Milan Cagliari 2 a 0 Serie A quinta giornata, El Shaarawi mattatore

Obiettivo centrato: alla vigilia si chiedeva al Milan un’inversione di tendenza e così è avvenuto. La gara odierna ha mostrato la grinta e la voglia dei giocatori rossoneri di porre fine alla crisi di questo inizio di stagione. Diavolo a larghi tratti padrone del gioco, però urge maggiore filtro da parte del centrocampo.

 

Senza Allegri, squalificato per frasi ingiuriose rivolte a Celi nel post-partita di Udinese – Milan, i rossoneri cercano la prima vittoria a San Siro con Tassotti in panchina. In difesa, davanti ad Abbiati, spazio ad Abate e De Sciglio sulle fasce; in mezzo Mexes e Bonera. A centrocampo novità Traoré con De Jong e Montolivo. In avanti stesso trio di Udine: Emanuelson, Pazzini ed El Shaarawi.

 

I Sardi, reduci dal riposo forzato di domenica, si affidano a Thiago Ribeiro, Pinilla ed Ibardo in avanti. Centrocampo con Dessena, capitan Conti e Naingollan. In difesa, davanti ad Agazzi, spazio a Perico, Rossettini, Astori e Pisano.

 

Rossoneri che, come nel match contro i friulani, iniziano subito forte; gran pressing portato dalla squadra di Allegri che, al 3’, guadagnano una bella punizione per fallo commesso su Emanuelson; è lo stesso olandese ad incaricarsi della battuta: Agazzi sventa ogni pericolo. Giallo per Pisano.

 

Al 6’ bel contropiede del Diavolo con El Shaarawi che slalomeggia tra le maglie di Perico ed Astori, ma finisce per allungarsi il pallone proprio quando si trovava di fronte all’estremo difensore rossoblu.

 

All’11’ primo cartellino giallo anche per il Milan: è De Jong a riceverlo per un intervento duro in mezzo al campo su Pinilla. Trenta secondi dopo stesso fallo commesso da Naingollan che, però, non viene sanzionato in egual misura.

 

Al 15’ ancora El Shaarawi protagonista; sul pallone filtrante di Montolivo, l’italo-egiziano sorprende alle spalle la difesa cagliaritana e, a tu per tu con Agazzi, deposita in rete angolando molto bene. Dopo quella di Udine, seconda rete consecutiva per il Faraone.

 

Quaranta secondi dopo ancora Milan in avanti; sugli sviluppi di un corner la palla arriva a De Jong che, dai venti metri, tenta il tiro: palla che finisce sopra la traversa. Ottimo inizio per il Diavolo. Al 21’ grande azione di Abate sulla destra che approfitta di un’indecisione di Pisano e va al cross: palla debole.

 

Dagli sviluppi del corner bel colpo di tacco di Montolivo che smarca Pazzini; tocco di ginocchio della punta ex Inter e palla che viene respinta, fortunosamente, da Astori.

 

I sardi si fanno vedere, per la prima volta, al 24’: gran tiro di Thiago Ribeiro che, dalla sinistra dell’area, sorprende Bonera, ma non Abbiati. L’estremo difensore si distende e smanaccia in angolo.

 

Pronta la risposta del Milan; passano trenta secondi ed El Shaarawi e Pazzini si scambiano bene la sfera al limite dell’area; la conclusione del secondo, però, finisce ampiamente a lato. Al 27’ brutto pallone perso da De Jong a centrocampo e contropiede del Cagliari non sfruttato da Pinilla. Erroraccio dell’ex Manchester City.

 

Al 31’ ci prova il Cagliari con Ibarbo che, dal limite dell’area, tenta la conclusione. Altro ottimo intervento di Abbiati. Un minuto dopo brutto intervento su Abate da parte di Pinilla: giallo anche per lui.

 

Al 40’ erroraccio di Astori in impostazione e palla ad Emanuelson che, invece di servire il liberissimo El Shaarawi sulla sinistra, tenta la percussione personale: palla alta. Al 42’ occasionissima Milan: dal calcio d’angolo tiro di El Shaarawi e palla che finisce sulla traversa, Pazzini ribatte, ma sulla linea viene respinta da Astori.

 

È questa l’ultima occasione di un primo tempo giocato quasi esclusivamente dal Diavolo che, dopo i progressi messi in mostra al Friuli di Udine, si dimostra in concreta ripresa.

