Donare il sangue a Milano, dai 18 anni in su un gesto di altruismo importante

L’assessorato alla Salute del Comune di Milano prosegue la sua opera di prevenzione con una nuova campagna per la donazione di sangue rivolta soprattutto ai giovani. In particolare, ai 10mila ragazzi che nel 2010 hanno compiuto diciotto anni, età in cui si può iniziare  a donare sangue, sensibilizzati con una lettera inviata a domicilio. Ed è destinato a loro, ma non solo, l’opuscolo “La donazione di sangue fa bene anche a te”. “L’Italia infatti – spiega l’Assessore alla Salute Gianpaolo Landi di Chiavenna – vanta 56 milioni di abitanti, di cui solo uno però è donatore”

 

OBIETTIVI DELLA CAMPAGNA – Questi gli obiettivi del team di lavoro:

–  sviluppare la cultura della donazione del sangue;

–  connettere e mettere in rete le attività delle varie associazioni impiegate nel campo;

–  stimolare la collaborazione nei casi di emergenze  cittadine  per  prevenire  fasi cicliche critiche per la disponibilità di emocomponenti;

–  coinvolgere i Consigli di Zona per proporre una periodica sensibilizzazione e donazione “sul posto”, con l’ausilio di unità mobili di prelievo;

– sensibilizzare gli studenti;

–  istituire un’intesa tra il Comune di Milano, Direzione Generale Sanità delle Forze Armate e il Centro Nazionale  Trapianti per valorizzare la figura del Donatore Volontario Militare.

 

DONARE IL SANGUE PER IL BENE PROPRIO E DEI MALATI – Il professor Fernando Ravagnani, Direttore del Dipartimento di Patologia Diagnostica e Laboratori della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori sottolinea: “Il principio fondamentale sul quale si basa la donazione di sangue o di suoi componenti, è che il donatore sia in buona salute al fine di rispondere a due imperativi:

–         la donazione non deve nuocergli in alcun modo: è il primo criterio assoluto che il medico deve applicare con prudenza, intelligenza e, non ultimo, buon senso. Il benessere del donatore deve essere garantito evitando tassativamente che necessità contingenti possano influire su scelte in cui la salute del donatore sia implicata;

–         il suo sangue non deve nuocere al ricevente: non deve donare sangue chi è affetto da malattie trasmissibili con il sangue e chi ha avuto in un periodo precedente (variabile da caso a caso) eventi o comportamenti (volontari e non) che possono averlo esposto al rischio di contrarre agenti infettanti trasmissibili con il sangue.

 

IL RICAMBIO GENERAZIONALE DEI DONATORI E LA MANCANZA DI NUOVE LEVE – “Il problema del ricambio generazionale –  sottolinea Sergio Casartelli, presidente onorario di AVIS Milano – già da alcuni anni presenta tutta la sua drammaticità rispetto alla donazione sangue e in prospettiva metterà in grave difficoltà la capacità trasfusionale per i malati. Siamo in grave ritardo, dobbiamo prenderne coscienza immediatamente e impegnarci duramente ogni giorno in sinergia con tutti gli interlocutori del mondo giovanile: scuole, università, istituzioni, enti vari e aziende”.

 

INFORMAZIONI – per scaricare tutte le informazioni contenuti nell’opuscolo “La donazione di sangue fa bene anche a te”, CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Visite mediche gratuite Milano 24 marzo – 8 maggio 2011, patologie cardiovascolari, dermatologiche, allergie e altro, elenco completo, dove e quando

Corso gratuito cura del paziente oncologico Milano, maggio – novembre 2011, programma e tutte le info

Test HIV e HCV gratuito, anonimo, immediato per tutto il 2011, ecco dove

Fatebenefratelli, analisi sangue in pomeriggio, bambini sotto i 14 anni gratis e fino ai 17 si paga al ritiro

Farmacie antifumo, ecco gli indirizzi dove psicologi e medici seguiranno e aiuteranno gratuitamente ogni paziente

Validità di un anno alle ricette per esami medici ed estensione bollino verde agli specialisti delle strutture private

Il ticket sanitario si paga online – il sistema pagocrs è al via da oggi – ecco come funziona e dove

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here