Un colore fa primavera?

Il rinnovo primaverile non si deve limitare ad avvolgere solo il nostro guardaroba, quindi, lasciamoci trasportare dall’entusiasmo e non facciamoci sfuggire l’occasione per dare nuova vita anche alla casa.

 

 

Innanzitutto un sospiro di sollievo: basta poco per ottenere risultati ottimi senza disperdere lo stipendio di 6 mesi lavoro! E saranno sufficienti pochi dettagli per avere ambienti rinnovati, vivaci e pieni di allegria!

 

La cosa fondamentale è cominciare… dal colore. Tradotto: entriamo nella nostra cucina, nella camera, nel salotto o nel bagno, chiudiamo gli occhi per qualche istante e chiediamoci da quale tinta vorremmo essere circondati. In linea di massima, teniamo conto che i colori caldi rendono gli ambienti più festosi e accoglienti, mentre quelli freddi inducono maggiormente al relax. Dopodiché, si dia inizio ai giochi!

 

 

Per una cucina davvero primaverile, ad esempio, perché non buttarsi sul giallo o sull’arancione? Piatti, bicchieri, tazzine, presine e tovaglie saranno i nostri perfetti alleati, e in ogni negozio di casalinghi, nei centri commerciali o nei grandi magazzini, troveremo assortimenti sconfinati dove scegliere brocche satinate, posate cromate e cestini per frutta degni di Carmen Miranda.

 

Per le stanze da letto, ampliamo il discorso: se ritinteggiare le pareti sarebbe una fatica spropositata e non ci passa neppure per l’anticamera del cervello l’intenzione di affrontarla, agiamo d’astuzia: per dare un tocco di fresco agli spazi andrà benissimo pitturare anche solo piccole porzioni di parete, dipingendo un fiore o creando un punto-luce, e coordinando il tutto con un nuovo copriletto e qualche cuscino tono su tono (per i meno “creativi”, no problem: potremo soppiantare l’incapacità artistica con gli ottimi stencil!).

 

In ogni caso, teniamo sempre presente che, più vengono riprodotti su ampie superfici, più i colori tendono a diventare scuri ed intensi. Inoltre, non accontentiamoci di una vernice “qualunque”: anche in questo settore esistono le versioni ecologicamente corrette, a base di prodotti assolutamente naturali.

 

A questo punto, applichiamo la medesima linea-guida anche per il salotto, dove gli elementi da collegare saranno il copridivano, qualche vaso di fiori che fa tanto Casa Forrester, nonché cornici porta-fotografie, portamatite, posacenere e così via. Per il bagno, sbizzarriamoci infine su asciugamani, tappetini, porta-sapone e porta-dentifricio.

 

Dopodiché, disseminiamo tutto il resto con una miriade di “cianfrusaglie acchiappa-sorriso”… Mai sentito parlare, ad esempio, dei forma-ghiaccio a diamante? Costano poco più di 5 euro l’uno e, se mischieremo all’acqua qualche goccia di sciroppo alla menta, alla fragola, alla granatina o al tamarindo, una volta estratti dal freezer disporremo di cubetti per cocktails divinamente chic, da sfoggiare con gli amici o godersi da soli santissima pace!

 

In più, per la gioia di grandi e piccini, non facciamoci mancare le divertentissime macchine per le granatine, per le crepes, per il gelato o addirittura per lo zucchero filato, agghindate con adorabili orecchie da Topolino!

 

Per completare, non possiamo dimenticarci le coppette da dessert a forma di cono gigante, da utilizzare tenendole in mano oppure appoggiandole all’apposita base, in vari colori dal fucsia al turchese, passando per il verde mela, il giallo limone o l’arancione.

 

Infine, per concludere la giornata nel più romantico relax, torniamo nella sala da bagno e sfoderiamo un immancabile accessorio: le candele galleggianti.

 

Ne esistono di forme e dimensioni assolutamente disparate: orchidee, calle, tulipani, margherite, rose, foglie di edera, quadrifogli e gli inevitabili cuoricini di tutti i colori…. E ora che c’è la scenografia, non ci resta che concentrarci bene sulla “compagnia”!


Valentina Pirovano