Italia Croazia 1 a 1 Europei 2012, altro pareggio per gli Azzurri, la cronaca azione per azione

Un altro vantaggio ed un’altra rimonta. Ora Prandelli deve iniziare a preoccuparsi. Se il punto conquistato contro la Spagna ci faceva vedere il bicchiere mezzo pieno, quello portato a casa contro la Croazia sa più di bicchiere mezzo vuoto. La qualificazione ai quarti di Finale, così facendo, non diventa più un traguardo completamente dipendente da noi.

 

Prandelli, in occasione della seconda sfida del girone C, decide di affidarsi alla continuità. Contro la Croazia, pertanto, attacco affidato nuovamente sulle spalle di Balotelli e Cassano. De Rossi rimane al centro della difesa, con Bonucci e Chiellini ai suoi lati e Buffon a difendere i pali. Classico centrocampo a cinque con Maggio e Giaccherini sugli esterni e Pirlo, Marchisio e Thiago Motta in mezzo.

 

Bilic, dopo aver dato spettacolo nella vittoria per 3 a 1 contro l’Irlanda del Trap, punta tutto sul gioiellino del Tottenham, Luka Modric. Sarà lui a fare il Pirlo croato. Al fianco di Modrid, a centrocampo, dentro Rakitic, Perisic e Vukojevic. In avanti coppia formata da Jelavic e Mandzukic. Davanti a Pletikosa, dentro il quartetto composto da Srna, Corluka, Strinic e Schildenfeld.

 

Dopo una serie di copiosi fischi con i quali gli estremisti croati hanno coperto l’Inno di Mameli, Howard Webb dà inizio alla partita. Il primo sussulto è di Balotelli; siamo al 3’ quando Giaccherini, dalla sinistra, trova in mezzo la punta del City che si libera agevolmente di Corluka e va al tiro con il mancino: palla che lambisce il palo alla destra di Pletikosa.

 

È ancora l’attaccante ex Inter, al 10’, a rendersi pericoloso; passaggio in mezzo di Cassano e respinta di Corluka sull’esecuzione di Super Mario. Sul proseguimento dell’azione gran mancino di Marchisio dai venticinque metri. Palla che sfiora l’incrocio dei pali.

 

Al 15’ ancora la coppia Cassano – Balotelli; il primo regala un altro assist prezioso al secondo che, dal limite dell’area, conclude di destro. Pletikosa respinge, non senza affanno, con i pugni.

 

Al 19’ si fa vedere nell’area degli Azzurri la Croazia: cross dalla sinistra per Jelavic che trascina a terra Chiellini. Webb vede il fallo del croato, mentre Bilic reclama il rigore. Trenta secondi dopo bel cross di Srna con Jelavic che si avventa nuovamente sul pallone. Deviazione impercettibile della sfera che mette in difficoltà Buffon.

 

Azzurri nuovamente pericolosi al 33’ con Thiago Motta che fa sponda per Cassano; il barese del Milan, dal vertice destro dell’area piccola incrocia di interno destro. Palla che termina a lato.

 

Tre minuti dopo incredibile doppio gol fallito da Marchisio che, sulla sponda di Cassano, centra in entrambe le occasioni Pletikosa.

 

La rete tanto attesa arriva al 38’; Andrea Pirlo, su punizione, disegna una traiettoria perfetta sulla quale Pletikosa non riesce ad arrivarci. Vantaggio indiscutibilmente meritato per gli Azzurri che concretizzano le numerose occasioni avute in questa prima frazione di gioco.

 

Il primo tempo si chiude con un bel contropiede croato portato avanti da Rakitic e concluso da Mandzukic con una bella conclusione dal vertice destro dell’area di rigore; Buffon blocca a terra.

 

La ripresa inizia con gli stessi effettivi in campo; la prima occasione del secondo tempo capita tra i piedi di Modric che, dopo aver saltato Bonucci, va al tiro dal limite dell’area: palla che si spegne tra le braccia di Buffon. Due minuti dopo è ancora il centrocampista del Tottenham ad andare al tiro: sfera che termina alta.

 

Nei minuti successivi si infiamma la gara; i tifosi croati lanciano tre fumogeni in campo ed il capitano Srna, al 59’, entra intenzionalmente sul volto di Thiago Motta. Il primo tiro degli Azzurri, in questa ripresa, arriva al 60’: Giaccherini recupera palla e serve Balotelli che, senza titubare, va alla conclusione dai venticinque metri. Palla che lambisce la traversa.

 

Al 62’ Prandelli effettua il primo cambio; fuori uno spento Thiago Motta e dentro il futuro rossonero Riccardo Montolivo. Il centrocampo ha bisogno di qualità e quantità e l’ex Viola è chiamato a sostenere Pirlo e Marchisio.

 

Anche Bilic vara la prima sostituzione: al 67’ fuori Perisic e dentro Pranjic. Altro cambio per il nostro ct: come contro la Spagna Antonio Di Natale subentra a Balotelli.

 

Al 71’ il forcing della Croazia porta i suoi frutti; disattenzione difensiva di Chiellini e Mandzukic, tutto solo davanti a Buffon, non sbaglia. Pareggio ristabilito e seconda valanga di fumogeni in campo. Ora per l’Italia si mette male: un pareggio contro la selezione croata renderebbe complicato il passaggio del turno.

 

La nostra Nazionale cerca subito di rifarsi sotto; al 75’ è Montolivo ad impegnare Pletikosa con una bella conclusione dal vertice sinistro dell’area di rigore. Due minuti dopo Maggio, tutto solo davanti al portiere, viene fermato per un fuorigioco che, al replay, sembrava non esserci.

 

All’81’ contropiede croato portato avanti da Mandzukic e sprecato da Jelavic; l’attaccante croato, in area, invece che andare al tiro cerca di servire il suo compagno. Bilic non gradisce e lo richiama in panchina, preferendogli Eduardo, ex Arsenal. Prandelli, contestualmente, inserisce Giovinco per uno stanco Cassano.

 

Nel finale bella occasione per l’Italia che, al 92’, si costruisce una palla gol con Montolivo. È Di Natale a rubare la palla a Giovinco consentendo il recupero degli uomini croati.

 

Così come successo contro la Spagna, anche contro la Croazia l’Italia non riesce a chiudere la partita e, nel finale, finisce per farsi raggiungere. L’1 a 1 consente alla selezione di Bilic, in attesa di Spagna – Irlanda delle 20.45, di andare in testa al girone con 4 punti. Gli Azzurri, invece, non vanno oltre le 2 lunghezze.

 

A meno di un clamoroso regalo del Trap, alle 22.45 circa potremmo essere quasi fuori dagli Europei 2012. Per passare bisognerà fare i conti con il risultato di Spagna – Croazia e con la differenza reti.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni per qualsiasi vostra esigenza economica, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Europei 2012, calendario e gironi completi, formazioni, tabelle riassuntive, dichiarazioni di Prandelli

Maxischermo Europei 2012 Milano piazza Beccaria 8 giugno – 1 luglio, villaggio sport, campo da calcio gratuito, djset, orari e info

 

Matteo Torti

1 COMMENTO

  1. Propongo una class action di noi italiani/e contro Cecchi Paone perchè oltre ad aver additato al pubblico lubidrio dei poveretti, con tanto di nome e cognome, solo perchè amano vestire un pò eleganti, ha deconcentrato i nostri nazionali da temi ben più importanti rispetto alle sue risibili volgarità e pruriti!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here