Milan Juventus semifinale Coppa Italia mercoledì 8 febbraio 2012, il punto della situazione

La Coppa Italia come viatico per la vittoria della Serie A. Juventus e Milan, dopo l’avvincente sfida che li vede protagonisti nello scudetto, sono pronti a darsi ‘battaglia’ anche per la coppa nazionale. In 45 giorni saranno ben tre le volte in cui, bianconeri e rossoneri, si troveranno di fronte: l’8 febbraio ed il 21 marzo in Tim Cup e, sabato 25 febbraio in Serie A. Ma iniziamo da mercoledì, quando a San Siro andrà in scena la gara di andata delle semifinali della ‘coccarda’.

IL PERCORSO DI JUVENTUS E MILAN – Una vittoria netta ed una sofferta per entrambe. E’ curioso notare che sia la Vecchia Signora che il Diavolo abbiano superato gli Ottavi di finale solo ai tempi supplementari.

  • I bianconeri, lo scorso 8 dicembre 2011, hanno avuto la meglio sul Bologna grazie alla rete di Marchisio al 13’ del primo tempo supplementare, dopo che i 90’ si erano conclusi sul risultato di 1 a 1 grazie alle marcature di Giaccherini al 90’ ed a quella di Raggi al 95’.
  • Stesso risultato per i rossoneri che il 18 gennaio 2012 hanno affrontato il Novara: alla rete iniziale di El Shaarawi hanno risposto gli ospiti, all’88’, con Radovanic. Milan che ebbe accesso ai Quarti grazie al gol di Pato al 10’ del primo tempo supplementare.
  • Discorso ben diverso nel turno successivo quando, entrambe, hanno calato un tris; gli uomini di Conte si sono imposti, grazie alle reti di Giaccherini, Del Piero ed all’autorete di Kjaer, sulla Roma di Luis Henrique. Mentre il Milan ha avuto la meglio sull’altra romana, la Lazio, ribaltando con Robinho, Seedorf ed Ibrahimovic al gol iniziale di Cissé.

 

MILAN: TRA INFORTUNATI E SQUALIFICATI – Abbiati, Yepes, Nesta, Aquilani, Flamini, Gattuso, Nocerino, Boateng, Pato e Cassano rappresentano l’elenco dei giocatori che mister Allegri non può utilizzare. Fatta esclusione per il centrocampista ex rosanero Nocerino, squalificato per diffida, gli altri sono tutti in infermeria.

  • Ma non finisce qui; il tecnico livornese dovrà tenere conto di altri due aspetti: Van Bommel ed Ibrahimovic, per squalifica, non saranno a disposizione per la trasferta di sabato di Udine e quindi, verosimilmente, verranno schierati titolari nel match di Coppa Italia.
  • Soprattutto lo svedese, che ieri si è visto comminare una squalifica di tre giornate impugnata dal Milan che punta ad una riduzione a due, avrà il compito di trascinare i suoi alla finalissima del prossimo 20 maggio dove, quasi sicuramente, l’avversario sarà il Napoli, impegnato in questo turno contro il Siena.
  • Il resto della squadra? Amelia in porta. Difesa composta da Abate, Mexes, Thiago Silva e Mesbah. Centrocampo formato da Van Bommel, Ambrosini ed Emanuelson. Con Seedorf alle spalle del duo Ibrahimovic-El Shaarawi.
  • Sembrano esserci poche alternative, soprattutto nel ruolo di mezz’ala sinistra e trequartista dove i due olandesi saranno chiamati agli straordinari. A meno che Allegri non decida di schierare il tridente con Robinho al posto di Seedorf.

 

JUVENTUS: UN PO’ DI TURNOVER, MA OCCHIO ALLA FIDUCIA – Quando i bianconeri, lo scorso 2 ottobre 2011, si confrontarono con il Milan non ci fu storia. Allo Juventus Stadium la sfida si chiuse con un secco 2 a 0, definito in extremis dalla doppietta di Marchisio.

  • Era una Juventus sulle ali dell’entusiasmo, nel pieno della propria forza e cattiveria agonistica. Ma ora non è più così: anche la squadra di Conte, negli ultimi match, è apparsa in calo di condizione.
  • L’acido lattico sembra farsi sentire anche a Vinovo, tant’è che i bianconeri nell’ultimo turno di campionato si sono resi protagonisti di una deludente prestazione tra le mura amiche contro un Siena ordinato, ma non certamente invalicabile.
  • Che fare allora? Concentrarsi solo sul campionato sarebbe meglio, ma una sconfitta a San Siro potrebbe essere deleteira e potrebbe andare a minare la fiducia e la forza di volontà dei bianconeri.
  • La soluzione di Conte risiede nel turnover, soprattutto in attacco dove, verosimilmente, sarà dato spazio alla coppia Borriello-Del Piero; a centrocampo dentro il neo arrivo Caceres con Vidal, Pirlo, Giaccherini ed Estigarribia. In difesa, davanti a Storari, dentro i titolarissimi Barzagli, Bonucci e Chiellini.

 

MILAN – JUVENTUS: I PRECEDENTI – La grande classica del calcio italiano non ha bisogno di presentazioni. Una sfida lunga oltre un secolo che, dopo dieci anni di assenza, torna a ripresentarsi anche in Coppa Italia.

  • Nel complesso, le sfide a San Siro tra rosso e bianconeri sono 102: 36 successi della squadra casalinga, 40 pareggi e 25 sconfitte. Analizzando però i precedenti nella coppa nazionale se ne ritrovano solamente 8: 3 vittorie del Milan, 2 per la Juventus e 3 volte segno ‘X’.
  • L’ultimo precedente risale al 2002, anche in quella circostanza in semifinale. La gara d’andata, il 23 gennaio, terminò 2 a 1 per la Juventus. Nel ritorno, giocato il 6 febbraio, il Milan non andò oltre l’1 a 1 in quel di Torino.
  • Anche nella stagione 1991/92 le due squadre si affrontarono in semifinale: 0 a 0 a San Siro ed 1 a 0 per la Juventus tra le mura amiche.
  • Scorrendo l’almanacco troviamo anche due finali; il 25 aprile 1990 coppa alzata dalla Juventus con un risultato finale di 1 a 0. Nel 1973 trofeo al Milan che, dopo l’1 a 1 dei tempi regolamentari, ebbe la meglio sui bianconeri ai calci di rigore: 5 a 2 il finale.

 

MERCOLEDI’ 8 FEBBRAIO ORE 20.45 – Il fischio d’inizio verrà dato da Paolo Silvio Mazzoleni, della sezione di Bergamo.

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here