Palermo Milan 2 a 1, ritorno semifinali Coppa Italia

Vincere per sfatare il tabù Palermo e per poter continuare ad alimentare il sogno della doppietta Serie A-Coppa Italia: per farlo Allegri si affida al duo tutto brasiliano formato da Pato e Robinho, supportati da Seedorf. A centrocampo spazio al rientrante Pirlo, Van Bommel e Flamini. In panchina Ibrahimovic e Boateng usciti malconci dal match scudetto contro la Roma. Dall’altra parte Delio Rossi, come ampiamente prevedibile, si affida alle tre frecce: Ilicic, Pastore e Hernandez puntando tutto sul contropiede. In caso di raggiungimento di finale, i rosanero parteciperebbero di diritto alla prossima Europa League, togliendo il posto alla settima classificata in campionato.

 

La prima palla gol capita sui piedi di Robinho; è il 3’ quando Pirlo mette subito a segno un lancio dei suoi, 25 metri di palombella a scavalcare la difesa palermitana che consentono al brasiliano di trovarsi tutto solo davanti a Sirigu: palla di poco alta.

 

Altra occasione al 7’, questa volta è Flamini dopo uno scambio ravvicinato con Abate ad esplodere un gran tiro dal vertice destro dell’area di rigore: l’estremo difensore rosanero non si fa sorprendere e si oppone appena in tempo.

 

I padroni di casa rispondono al 14’: Cassani supera Antonini sulla destra e crossa per Hernandez, l’uruguagio appoggia indietro di petto dove l’argentino Pastore calcia di prima; tiro pericoloso che termina di poco a lato.

 

Dopo questo inizio spumeggiante, il match entra in una fase di stanca e va via via spegnendosi; i rossoneri si affidano troppo spesso ai cross dalle corsie laterali, ottenendo pochi risultati vista la mancanza di un ariete centrale.

 

Ad inizio ripresa le due squadre commettono molti errori di imprecisione dando il là a diverse ripartenze che però non fruttano nulla; per apprezzare qualcosa di concreto bisogna quindi attendere il 62’, quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo Migliaccio sorprende la retroguardia rossonera e supera Abbiati siglando il vantaggio rosanero.

 

Passano solo cinque minuti ed i padroni di casa hanno, sempre sulla testa di Migliaccio, l’occasione per raddoppiare, il centrocampista rosanero non riesce ad impattare il pallone da pochi passi.

 

Al 72’ altro episodio favorevole agli undici di Delio Rossi, Ilicic si invola nella sguarnita retroguardia rossonera e viene fermato da Van Bommel; il centrocampista olandese lo ferma e Rocchi fischia il penalty, espellendolo: raddoppio di Bovo.

 

Due minuti dopo l’arbitro pareggia il conto dei cartellini rossi espellendo anche Bovo, proprio l’autore della seconda rete; il difensore rosanero ferma Pato con un calcio al volto.

 

Allegri tenta il tutto per tutto schierando contemporaneamente Cassano, Robinho, Pato ed Ibrahimovic; è proprio lo svedese all’80’ a centrare due pali con un unico tiro, anche la fortuna sembra abbandonare gli ospiti.

 

I rossoneri riescono a dimezzare il risultato solamente nel finale, al 93’ con Ibrahimovic; due giri di lancette ed arriva il fischio finale che consente al Palermo di accedere alla finalissima del 29 maggio a Roma, mentre il Milan può finalmente tornare a casa e dedicarsi ai festeggiamenti di sabato sera dopo la partita casalinga contro il Cagliari.

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here