Anteprima derby Inter Milan 6 maggio 2012, convocati, probabili formazioni, curiosità

Ore 20.45 di domenica 6 maggio 2012: Nicola Rizzoli fischierà l’inizio del derby di Milano; una stracittadina che potrebbe rivelarsi amara per entrambi i tecnici. Andrea Stramaccioni, già alle 16.45, potrebbe vedersi sfumare l’obiettivo tanto atteso delle ultime settimane: qualora il Napoli dovesse vincere al Dall’Ara di Bologna, il terzo posto sarebbe matematicamente non più a portata per l’Inter. Allegri, invece, sa che l’esito finale del campionato non dipende solo dalla sua squadra.

 

STRAMACCIONI ED IL REFERENDUM MILANESE – “E’ l’i stess”: è questa la risposta dialettale data durante la conferenza stampa della vigilia dal romano Stramaccioni ai giornalisti che gli chiedevano se sarebbe meglio una vittoria del campionato della Juventus o del Milan.

– Poche parole per l’ex tecnico della Primavera neroazzurra consapevole del fatto che concludere la stagione con una vittoria nel derby sarebbe una bella soddisfazione; specie per i tifosi che, durante l’ultimo anno e mezzo, ne hanno avute ben poche.

– Idea confermata poco dopo: “La voglia di giocarla è tantissima, ma di più è quella di vincere questa partita. Per noi arriva in un momento in cui la nostra carica è al massimo. Non vediamo l’ora di scendere in campo”.

– Società di corso Vittorio Emanuele che, però, a prescindere dal risultato della sfida contro il Milan dovrà ‘sopportare’ i festeggiamenti di una delle rivali storiche: bianconeri o rossoneri.

 

ALLEGRI E QUELLA ‘VOGLIA’ DI CAGLIARI – “I derby sono sempre partite particolari, dovremo fare una grande partita anche perché abbiamo un solo risultato”. Allegri ha le idee chiare: all’andata Ranieri è riuscito ad imbrigliare un Milan reduce dalla preparazione invernale a Dubai giocando molto corto ed attendendo Ibrahimovic & Co.

– Domani sarà una sfida differente; l’Inter, da quando Stramaccioni si è seduto sulla panchina della prima squadra, ha abbandonato la tattica chiusa e difensivista che ha caratterizzato la gestione Ranieri per dar vita ad una sorta di ‘Zemanlandia’ sotto la Madonnina.

– Ed i risultati confermano in toto questa tesi: nelle otto sfide giocate sotto l’egida di Stramaccioni l’Inter ha realizzato 15 gol (1,875 a match) e ne ha subiti 12 (1,5 a match). Nelle precedente 28 partite i gol siglati e quelli presi sono stati, rispettivamente, 38 (1,35 a partita).

– Il tecnico rossonero ha analizzato questi numeri ed ha capito che far gol all’Inter non sarà impresa ardua; gli spazi ci saranno ed il Milan ha il dovere, per rimandare la festa scudetto della Juventus a domenica prossima, di sfruttarli al meglio.

– Inevitabile, però, guardare anche altrove; a Cagliari dove Allegri ha lasciato tanti bei ricordi e buoni rapporti con tutti o, più precisamente, a Trieste dove i sardi affronteranno la Juventus.

 

INTER E MILAN: I CONVOCATI – Forlan e Poli da una parte; Pato e Thiago Silva dall’altra. Sono questi gli assenti, più o meno illustri, delle due formazioni milanesi. Tra la squadra del presidente Moratti assenti, anche, Castaignos, Chivu e Stankovic. Per il serbo, in particolare, stagione finita visto che si è dovuto sottoporre ad un intervento di pulizia del tendine d’achille della gamba sinistra.

– Stramaccioni, che da calendario giocherà in casa il derby, ha convocato 21 giocatori: Julio Cesar, Luca Castellazzi, Paolo Orlandoni; Ivan Cordoba, Javier Zanetti, Lucio, Maicon, Andrea Ranocchia, Walter Samuel, Davide Faraoni, Juan Jesus, Yuto Nagatomo; Wesley Sneijder, Ricardo Alvarez, Fredy Guarin, Angelo Palombo, Esteban Cambiasso, Joel Obi; Giampaolo Pazzini, Diego Milito, Mauro Zarate.

