Migranti giardini Legnone Milano, la paura dei residenti “Che succede se non diamo i soldi che ci chiedono?”

A luglio sono stati sgomberati dalla scuola media del quartiere, ora sono allo stato brado. “I vigili e le Forze dell'ordine sono stati avvisati, ma non sanno dove mandarli a dormire”

X-Gate - Sviluppo software e servizi

migrante-senzatetto-degradoDi seguito una nuova segnalazione inviata alla nostra Redazione (redazione@cronacamilano.it) riguardante il degrado dei giardini di via Legnone; siamo nel quartiere di via Carlo Imbonati, dove lo scorso luglio è stata sgomberata una scuola divenuta ritrovo notturno per migranti. Mandati via dalla struttura, ora tali persone stazionano nella zona, creando allarme tra i residenti: “Abbiamo paura che la situazione peggiori”. E avvertita la Polizia locale, i vigili hanno dato una risposta che denota chiaramente l’impreparazione della città a gestire la situazione dell’immigrazione: “Non sappiamo dove mandarli a dormire”. Nel dettaglio:
LO SGOMBERO A LUGLIO, MA NULLA È CAMBIATO – Buonasera – ci scrive la nostra lettrice –, nei giardini Legnone (via Carlo Imbonati, zona 9), di notte ci sono i migranti che a luglio 2017 sono stati mandati via dalla scuola media Pavoni (in via Benigno Crespi 40), e hanno trovato proprio questi giardini per dormire sulle panchine.
“STANNO ANDANDO ANCHE NEGLI ALTRI GIARDINI DI ZONA” – “Oltre ai giardini Legnone – prosegue la cittadina – stanno andando anche negli altri giardini della zona.
MOLESTIE NOTTURNE – “L’altra sera rientrando a casa di notte – aggiunge ancora la residente –, ci siamo trovati un migrante che ci chiedeva soldi in piena notte e un altro dormiva.
“ABBIAMO PAURA” – “Nella zona abbiamo paura – spiega la cittadina –: se non diamo loro i soldi che ci chiedono, cosa può succedere?”
“I VIGILI NON SANNO DOVE MANDARLI”– “I vigili e le Forze dell’ordine sono stati avvisati – prosegue la cittadina –, ma non sanno dove mandarli a dormire.
TEMIAMO CHE LA SITUAZIONE PEGGIORI – “Non è possibile – conclude la nostra lettrice –. Abbiamo paura che la situazione peggiori. Grazie mille, S.”

Leggi anche:
Turisti e cittadini molestati da immigrati Milano, ancora la scusa del braccialetto. Foto e video

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO