El Shaarawi Milan e Merkel Genoa, fumata bianca

Il matrimonio tra l’italo-egiziano Stephan El Shaarawi ed il Milan s’ha da fare; la squadra rossonera ed il Genoa stanno lavorando per limare gli ultimi dettagli del colpo che porterebbe in via Turati la metà del cartellino della giovane promessa dell’under-21 italiana. Il percorso inverso, sempre in comproprietà, dovrebbe essere seguito da Merkel.

 

CHI E’ EL SHAARAWI? – L’astro nascente italiano, classe 1992, soprannominato “Faraone” per le sue origini egiziane, ha militato nella stagione appena conclusa nel Padova dove è stato dato in prestito dalla società che ne detiene il cartellino, ossia il Genoa di Preziosi.

  • L’esordio in Serie A, come per i migliori calciatori, avviene in età adolescenziale: a 16 anni all’83’ calca per la prima volta un campo della massima serie italiana; la stagione 2008-2009 lo vede giocare stabilmente nella Primavera del Grifone con la quale vince la Coppa Italia e la Supercoppa.
  • Il 14 febbraio 2010, in occasione del match esterno contro la Juventus, ottiene la sua seconda presenza in Serie A; nella stessa stagione vince il Campionato Primavera siglando la rete decisiva nella finale vinta contro l’Empoli.
  • Il 27 giugno 2010 la società di Prezioso lo cede in prestito al Padova in Serie B; il primo gol tra i professionisti lo realizza il 10 settembre, alla quarta giornata di campionato, a soli 17 anni.
  • Nella stagione che vede la società veneta chiudere al quinto posto scende in campo 25 volte mettendo a segno 7 reti e contribuendo in modo decisivo, soprattutto nel finale di stagione, alla partecipazione del Padova ai play-off, poi persi contro il Novara in finale.
  • Fino ad ora, a soli 19 anni non ancora compiuti, a messo assieme 33 presenze corollate da 9 marcature.

 

IL FLIRT INIZIALE – Nei match dei play-off il baby talento italiano si è messo in mostra attirando su di sé l’attenzione di club importanti, primo tra tutti il Milan che, forte della corsia privilegiata e degli ottimi affari con il Genoa, ha voluto sondare il terreno.

  • “Mi sono sempre ispirato a Kakà, venivo anche paragonato a lui, mi piaceva come ragazzo e come persona. Quale big sceglierei tra Milan, Inter e Juve? Sono 3 grandissime squadre, ma penso il Milan perché ne sono anche tifoso. Giocare al Milan sarebbe un sogno che si realizza, un’opportunità che prenderei al volo”.
  • Le parole dell’italo-egiziano hanno di fatto accelerato la trattativa, avviata però solo in data odierna, tra la dirigenza rossoblu e quella rossonera.

 

LE CONDIZIONI – Il valore di El Shaarawi si è alzato molto nelle ultime settimane ed ora si aggira sui 12-15 milioni di euro; non pochi per un giovane che non ha dimostrato ancora tutto il suo valore.

  • L’idea del Milan è quella di assicurarsi le prestazioni del prodigio genoano già dalla prossima stagione, acquisendone la metà del cartellino per una cifra pari a 7 milioni di euro.
  • Chiuso da un attacco blindato da Ibrahimovic, Pato, Robinho, Inzaghi e, almeno ad ora, Cassano, El Shaarawi potrebbe essere girato ad un’altra squadra di Serie A in modo da garantirgli esperienza e possibilità di mettersi in luce.
  • Visto il recente passaggio di Pederzoli, ex dirigente del settore giovanile del Milan, al Novara come direttore sportivo, la società neo-promossa in Serie A potrebbe rappresentare un interessante ponte per far maturare alcuni gioiellini rossoneri: oltre El Shaarawi, questo percorso potrebbe essere seguito anche da Strasser e Verdi.

 

MERKEL AL GENOA – Vista come una trattativa collegata all’ingaggio di El Shaarawi, la strada che porterebbe Merkel alla società di Preziosi, in comproprietà, sembra essere completamente indipendente.

  • La volontà del duo Braida-Galliani è quella di continuare con l’asse privilegiato con il Genoa che, dopo aver fruttato Boateng al Milan, potrebbe portare il prossimo anno all’ingaggio di Kucka, centrocampista moderno in forza al Grifone dalla sessione invernale del mercato 2011.

 

IL GRANDE COLPO – Alla fine del mercato mancano più di due mesi; l’operazione El Shaarawi unita ai parametri zero acquisiti come Mexes e Taiwo testimoniano la volontà rossonera di costruire una rosa ancora più forte e giovane.

  • Tuttavia l’acquisto dell’italo-egiziano non andrà ad incidere sul grande colpo, individuato nella mezz’ala sinistra, che Galliani, Braida, Allegri e forse anche Raiola stanno programmando da tempo: in cima alla lista ci potrebbero essere Fabregas e Schweinsteiger.


Leggi anche:

Leonardo Inter, Moratti benedice il divorzio

Leonardo lascia l’Inter, arrivano Bielsa e Spalletti

Alborno Inter, ma anche Sneijder e Chelsea, Maicon e Real, e poi Castaignos, Coutinho e Sanchez: ecco tutto quello che succederà

Trequartista Milan, Merkel e Witsel: Galliani alla ricerca del colpo estivo, ecco tutte le ipotesi

Rinnovi Milan Inzaghi, Nesta, Ambrosini, Roma, Thiago Silva e Van Bommel; addio Legrottaglie e Jankulovski

Boateng e Taiwo al Milan, Seedorf e Gattuso ancora in bilico

Pirlo lascia il Milan, niente rinnovo per il centrocampista bresciano, è l’addio

Philippe Mexes al Milan, il difensore francese ufficializza il trasferimento

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here