– Stesso numero per Allegri che, a malincuore, è costretto a rimandare il rientro in campo del difensore brasiliano Thiago Silva: Abbiati, Amelia; Abate, Bonera, De Sciglio, Mexes, Nesta, Yepes; Ambrosini, Aquilani, Boateng, Flamini, Gattuso, Muntari, Nocerino, Van Bommel; Cassano, El Shaarawy, Ibrahimovic, Maxi Lopez, Robinho.

 

INTER E MILAN: LE PROBABILI FORMAZIONI – Pochi dubbi per Stramaccioni ed Allegri in vista del big match di domani sera:

– L’Inter si schiererà con Julio Cesar in porta; difesa tipo formata da Maicon, Lucio, Samuel e capitan Zanetti. Centrocampo con Cambiasso, Guarin ed Obi. In avanti dentro Sneijder ed Alvarez alle spalle di Milito. L’unico possibile ballottaggio riguarda Maurito Zarate e Ricky Alvarez.

– Allegri, invece, deve rinunciare ad Antonini. Il posto del laterale, sulla fascia sinistra, sarà preso da Bonera. Reparto difensivo che, davanti ad Abbiati, sarà completato da Abate, Nesta e Mexes. A centrocampo dentro Muntari, Van Bommel e Nocerino. In avanti Boateng alle spalle di Robinho ed Ibrahimovic. Panchina iniziale per Cassano.

 

INTER – MILAN: QUANTE CURIOSITA’ – Sono 88 i precedenti tra Inter e Milan in campionato; i neroazzurri, nello score casalingo, hanno avuto la meglio del Diavolo per 31 volte. Stracittadina finita in parità per 28 volte e vinta dai rossoneri per 29.

– L’ultimo derby disputato in casa dell’Inter, il 14 novembre 2010, si chiuse per 0 a 1 in favore di Allegri; di Ibrahimovic, al 5’, su rigore il gol decisivo. L’ultimo successo neroazzurro risale, invece, ad oltre due anni fa: era il 24 gennaio 2010 quando Milito e Pandev sugellarono la vittoria di Mourinho contro Leonardo.

– I tifosi rossoneri, poi, ricorderanno quanto successo l’11 maggio del 2001: in casa dell’Inter una doppietta di Comandini e di Shevchenko e le reti di Giunti e Serginho misero la firma sul roboante 0 a 6. Poker in favore del Biscione il 2 aprile del 1967: Cappellini, Facchetti, Suarez e Domenghini finirono sul tabellino.

– C’è poi da valutare il fattore X: l’ultimo derby milanese concluso in parità risale, addirittura, al 24 ottobre 2004 quando lo score finale fu di 0 a 0.

– Allegri giocherà il suo quinto derby e lo farà contro il quinto tecnico neroazzurro differente; i precedenti contro Benitez, Leonardo, Gasperini sono stati favorevoli al tecnico livornese, mentre la sfida dell’andata è stata vinta da Ranieri.

– Da ricordare, per la squadra di Moratti, due traguardi importanti: le 300 in neroazzurro per Julio Cesar e l’ultima a San Siro di Ivan Ramiro Cordoba; per il colombiano, che si ritirerà a fine stagione, già pronto un ruolo in società.

 

DOMENICA 6 MAGGIO ORE 20.45 – Il fischietto designato per arbitrare il derby è Nicola Rizzoli di Bologna. Per lui si tratta della quinta stracittadina di Milano in carriera: due vittorie per l’Inter e due per il Milan. Ha diretto anche il derby ‘cinese’ valido per la Supercoppa Italiana, conclusosi 2 a 1 per Allegri.

– Gli assistenti saranno Niccolai e Di Liberatore, mentre Banti di Livorno sarà il quarto uomo.

AGGIORNAMENTO del 6 maggio 2012 ore 22,54: per la cronaca della partita, azione per azione, CLICCA QUI

Matteo Torti

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here