Abusivi della sosta parcheggio Romolo Milano: “Perché non mandare i giusti controlli?”

Continuate a raccontarci le problematiche del vostro quartiere a redazione@cronacamilano.it: daremo voce a ogni cittadino

X-Gate - Sviluppo software e servizi

multeSe alcune zone di Milano sono costantemente vessate dagli ausiliari della sosta (un esempio è piazza Castello), altre aeree sembrerebbero invece essere assolutamente abbandonate, in barba al concetto per cui, la Legge, è uguale per tutti. Un esempio è l’oggetto della segnalazione di un lettore, che ci spiega quanto avviene al parcheggio della M2 Romolo, tra via Filargo e via Russoli: “Perché non mandare vigili o ausiliari almeno 1 o 2 volte a settimana a controllare?”. Nel dettaglio:
IL PARCHEGGIO DI ROMOLO – “Buongiorno, da più di un anno sembra che in zona Romolo M2 via Filargo, via Russoli non passino gli ausiliari della sosta – scrive il nostro lettore – per il controllo del corretto pagamento della sosta.
– “Qui la maggior parte degli automobilisti (80%) non paga la sosta – prosegue –, per un costo di 0,80€ all’ora dalle 8,00 alle 13,00.
IL CONTROLLO SU 15 VETTURE A CAMPIONE – “Su un controllo di 15 vetture nella settimana dal 13 al 17 marzo 2017 – continua a spiegarci il nostro lettore –, nessuna di queste aveva il ‘gratta e sosta’ e nessuna di queste il tipo di pagamento elettronico (Ping, EasyPark, Mycicero o pluservice).
SOLDI IN MENO NELLE CASSE COMUNALI – “Facendo un conto solo sulle 15 vetture da me controllate – illustra il lettore –: sono 4€ al giorno x 5 giorni, per 15 auto, con un totale di €300 in meno nelle casse comunali.
PERCHÉ NON MANDARE I GIUSTI CONTROLLI? – Perché non mandare vigili o ausiliari almeno 1 o 2 volte a settimana a controllare? Grazie, L.P.”

Leggi anche:
Multe piazza Castello Milano dopo pedonalizzazione dell’area, ennesima protesta di un residente
Multe a Milano, dati e paradossi: “Perché anche di fronte all’evidenza è sempre il cittadino a dover pagare?
Pisapia re delle multe, ma “Non è per far cassa”. Le vie più segnalate dai lettori

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO