Ictus cerebrale, struttura specializzata ospedale San Giuseppe Milano, arriva la Stroke Unit

L’ictus rappresenta nei paesi industrializzati una delle più importanti problematiche sanitarie; costituisce infatti la prima causa di invalidità permanente e la seconda causa di demenza. In Italia costituisce la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie, causando il 10-12% di tutti i decessi per anno. In Italia, in base ai principali studi epidemiologici disponibili, l’incidenza è di 2,15/2,54 nuovi casi per mille abitanti all’anno. In una città come Milano (con le sue aree limitrofe) vi sono in un anno dai 6.450 ai 7.620 nuovi casi di ictus cerebrale e si calcola che l’evoluzione demografica innalzerà questi valori. In questo contesto è stata attivata presso l’Ospedale San Giuseppe del Gruppo MultiMedica, in Via San Vittore, una nuova Stroke Unit: l’unità operativa d’urgenza per i pazienti colpiti da ictus celebrale, accreditata dalla Regione Lombardia e inserita nella rete del Servizio Sanitario di Urgenza ed Emergenza 118, in grado di affrontare globalmente il percorso del paziente, dall’arrivo nel dipartimento d’emergenza fino alla sua riabilitazione psicomotoria.

 

LA STROKE UNIT E GLI INTERVENTI IMMEDIATI PER RIDURRE MORTALITA’ E INVALIDITA’– L’Unità CerebroVascolare (UCV) o Stroke Unit nasce con l’obiettivo primario di accelerare l’intervento sul paziente.

  • “Fino a pochi anni fa in medicina prevaleva un atteggiamento piuttosto passivo nei confronti dei pazienti colpiti da ictus cerebrale – spiega Pietro Bassi, responsabile dell’Unità Operativa di Neurologia dell’Ospedale San Giuseppe, – motivato dal fatto che non erano disponibili terapie specifiche ed efficaci per l’ictus.  Le Stroke Unit, oggi, sono in grado di eseguire una terapia specifica per l’ictus ischemico entro 3 ore dall’inizio dei sintomi, e tale terapia è in grado di ridurre la mortalità e le invalidità dovute alla malattia”.

 

IL REPARTO OSPEDALIERO DEDICATO

  • Il reparto è composto  da letti dedicati esclusivamente a questa patologia,  di modo che i malati con ictus vengono seguiti da un team multidisciplinare costituito da infermieri, tecnici della riabilitazione e medici.
  • Fanno parte del team anche l’assistente sociale, la logopedista e la terapista occupazionale.
  • Il team si impegna a valutare tutti gli aspetti della malattia e della disabilità, identifica gli obiettivi e lavora in modo coordinato.
  • “Uno studio di comparazione fra il trattamento in un reparto di medicina generale e quello in una Sroke Unit – prosegue Bassi – ha  dimostrato la superiorità dell’unità specializzata  in confronto ai ricoveri in reparti di medicina, neurologia e geriatria, offrendo così una nuova prospettiva ai pazienti con ictus”.

 

IL COMMENTO DELL’AD DEL GRUPPO MULTIMEDICA – “Si tratta di un traguardo importante per l’Ospedale San Giuseppe – spiega Daniele Schwarz, Amministratore Delegato del Gruppo MultiMedica – che con l’inaugurazione della stroke unit diventa una struttura di eccellenza anche per il trattamento delle urgenze. Questa nuova unità operativa è una conferma dell’avanzamento dei lavori cominciati nel marzo scorso con un investimento di 20 milioni di euro, volti a potenziare i reparti già esistenti nella struttura e a introdurre nuovi reparti come risposta alle esigenze dell’area cittadina specifica di questo ospedale”.

 

INFORMAZIONI – Per ulteriori informazioni chiamare lo 02-85.991

 

Leggi anche:

Banchetti donatori midollo osseo Milano sabato 2 e domenica 3 aprile 2011, indirizzi e orari

Visite mediche gratis per bambini, iniziativa del Comune di Milano fino al 31 marzo 2011, telefono per prenotazioni

Test HIV e HCV gratuito, anonimo, immediato per tutto il 2011, ecco dove

Sindrome di Rett, possibile terapia da Ricerca Telethon, Università di Torino e San Raffaele di Milano, dettagli

Tumore al pancreas, nuove terapie San Raffaele Milano, massimi esperti e contatti per i pazienti

Radioterapia innovativa Rapidarc Humanitas, gli entusiasmanti traguardi raggiunti contro il cancro

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here