Congresso tumore gastrico San Raffaele Milano 16 e 17 settembre 2011, i più autorevoli esperti italiani e internazionali parleranno di terapie e tecniche di diagnosi

Il 16 e il 17 settembre l’Istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano ospiterà il Congresso Internazionale sul tumore gastrico. Si tratta di una due giorni di confronto multidisciplinare tra i più autorevoli esperti italiani e stranieri che discuteranno le scoperte e le tecniche più recenti nella diagnosi e terapia di questa neoplasia.

 

I PROGRESSI DEGLI ULTIMI ANNI – Secondo i dati registrati dalla WHO (World Health Organization) il carcinoma gastrico è responsabile della morte di 740.000 pazienti all’anno, la seconda causa di morte per tumore nel mondo.

  • I fattori eziologici sono numerosi e ancora in corso di definizione, ma molti sono i progressi registrati negli ultimi anni grazie a studi molecolari di ricerca traslazionale e all’introduzione di nuove tecnologie e nuovi farmaci chemioterapici e biologici (anticorpi monoclonali).

 

IL MEDICO CHE PRESIEDERA’ L’EVENTO – L’evento, con il patrocinio della Società Italiana di Chirurgia (SIC) e della Società Italiana di Chirurgia Oncologica (SICO), è presieduto e organizzato dal professor Carlo Staudacher:

  • ordinario di Chirurgia Generale presso l’Università Vita-Salute San Raffaele,
  • Direttore del Dipartimento di Chirurgia e dell’Unità di Chirurgia Gastroenterologia e pancreatica dell’Istituto Scientifico San Raffaele di Milano.
  • Saranno inoltre presenti numerosi scienziati e medici provenienti da tutto il mondo.
  • In particolare, il congresso vuole essere un punto di incontro per discutere e sviluppare nuovi processi di trattamento e migliorare i risultati clinici della terapia del carcinoma gastrico.

 

LE TEMATICHE TRATTATE – Le principali tematiche in programma sono:

  • nuove tecniche diagnostiche radiologiche ed  endoscopiche,
  • chemioterapia neoadiuvante,
  • trattamento mini-invasivo,
  • chemio-ipertermia intraperitoneale,
  • ricerca del linfonodo sentinella,
  • protocolli di ricerca traslazionale,
  • ricerca di cellule tumorali circolanti.

 

L’IMPOTANZA DELLA DIAGNOSI PRECOCE – Il professor Carlo Staudacher afferma: “Uno dei cardini è costituito dalla diagnosi precoce della neoplasia. Infatti in questi casi la sopravvivenza a 5 anni è di circa il 95%.

  • Nei casi progressivamente più avanzati l’aspettativa di vita scende, ma ultimi anni gli studi scientifici hanno permesso una migliore conoscenza della malattia nelle sue diverse modalità di presentazione e di comportamento biologico consentendo un miglioramento della strategia terapeutica.
  • Ad esempio, in molti casi, l’introduzione della chemioterapia neoadiuvante (che precede l’intervento chirurgico), l’individuazione dei fattori di rischio, lo studio della medicina molecolare, la ricerca delle cellule tumorali circolanti, l’applicazione della tecnica del linfonodo sentinella, la riduzione dello stress chirurgico, l’utilizzazione di tecniche chirurgiche nuove, la chemioterapia ipertermica intraperitoneale, la disponibilità di nuovi schemi chemioterapici, la scoperta di nuovi farmaci biologici ecc. hanno comportato un significativo miglioramento dei risultati.
  • Infatti basti pensare che all’inizio degli anni ’80 la sopravvivenza a 5 anni era del 15%, mentre ora si sfiora il 50%. Gli scambi di esperienze cliniche, dei dati delle ricerche di base e cliniche costituiscono il fattore più importante per migliorare sempre di più i risultati terapeutici .”

 

PER INFORMAZIONI – Per ulteriori informazioni:

  • Management of Gastric Cancer in Europe
  • 16-17 settembre 2011
  • Istituto Scientifico Universitario San Raffaele
  • Via Olgettina 60 – Milano
  • Tel. 02-26.43.28.52

 

Leggi anche:

Nuova cura cancro San Raffaele Milano, nuova scoperta che agisce direttamente sulla proteina che fa crescere le cellule tumorali, dettagli e nomi dei professori

Tumore al pancreas, nuove terapie San Raffaele Milano, massimi esperti e contatti per i pazienti

Cause sclerosi multipla, risultati studio internazionale su individuazione di 29 nuove varianti genetiche associate alla patologia, nomi dei medici italiani che hanno condotto la ricerca, ospedali dove lavorano, recapiti e numeri diretti per i pazienti

Nuova cura sclerosi multipla San Raffaele Milano, scoperto come modulare la mielinizzazione dei nervi, dettagli e nomi dei professori che hanno condotto lo studio

Radioterapia innovativa Rapidarc Humanitas, gli entusiasmanti traguardi raggiunti contro il cancro


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here