Museo delle Stelline: esposizione con ingresso gratuito dell’opera “Play the Glass” di Hiromi Masuda, per continuare a sognare

03“Il vetro racconta nelle sue tante espressioni, fissa con occhi trasparenti, tende la mano morbida quanto la guancia di un bambino. Una leggerezza che ti viene da saltellare, un calore che ti invita a lasciarti andare, un sospiro passionalmente profondo come una forza ammaliatrice induce sul fondo del mare, con luce fredda chiude il cuore. Il vetro mi dice ‘Racconta chi sei’. Nel fondo del cuore di ognuno, l’ira affonda sempre silenziosa, anche il vetro sembra possederne e ora mi dice “Rivelala”.

Queste le parole per descrivere il rapporto che la nota artista nipponica Hiromi Masuda ha con il vetro, profonda essenza della sua ricerca, chiave di volta per una sinergia in grado di unire due mondi e due mentalità, Occidente e Oriente.

 

02Fu proprio grazie a Hiromi Masuda che, nel 2007, Milano raggiunse un momento di vero incanto artistico, attraverso l’esposizione di 160 bolle in vetro soffiato che impreziosirono l’Ottagono di Galleria Vittorio Emanuele II, e divennero patrimonio per i tanti cittadini e turisti sempre in cerca di qualcosa “di lieto e di bello” tra le strade della Città.

 

Ora, 3 anni dopo, Hiromi Masuda ha donato un’installazione che verrà ospitata stabilmente alla Fondazione Stelline: l’opera “site specific” Play the Glass, composta da 30 sculture in vetro soffiato di Murano (24 nere e 6 specchiate), poste su una pedana nera di metallo verniciato.

 

Tutti noi potremo ammirarla ogni giorno dalle 10 alle 18, alla Terrazza “Orti di Leonardo” all’interno della Fondazione Stelline, in corso Magenta 61. L’ingresso è piacevolmente libero ed aperto a tutti!


                                                                                             Valentina Pirovano