Furto rolex corso Sempione Milano, la vittima: “Aggressioni da terzo mondo, e nessuno mi ha aiutata!”

PisapiaDi seguito la segnalazione inviata alla nostra Redazione (redazione@cronacamilano.it) circa l’ennesimo furto di Rolex, perpetrato con il trucco dell’urto dello specchietto. La vittima è una donna di 30 anni, non italiana, aggredita brutalmente alle 10 del mattino nella centralissima corso Sempione. Nonostante le auto ferme al semaforo, nessuno è intervenuto per aiutare la cittadina e, gli stessi Carabinieri poi sopraggiunti, hanno ammesso: “Sappiamo chi sono, sappiamo dove fanno “scouting” ma, anche se li prendiamo, escono dopo due ore”. Ormai “Milano è stata trasformata in  una città del terzo mondo”, conclude la lettrice. Nel dettaglio:

 

“SCRIVO PER METTERE IN GUARDIA LE PERSONE” – “Gentile Redazione, vi scrivo sperando di mettere in guardia altre persone – esordisce la nostra lettrice, A.F. –,  augurandomi di prevenire altri episodi.

 

DONNA, IN CENTRO CITTA’, IN PIENA MATTINA. RAPINATA –  “Lo scorso 6 ottobre, in corso Sempione – prosegue la cittadina –, davanti ad uno sportello Cartasì, sono stata derubata di un Rolex Daytona in oro rosa.

– “Alle 10 di mattina – specifica – e nonostante sia una giovane donna.

 

LA DINAMICA: ANCORA L’URTO DELLO SPECCHIETTO – “La dinamica è stata quella classica – spiega ancora la lettrice –, un uomo (vestito bene, piccolo di statura, magro) che è andato fortemente contro la mia auto. Chiedendo scusa scusa (accento napoletano), mi ha poi detto di fermarmi al semaforo.

 

I PRIMI “SOSPETTI” – “Così ho fatto – racconta la vittima –, ma per il suo comportamento strano non sono uscita subito della macchina.

 

L’ARRIVO DEL COMPLICE – “Quando si stavo allontanando, sono uscita dell’auto. Non ho visto – spiega la donna – che mi stavo aspettando un suo complice, alto  circa 190 e grosso.

 

L’AGGRESSIONE E LA RAPINA – “Il ladro mi ha respinta nella macchina – prosegue la giovane donna –, e ha iniziato a strattonare il mio orologio.

– “Per 1 minuto – aggiunge – ho urlato con tutto la mia forza, dando calci etc.

 

“NESSUNO E’ INTERVENUTO!” – “Era pieno centro, con 1.000 auto ferme al semaforo – dice la vittima. – NESSUNO ma NESSUNO ha fatto qualcosa!

– “Né chiamare la polizia – spiega –, né prendere la targa del motorino, figuriamoci fermare il ladro. Non ho parole!

 

I CARABINIERI: “SONO FUORI DOPO DUE ORE” – “Arrivati i carabinieri, loro stessi hanno detto ‘sappiamo chi sono – racconta la cittadina –, sappiamo dove fanno “scouting” ma, anche se li prendiamo, escono dopo due ore’.

– “E’ davvero un peccato – aggiunge – che Milano, ormai, sia diventato così.

 

ALTRI EPISODI, SEMPRE DIETRO L’ARCO DELLA PACE – “Qualche giorno fa – ci racconta ancora a lettrice –, sempre corso Sempione (sabato 25 ottobre 2014 verso le 18.00 in via Francesco Melzi D’Eril) una Mercedes ML è andata contromano per non fermarsi con le altre auto al semaforo. Andava almeno a 100 km al ora, con due ladri al bordo.

– “La macchina è stata violentemente investita nella parte sinistra – specifica. – Sempre pieno centro e durante il giorno.

 

MILANO: COME IL TERZO MONDO – “Sembra quasi che i ladri, sapendo che se vengano arrestati vengono, comunque, subito rilasciati – conclude la nostra lettrice – sappiano di poter fare veramente fare quello che vogliano, trasformando Milano in una città del terzo mondo. E’ un peccato, cordiale saluti”.

 

L’AUMENTO DEI REATI PREDATORI DEL 2013 A MILANO – Di seguito i dati della Questura di Milano, circa l’aumento dei reati registrato nel 2013 nella nostra città:

– Furto con strappo +4,22%

– Furti con destrezza +4,08%

 Furti in abitazione, 24.448, con un aumento dell’8,31% rispetto ai 22.572 casi del 2012.

– Furti in esercizi commerciali, 12.880, con il +5,30% rispetto ai 12.232 del 2012.

 Rapine in abitazione, +28,04%

– Rapine in banca, +10,45%

– Rapine in uffici postali, +83,33%

– Violenze sessuali, diminuite dalle 526 del 2012, alle attuali 488, con 1,3 casi al giorno

– Estorsioni, +13,16%

– truffe informatiche, (+14,04%).

 

CONTINUATE A SCRIVERCI! – Di seguito solo alcune delle segnalazioni inviate dai lettori alla nostra Redazione (redazione@cronacamilano.it):

Furto orologio via Monte Bianco Milano, la vittima era in auto: “Era un Langhe Sohne somma di tanti regali delle mie figlie”

Furto orologio Hublot Milano, la vittima: “Non c’è protezione a Milano, siamo peggio che nei paesi dell’Est”

Rapina orologio via Rubattino Milano parcheggio Esselunga, la vittima: “Ho aperto la portiera e mi hanno aggredito”

Truffa urto specchietto via Marescalchi Milano, il racconto dettagliato di una vittima: “Poteva anche avere un’arma”

Furto orologio con trucco specchietto via Monte Bianco Milano, vittima scrive a Cronaca Milano: “Mettete in guardia i cittadini!”

Tentato furto Rolex Milano via Giovanni da Procida, vittima scrive a CronacaMilano e racconta la dinamica dell’aggressione

 

I CONSIGLI ANTI-SCIPPO – Per i consigli da ricordare:

– Furto orologio con urto specchietto via Filippetti Milano, bottino da 35 mila euro. I consigli da ricordare

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here