncelli – Toccata
Claudio Monteverdi – Ecco di dolci raggi il sol armato
Andrea Falconieri – La Suave melodia
Claudio  Monteverdi – Hoimè ch’io cado
Anonimo (sec. XVII) – Toccata
Claudio Monteverdi – Sì dolce è il tormento

Ingresso gratuito
100 biglietti potranno essere riservati online sul sito
www.palazzomarinoinmusica.it a partire dalle 14.00 del giovedì precedente ogni concerto.

50 biglietti saranno disponibili presso InfoMilano – Ufficio Informazioni
Turistiche a partire dalle ore 14.00 del giovedì precedente ogni concerto.
Sarà possibile ritirare fino a due biglietti a persona.

InfoMilano – Ufficio Informazioni Turistiche
Galleria Vittorio Emanuele angolo Piazza della Scala
Tel. 02 88 45 55 55
Orari d’apertura: lunedì – venerdì 9.00-19.00; sabato: 9.00-18.00.

Palazzo Marino in Musica
Stagione 2017, VI Edizione– “Il divino Claudio” Ai tempi di Monteverdi
Sala Alessi – Palazzo Marino
Piazza della Scala, 2. Milano
Tel. 349 09 96 481 ufficiostampa@palazzomarinoinmusica.it
info@palazzomarinoinmusica.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here