Elephant Parade Milano 2011, percorso per una passeggiata assieme a 80 cuccioli di elefante sparsi per la città

Camminando per le vie di Milano, anche il più distratto dei passanti si sarà sicuramente accorto della presenza di questi splendidi e coloratissimi cuccioli di elefanti. Come già anticipato, fino al 15 novembre la città meneghina sarà, infatti, il palcoscenico d’eccezione di Elephant Parade. A seguire il mio itinerario, corredato dalle foto degli elefanti incontrati lungo un tragitto ideale per rendere indimenticabile un pomeriggio d’arte a costo zero.

 

ELEPHANT PARADE MILANO 2011

  • Elephant Parade è una mostra open air  di fama mondiale, che coniuga la cultura a costo zero con l’impegno sociale: l’obiettivo è raccogliere fondi per l’Asian Elephant Foundation, impegnata per la salvaguardia dell’elefante asiatico e del suo habitat naturale;
  • L’edizione milanese, patrocinata dall’Assessore alla Cultura e dalla Camera Nazionale della Moda, conta 80 cuccioli di elefanti a grandezza naturale, realizzati in vetroresina da artisti e designer di fama internazionale;
  • Il partner locale dell’evento è la Fondazione Telethon, da sempre impegnata per promuovere la ricerca scientifica nel campo delle malattie genetiche: “L’abbinamento tra ricerca e creatività artistica ci offre una bella opportunità per portare all’attenzione del pubblico i temi della ricerca e delle malattie genetiche in un modo nuovo e molto efficace” ha dichiarato Francesca Pasinelli, Direttore generale di Telethon.
  • Dal 15 settembre al 15 novembre, gli esemplari si troveranno nei luoghi e nelle piazze più significative del capoluogo lombardo, fra cui:
  • Porta Venezia;
  • Centro Storico e quadrilatero della moda;
  • Brera;
  • Navigli;
  • Milano Fiera;
  • Porta Romana;

 

PRIMA TAPPA: PORTA VENEZIA E GIARDINI DI PALESTRO

  • Il mio percorso incomincia da Porta Venezia. Qui ad attendermi c’è il divertente ed eccentrico elefante del designer Karim Rashid, “Elephant@work”, originariamente previsto in piazza Duca d’Aosta, di fronte alla Stazione Centrale;
  • Proseguendo in corso Venezia, entro nei giardini pubblici dall’ingresso principiale. Di fronte al Museo della Scienza e della Tecnica, posso osservare altri 4 bellissimi esemplari:
  1. “La vie en rose” di Fulco Pratesi con cerchi concentrici blu, viola e azzurro in stile optical;
  2. “Giustino” di Lorenzo Macrì con la collaborazione della Scuola San Giusto;
  3. “Elefly” della giovane e poetica Annalù;
  4. “Swordfish” di Norberto Civardi che, guardandolo da dietro, ricorda un carillon.

SECONDA TAPPA: IL QUADRILATERO DELLA MODA –

  • Sembra che anche gli elefanti non sappiano resistere al fascino delle griffe. Il primo pachiderma si trova in via della Spiga: è “Elephant boy” di Benedetta Mori Ubaldini. A bordo dell’elefante un bambino in compagnia di due passeri colorati;
  • Dopo aver fotografato e ammirato lo splendido esemplare, proseguo per corso Venezia in direzione piazza San Babila. Qui è possibile ammirare altre 3 opere d’arte:
  1. “Futuro” di Alfredo Futuro, un elefante di ispirazione orientale con ciglia allungate e piramide d’oro sul dorso;
  2. “L.A. Star” di Vincenzo Marsiglia, interamente realizzato in denim;
  3. “Elephamm” di Alberto Passini e Massimo Fabbro che impugna con la proboscide una matita e che vive sopra l’arcobaleno come recita la scritta dietro il suo capo.
  • Prima di addentrarmi nel centro storico, giro a sinistra e mi dirigo in corso Matteotti. Fra una vetrina e l’altra scovo altri 2 elefanti della parata: “Kiss him” di Barnaba Forsanetti e il serioso “Scratch” di Joost Van Bleiswijk (che inizialmente avrebbe dovuto trovarsi in Brera);
  • Concludo il mio tour nel quadrilatero milanese passando per via Montenapoleone e arrivando in via Manzoni: a far capolino fra le vetrine della Milano bene “Sir Lancelot” di Pawel Grunert, un pachiderma grigio munito di spuntoni.

