Champions League Schalke 04 Inter, mercoledì 13 aprile 20.45 ritorno Quarti di finale

Dopo i tonfi contro Milan e Schalke 04, la partita contro il Chievo poteva rappresentare uno spartiacque decisivo per questa stagione; Leonardo è riuscito a motivare a dovere i propri giocatori che hanno messo fine alla serie negativa riuscendo a battere i veneti, vittoria che ha dato una bella iniezione di fiducia e di morale ai neroazzurri.

 

LA RIMONTA QUASI IMPOSSIBILE – Fiducia e morale saranno fondamentali nell’approccio alla gara, tuttavia non basteranno a ribaltare il risultato dell’andata se a queste doti non verrà affiancata una notevole mole di gioco e di occasioni da rete create, unite ad una fase difensiva più accorta e meno spregiudicata.

 

SBILANCIARSI SARA’ INEVITABILE – Recuperare il 2 a 5 subito a San Siro non sarà semplice e l’unico modo per farlo è quello di segnare reti a raffica.

  • Qualora la porta neroazzurra dovesse rimanere inviolata, come successo solo 5 volte su 21 nella gestione Leonardo, saranno necessari 4 gol per passare il turno.
  • Nel caso in cui Julio Cesar debba raccogliere la palla nella propria porta, i gol richiesti per accedere alle Semifinali aumenteranno e renderanno ancora più difficile la rimonta.
  • In un contesto di questo tipo è evidente come l’Inter, già portata per vocazione leonardiana a sbilanciarsi, sarà ancora di più proiettata in avanti. Servirà a poco entrare in campo cercando di mantenere palla e ragionare in attesa del gol, sarà più utile imprimere da subito un ritmo netto e pressante al match, cercando di violare la porta tedesca già nei primi minuti.

 

I GIOCATORI CI CREDONO – Dopo la vittoria di sabato contro il Chievo, Cambiasso ha suonato la carica dichiarando che “In Germania non andiamo per far bella figura, ma per qualificarci”; all’argentino ha fatto eco il camerunense Eto’o: “sognare è possibile perché nel calcio può accadere di tutto”.

 

LA PROBABILE FORMAZIONE – Nell’andata di Champions e contro il Chievo, Leonardo ha schierato il rombo a centrocampo;

  • mercoledì sera, contro lo Schalke 04, il tecnico brasiliano potrebbe riproporre il 4-2-3-1 con Nagatomo o Chivu sull’out di sinistra, Zanetti e Cambiasso come dighe in mezzo al campo e davanti Pandev, Eto’o, Sneijder dietro l’unica punta Milito, sembrato in crescendo di condizione nel match contro i clivensi.

 

IL RITORNO DI “THE WALL” – A “soli” 153 dall’intervento chirurgico per la ricostruzione del legamento crociato anteriore e del comparto postero esterno del ginocchio destro, l’argentino Walter Samuel è tornato ad allenarsi con i compagni alla Pinetina ed è stato inserito nella lista dei 22 convocati da Leonardo.

  • Sicuramente non verrà impiegato nella sfida di Champions, ma l’obiettivo è quello di recuperarlo per la partita casalinga contro la Fiorentina dell’8 maggio, in modo da poterlo utilizzare pienamente nelle ultime tre, delicatissime sfide di campionato, oltre che nel ritorno di Coppa Italia e nella eventuale finale della Tim Cup.

 

SERIE POSITIVA SCHALKE 04 – Con l’esonero di Magatt, la stagione della squadra di Gelsenkirchen ha avuto una svolta;

  • dopo l’iniziale sconfitta per 2 a 0 contro il Leverkusen, la squadra affidata a Rangnick ha battuto, oltre alla squadra del presidente Moratti, a tavolino il St. Pauli e, nell’ultimo turno di Bundesliga, il Wolfsburg di Diego, ex bianconero.
  • L’unica pecca per l’unico team tedesco rimasto in Champions League sarà l’assenza della velocissima ala Jefferson Farfan, diffidato ed ammonito nella gara d’andata contro i neroazzurri.

 

L’ARBITRO – Il match tra Schalke 04 ed Inter di mercoledì sera sarà diretto dal fischietto Damir Skomina;

  • i neroazzurri hanno già trovato lo sloveno nella sfida di San Siro contro il Tottenham del 20 ottobre 2010 terminata per 4 a 3.

 

LA CURIOSITA’ – Non capita molto spesso che il direttore di gara sia più giovane di qualche calciatore;

  • questa volta succederà: lo sloveno Skomina, arbitro dall’età di diciotto anni ed internazionale dal 2008, ha solamente 35 anni (è nato il 5 agosto del 1976) e sarà quindi più giovane del capitano neroazzurro Javier Zanetti (nato il 10 agosto del 1973).

 

APPUNTAMENTO – Mercoledì sera alle 20.45 sarà l’arbitro Skomina a dare il fischio d’inizio del secondo atto tra Inter e Schalke 04, neroazzurri impegnati in terra tedesca con un unico obiettivo: ribaltare il 2 a 5 dell’andata.

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here