Basket, Portogallo – Italia 70 a 82, qualificazioni Euro2013

Cinquina! Pianigiani non esulta per una vincita al Lotto, bensì per il quinto successo consecutivo della sua nazionale, in piena fase di qualificazione ad Euro 2013. A Coimbra, in Portogallo, gli azzurri escono in trionfo battendo i padroni di casa per 80 a 72. Quinta vittoria consecutiva: dieci punti in classifica e primato saldamente sotto controllo. La Repubblica Ceca segue ad una lunghezza, 9 punti, mentre la favorita Turchia di Tanjevic non riesce a spiccare il volo rimanendo ai margini.

 

Italia che va, segue le indicazioni del proprio timoniere senza conoscere ostacoli. Pianigiani, che ad inizio torneo chiedeva maggiore incisività sotto canestro ed un po’ più di attenzione in difesa, può essere soddisfatto.

 

La nazionale cresce giorno dopo giorno, partita dopo partita. Oggi ha chiuso la gara con 12 punti di vantaggio sul Portogallo, conquistando 24 rimbalzi complessivi. Buona percentuale al tiro: da dentro la lunetta, l’Italia ha concretizzato  17 conclusioni su 28, quasi il 55%, mentre da tre un 45%, 7 su 19.

 

Buona media se si considera che, dopo la seconda giornata di qualificazione, la media oscillava tra il 38 ed il 40%.  Difesa sempre attenta con la media al rimbalzo di 25 ogni partita. I presupposti per far bene ci sono tutti, adesso bisogna soltanto concludere la “mission” e portare a casa la matematica qualificazione.

 

LA GARA – Coach Pianigiani recupera tutti gli effettivi, soprattutto Daniel Hackett. Il quintetto titolare è composto da Gallinari, Cusin, Datome, Aradori e Cinciarini. Portoghesi vogliosi di rivalsa dopo il sonoro 97-45 di Sassari a Ferragosto.  L’avvio, però, è tutto di marca azzurra: primo break di 9-0 in favore della banda Pianigiani, che trascinata da Gallinari imposta la gara sul binario giusto.

– Lusitani intontiti dalla partenza razzo azzurra. Il solo Gomes non basta per mettere  i bastoni tra le ruote alla difesa azzurra. Hackett va a canestro, così come Aradori e Mancinelli. Il primo quarto si conclude con l’Italia avanti per 22-9.

– Nel secondo quarto il copione non cambia. Gli azzurri consolidano il vantaggio alimentando il parziale della prima ripresa con una serie di canestri: 0-11. Gomes e Silva trovano il canestro con maggiore continuità  ma, come dimostrato nei primi dieci minuti, non basta.

– Mancinelli e Gallinari siglano 6 punti consecutivi. Il Portogallo mette la gara sulla fisicità, complice un po’ di nervosismo dovuto allo strapotere azzurro. Gomes va in doppia cifra, ma il risultato è sempre lo stesso. A fine secondo quarto l’Italia ha un vantaggio di 19 punti: 19-38!

– Dopo l’intervallo padroni di casa maggiormente determinati. I soliti Silva e Gomes, che chiuderà la serata con 22 punti, dimezzano lo svantaggio: 27-38. Il piccolo black out azzurro dura quasi tutto il terzo quarto, ma Gallinari tiene a bada le furiate lusitane.

– Mancinelli e Hackett nel finale di tempo consentono all’Italia di mantenere un +17 che accompagna le squadre all’ultimo quarto: 42-59.

– Se nelle precedenti uscite, il protagonista dell’ultimo quarto era Gigi Datome, stasera non è stato così. Il giocatore di Roma firma solo 7 punti, ma gioca tutto sommato una buona partita. Sono sempre Gallinari e Hackett a tenere alta la bandiera azzurra, con il neo acquisto di Siena che sale a quota 10 punti.

– Ennesima flessione azzurra a metà tempo: il Portogallo si porta a meno 7 punti dagli azzurri trasformando il finale di gara. Quando  sembrava non essere in discussione il risultato, ecco che la formazione di Palma tira fuori l’orgoglio: Silva e Gomes provano la “Remuntada”, la lotta su ogni pallone si fa serrata. Il punteggio segna 54-61.

– Ancora il “Gallo” prende per mano i suoi suonando la sveglia: schiacciata e tripla. Portogallo al tappeto dopo un generoso tentativo di rientrare in partita. Finisce 70-82.

 

“DOBBIAMO ACQUISIRE ESPERIENZA” – Certamente soddisfatto, Simone Pianigiani, per la quinta vittoria consecutiva della Nazionale. Il coach ex Siena, ora al Fenerbaçhe, tira l’orecchio ai suoi. La squadra si è fatta influenzare dal ritmo portoghese lasciando, a tratti, troppi spazi alle giocate avversarie: “Abbiamo senza dubbio impostato bene la partita. L’approccio è stato positivo e si è visto nei primi minuti. Però non dobbiamo commettere l’errore di farci trascinare dal ritmo blando dell’avversario, perché poi ne potremmo pagare le conseguenze.”

– “Dobbiamo acquisire un po’ più di esperienza  per gestire meglio la gara soprattutto in questi momenti, – ha aggiunto Pianigiani, -mai abbassare il ritmo e soprattutto farci condizionare dal gioco dei nostri rivali.” Insomma, il punto da migliorare adesso è quello della concentrazione.

 

Tabellino: Portogallo – Italia 70 – 82 ( 9-22; 19-38; 42-59)

Portogallo: Josè Silva, Fernandes 8, Jaime Silva 15, Cunha 8, Fonseca 3, Gomes 22, Minhava 4, Coelho 2, Evora, Santos 6, Barroso 2, Lima. Allenatore: Palma.
Italia: Cavaliero 2, Mancinelli 8, Gallinari 18, Poeta 9, Vitali, Cusin 5, Datome 7, Gigli 2, Cinciarini 9, Viggiano 3, Hackett 10, Aradori 9. Allenatore: Pianigiani.
Arbitri: Conde (Esp)-Maestre (Fra)-Wilkinson (Eng).

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento sulle squadre del basket milanese, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni per qualsiasi vostra esigenza economica, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Bielorussia – Italia 63 – 84; Basket, qualificazioni Euro2013

Basket Repubblica Ceca – Italia 53 – 63, qualificazioni Euro 2013, partita e commenti

Basket Italia-Portogallo 97-45, qualificazioni Euro 2013

Calendario serie A basket, varato il calendario della stagione 2012/13; esordio casalingo per l’AE7

Giovanni Parisio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here