 

TERZA TAPPA: CENTRO STORICO E RINASCENTE –

  • Lungo corso Vittorio Emanuele trovo altri 2 esemplari della bizzarra parata: “Mosha in Italy” di Nipapat Yaimali e “Vinci”, realizzato dal vignettista satirico Vincino.
  • Elephant Parade anche alla Rinascente. Fare le compere è ancora più bello in compagnia degli elefanti, tra i quali c’è quello tutto glitter e Swarovski della cantante pop Katy Perry, ispirato al suo California Dream Tour;
  • Uscito dal shopping store, mi dirigo in piazza della Scala nella quale, di fronte all’omonimo teatro e all’interno di una teca, c’è “Arcobaleno”, del pittore Marcello lo Giudice: un vero tripudio di colori. Lasciato alle spalle il Teatro alla Scala, mi reco in piazza Cordusio. Qui ci sono 3 opere, tra le quali spicca l’elefante di ispirazione indiana pensato dalla modella internazionale Jodie Kidd;
  • Proseguendo per via Dante, s’incontrano altri 2 elefanti: “Anima-le” della scultrice Rabarama e “ZAG” di Aston Martin Zagato che ricorda una palla da biliardo.

 

QUARTA TAPPA: TRIENNALE E CASTELLO DI MILANO –

  • Prima di entrare in parco Sempione, svolto per piazza Cadorna. A salutare i pendolari ci sono 3 bellissimi esemplari: uno di questi si chiama “Eleghino Elefante Meneghino” ed è una rivisitazione in stile cartoon della cartina di Milano;
  • Davanti alla Triennale di Milano, in via Alemagna, altri 3 pachidermi: merita attenzione “Little miss DMT” degli inglesi Carrie Reichardt e Nick Reynolds, un elefante realizzato con la tecnica del mosaico.
  • Infine, per concludere il mio itinerario, ne approfitto per una fare una passeggiata in parco Sempione. Ad attendermi all’entrata del Castello, ci sono altri 4 splendidi elefanti disposti ai lati della fontana: particolarmente irriverente è “Dollar” di Massimo Gurnari, un animale pop sul quale compare un George Washington lacrimante (in realtà questa opera avrebbe dovuto trovarsi di fronte all’Università Cattolica del Sacro Cuore, tra largo Gemelli e via Sant’Agnese).

 

IL SALUTO DEGLI ELEFANTI – Chi, entro il 15 novembre 2011, non avrà fatto a tempo a scovare tutti gli 80 cuccioli sparsi per la città, non si disperi. Prima di essere battuti all’asta presso il Palazzo del Ghiaccio, dal 19 al 21 novembre gli elefanti raggiungeranno i Frigoriferi Milanesi, luogo d’incontro e di scambio dedicato all’Arte e alla Cultura, per un simbolico saluto alla città.





Leggi anche:

Arteractive Milano 2011, all’Urban Center va in scena l’arte 2.0

Musei gratis Milano e provincia 23 – 25 settembre Fai il Pieno di Cultura, elenco completo di iniziative ed eventi

Giornate europee del Patrimonio 24 e 25 settembre 2011, elenco musei statali e luoghi d’arte visitabili gratuitamente in tutta Italia

Eventi Milano Fashion Design 2011 piazzetta Liberty, sfilate, performance, lezioni di make up 21 – 25 settembre, programma

Settimana della Moda Milano 21 – 27 settembre 2011, calendario completo delle sfilate, orari e indirizzi


Francesco Tempesta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here