 

La ripresa inizia con gli stessi effettivi e con un brivido per i rossoneri: bella combinazione tra Ibardo e Thiago Ribeiro e palla che arriva a Pinilla. La punta ex Palermo, di testa, non inquadra la porta.

 

Ancora Pinilla pericoloso al 51’ con un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Sfera che termina sopra la traversa della porta difesa da Abbiati. La punta sarda cerca il pareggio anche pochi secondi dopo calciando col mancino dall’angolo sinistro dell’area di rigore. Palla ancora fuori. Buon Cagliari in questo inizio di ripresa.

 

Al 53’ primo cambio per Ficcandenti: dentro il giovane Sau al posto di Thiago Ribeiro. Allegri e Tassotti rispondono inserendo Constant per uno spento, ma ordinato Traoré. Al 56’ ancora Cagliari in avanti: Conti illumina per Ibarbo, ma Abbiati in uscita ci mette una pezza.

 

Il Diavolo tenta di rimettere fuori la testa al 59’ con Montolivo che, dal limite, tenta di sorprendere Agazzi. Palla deviata in angolo da Rossettini. Sono però sempre gli ospiti a creare i maggiori pericoli: al 61’ punizione di Conti e deviazione di testa di Ibarbo: palla che lambisce il palo alla destra di Abbiati.

 

Al 63’ doppio giallo: ammoniti Pazzini e Conti per un battibecco nel cerchio del centrocampo. Sembra accusare un calo fisico il Diavolo in questo inizio di ripresa. Dalla panchina si alza Robinho; il brasiliano, al 64’, entra al posto di Emanuelson.

 

Ancora Cagliari al 65’: duetto di Ibarbo e Pinilla sulla trequarti rossonera e cross del secondo che corre lungo tutta l’area di rigore senza trovare alcun compagno di squadra. Trenta secondi dopo altro battibecco tra Pazzini e Conti: il centrocampista rossoblu rifila una gomitata alla punta rossonera e viene espulso. Sardi in dieci in questa ultima mezz’ora.

 

El Shaarawi, al 67’ vivacizza l’attacco rossonero; l’italo-egiziano, dalla destra, trova il fondo e va al cross per Constant che, però, non arriva puntuale all’appuntamento con il gol. Palla che si spegne sul fondo.

 

Al 70’ fallo di De Sciglio sull’out sinistro ed ammonizione per lui. Ficcadenti decide di inserire Ekdal al posto di Ibarbo, vera spina nel fianco della difesa rossonera. Cinque minuti dopo cambio anche per Allegri: dentro Ambrosini per Montolivo. Non particolarmente illuminato il Riccardo di Caravaggio.

 

Al 76’ grande chance per il Diavolo con il neo entrato Ambrosini che, di sinistro, trova in area El Shaarawi. L’attaccante del Milan, lasciato solo, stoppa e gira verso la porta. Palla alta. Avrebbe potuto chiudere l’incontro in questa circostanza.

 

Quanto successo al 76’ è solo il preludio dell’azione che, all’81’, mette la parola fine sulla gara; Ambrosini, dai venti metri, illumina per El Shaarawi che, marcato da due avversari, supera Agazzi con un colpo da biliardo di sinistro.

 

Ficcadenti, all’82’, si gioca anche l’ultima carta: dentro Nenè al posto di un brillante, ma impreciso Pinilla. Due minuti dopo il brasiliano si mette subito in mostra: punizione dai venticinque metri che si spegne di poco a lato.

 

L’ultima occasione del match capita all’89’ tra i piedi di Constant; l’ex Genoa viene servito da Robinho, ma una volta entrato in area spara in curva.

 

Nei minuti finali non succede più nulla; i rossoneri, superata l’offensiva del Cagliari di inizio ripresa, chiudono il match con la doppietta di El Shaarawi. Dopo essersi sbloccati a San Siro, sabato alle 18.00 al Tardini di Parma si cerca la riconferma.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Crisi Inter e Milan: Stramaccioni e Allegri rischiano l’esonero; analisi e soluzioni tattiche

Inter Siena 0 a 2 , quarta giornata serie A, cronaca e pagelle

Udinese Milan 2 a 1 Serie A quarta giornata, rossoneri ancora sconfitti

Chiusura calciomercato estivo Inter e Milan, ecco il look definitivo 2012 – 2013 delle due società milanesi

Calciomercato Milan, i motivi dietro alle scelte di compravendita della società, attraverso l’analisi economico-finanziaria dell’impero Berlusconi

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here