Catania Inter 2 a 1 Serie A settima giornata, crisi nera per Ranieri

Claudio Ranieri, per l’insidiosa trasferta di Catania, ritrova Lucio in mezzo alla difesa e Stankovic a centrocampo. Davanti schiera la strana coppia Pazzini-Milito, mentre in porta spazio a Castellazzi a causa dei problemi alla schiena che affliggono il titolare Julio Cesar.

 

Inizio scoppiettante della partita: al 2’ è Izco a farsi avanti con un gran tiro dalla distanza che, però, termina sul fondo. Pronta la replica neroazzurra con Cambiasso che al 6’ porta in vantaggio i suoi: cross di Maicon e girata mancina al volo per il centrocampista argentino.

 

L’Inter, complice il vantaggio, tenta di chiudere il match già nel primo tempo, ma i tentativi non vanno a buon fine: all’11’ è Pazzini ad involarsi verso la porta difesa da Andujar, tuttavia la sua azione viene fermata per un fuorigioco.

 

E così il match entra in una fase di stanca: il Catania prova a rendersi pericoloso nella difesa neroazzurra, ma le sue sortite non producono gli effetti sperati: al 17’ è Gomez che prova l’incursione dalla destra, fermato da Nagatomo. Cinque minuti più tardi ci prova anche Bergessio, questa volta è capitan Zanetti ad arginare il pericolo.

 

Al 35’ è Lodi a farsi vedere: bella punizione che viene allontanata con affanno dalla retroguardia neroazzurra. Al 40’ spazio per un’azione travolgente di Maicon: palla in mezzo per Pazzini che, secondo Orsato, commette un’irregolarità.

 

La ripresa, per i padroni di casa, inizia come meglio non potrebbe: al 46’ contropiede del Catania e pareggio ottenuto grazie ad un’azione iniziata da Gomez, portata avanti da Bergessio e finalizzata dal piattone di Almiron, ex Juventus.

 

Ma le disavventure per l’Inter non finiscono qui: è il 49’ quando Castellazzi, nella propria area di rigore, rimedia ad una dormita colossale della difesa neroazzurra atterrando un fragile Bergessio. Dal dischetto si presenta Lodi: rete e vantaggio etneo.

 

L’Inter, turbata ed annichilita dalla doppia rete, prova a reagire ma al 61’ è costretta a constatare che gli episodi girano contro: problema muscolare per Samuel; Al suo posto entra Cordoba. Solo un minuto prima Ranieri aveva inserito Zarate ed Alvarez per Milito e Stankovic.

 

I cambi, soprattutto l’ingresso di Zarate, danno una flebile speranza: al 63’ l’argentino cerca Pazzini che, in area, non trova il pallone per un nulla. Mentre solo tre minuti dopo è l’ex Lazio a non agganciare un pallone d’oro servitogli da Alvarez.

 

Il Catania chiude bene tutti gli spazi e si affida al contropiede: al 74’ è Delvecchio a cercare la gloria personale. Sassata di destro che viene deviata da Castellazzi.

 

È praticamente l’ultima palla gol degna di nota del match: l’ultimo tentativo, velleitario, degli undici di Ranieri capita sui piedi di Muntari che al volo, di destro, spedisce la palla in curva. È il sintomo del momento attuale dell’Inter: confusione unica.

 

Otto gol presi in quattro partite sono un lusso che una squadra disattenta, sfortunata e stanca come l’Inter di adesso non si può permettere: Ranieri deve metterci del suo, e presto, altrimenti il panettone potrebbe non mangiarlo a casa di Moratti.

La sfida casalinga contro il Lille di martedì 18 ottobre potrebbe già essere un decisivo spartiacque per il futuro del tecnico testaccino.

 


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here