Aquilani Milan tutto fatto, scopriamo il nuovo centrocampista del Milan

Franco Zavaglia, procuratore di Alberto Aquilani, è stato avvistato oggi presso la sede rossonera di via Turati: dopo le dichiarazioni di ieri sera del presidente Berlusconi, la trattativa è diventata di pubblico dominio e potrebbe chiudersi già nelle prossime 72 ore.

 

RICOSTRUIAMO LA VICENDA – “Aquilani? E’ un giocatore interessante”: sono queste le parole che il presidente Berlusconi ha rilasciato ieri sera prima di vedere il suo Milan vincere il trofeo dedicato al padre scomparso.

  • Dall’inizio del calciomercato, la dirigenza rossonera ha sempre dichiarato di voler acquistare, dopo aver ingaggiato Mexes, Taiwo ed El Shaarawi, solamente una mezz’ala, ancora meglio se mancina. Ed Aquilani andrebbe a ricoprire esattamente questo ruolo.
  • La formula che i rossoneri vorrebbero utilizzare per acquisire le prestazioni sportive dell’ex romanista è il prestito gratuito con diritto di riscatto fissato a 8 milioni di euro pagabili in tre tranche alla sua attuale squadra, il Liverpool.
  • È proprio di questo che oggi Adriano Galliani, Ariedo Braida, Franco Zavaglia e Massimiliano Allegri hanno parlato nella sede milanista: l’offerta al club inglese è stata formulata, ora bisogna attendere la risposta dei Reds attesa per mercoledì.
  • All’Anfield Road, Aquilani è fondamentalmente un giocatore in esubero; non rientra nei piani tattici e l’ambientamento in quel di Liverpool è stato a dir poco ostico, soprattutto per uno che proveniva da Roma.

 

CONOSCIAMO AQUILANI – Nato a Roma il 7 luglio del 1984, il 27enne centrocampista italiano si contraddistingue per il gran tiro di cui dispone e per i numerosi infortuni che l’hanno accompagnato durante la sua carriera.

  • Dopo aver iniziato a calcare i campi da gioco con le giovanili della Roma, sono proprio i giallorossi a concedergli il debutto in Serie A nella stagione 2002/03: Alberto ha solamente 18 anni.
  • Nella stagione successiva viene dato in prestito in Serie B alla Triestina; qui mette assieme 41 apparizioni condite da 4 gol.
  • Tornato alla Roma nella stagione 2004/05 trova subito spazio nella formazione titolare; anche Spalletti si accorge delle sue doti ed Alberto lo ripaga con la doppietta siglata nella Supercoppa Italiana persa contro l’Inter per 4 a 3 dopo i tempi supplementari.
  • Con la squadra capitolina, in cinque stagioni, colleziona 15 reti in 146 presenze alzando al cielo due Coppe Italia (2006/07 e 2007/08) ed una Supercoppa Italiana nel 2007.
  • Nell’estate del 2009 viene ceduto al Liverpol per 20 milioni di euro; con i Reds firma un contratto quadriennale e, dopo aver recuperato dall’ennesimo infortunio alla caviglia, il 28 ottobre esordisce contro il Birmingham City. La stagione sotto la guida di Benitez si conclude con sole 2 reti in 27 presenze.
  • La fragilità fisica non convince la dirigenza inglese che, nell’estate successiva, decide di concederlo in prestito secco alla Juventus; i bianconeri provano a rigenerarlo, tuttavia la disastrosa stagione conclusa al settimo posto non fa altro che peggiorare il suo umore.
  • Nell’estate del 2011 la società di Torino decide di non riscattarlo ed Aquilani è formalmente ancora un giocatore del Liverpool. Su di lui piomba la Fiorentina, ma il suo stipendio è troppo elevato per i parametri Viola.
  • Tutto il resto è cosa nota: a breve diventerà un giocatore del Milan.

 

AQUILANI-MILAN: A BREVE L’UFFICIALITA’ – Sicuramente Aquilani non sarà il Mister X rossonero.

  • Che il centrocampista ex Juventus, Roma e Liverpool non sia in grado di far fare un salto di qualità alla società di via Turati sembra piuttosto evidente.
  • Tuttavia con un costo così accessibile, 8 milioni di euro, ed una qualità invidiabile, l’operazione Aquilani è sicuramente molto intelligente e consentirà al Milan di migliorare e completare il reparto di centrocampo.
  • Il tutto in attesa del grande colpo che, sicuramente, arriverà durante l’ultimo giorno di calciomercato.

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here