Inter – Cagliari 2 a 2 e rigore negato, Serie A tredicesima giornata, l’Inter protesta e indice silenzio stampa; cronaca e pagelle

Istantanea InterL’Inter non riesce ad approfittare dei pareggi di Juventus, Napoli e Lazio e non modifica la classifica; a San Siro, contro il Cagliari, i neroazzurri vanno in vantaggio, ma poi smettono di giocare e finiscono per farsi raggiungere e superare da un Cagliari molto volitivo. Solamente nel finale, e con un’autorete di Astori, trovano il pareggio.

 

Stramaccioni torna a San Siro con l’obbligo di riprendere a vincere dopo la sconfitta di domenica scorsa contro l’Atalanta. Per farlo si affida al tridente pesante con Cassano e Palacio alle spalle di Milito. In difesa, davanti ad Handanovic, tornano sia Samuel che Ranocchia con il titolarissimo Juan Jesus. In mezzo al campo spazio a capitan Zanetti e Nagatomo sulle fasce, con Gargano e Cambiasso in mezzo.

 

Pulga, invece, affida il peso dell’attacco al giovane Sau ed a Nenè. Dietro di loro agirà il fantasista Cossu. Centrocampo con Ekdal, capitan Conti e la stella Nainggolan. In difesa, davanti ad Agazzi, spazio a Pisano, Rossettini, Astori ed Avelar.

 

Parte molto bene l’Inter; dopo solo trenta secondi primo corner guadagnato grazie al cross da destra di Palacio. Sugli sviluppi dello stesso grande occasione per Milito che, di sinistro, si gira, ma non trova la porta. Sfera che termina di poco alta sopra la traversa.

 

Non si lascia intimorire il Cagliari che, al 2’, si porta avanti con Nainggolan; la percussione del centrocampista ospite, però, si spegne sull’internvento di Samuel. Interessante anche l’occasione che capita al 6’: punizione dalla destra di Cassano e colpo di testa di Juan Jesus che, però, termina a lato.

 

Al 7’ grande giocata di Nenè che, dalla destra dell’area di rigore, gira al volo un bel cross di Avelar; ottimo intervento di Handanovic che respinge con i pugni, ma che coordinazione per il brasiliano del Cagliari. Ritmi molto elevati in questo inizio ed occasioni continue.

 

Un inizio così entusiasmante non può che portare ad un gol; la rete arriva al 10’ e porta la firma di Palacio che, in area di rigore, viene dimenticato da Astori e Rossettini ed insacca di testa su cross pennellato di Cassano. Vantaggio neroazzurro a San Siro.

 

Al 12’ brutto intervento a piedi uniti di Conti su Gargano; Giacomelli decide di non fischiare nemmeno fallo. Il vantaggio della squadra di Stramaccioni, inevitabilmente, finisce per rallentare l’impeto iniziale del match.

 

Per vedere un’altra azione offensiva di una delle due squadre bisogna attendere il 24’ quando Nainggolan sfrutta un corridoio lasciato libero da Gargano e, dal limite dell’area, cerca il tiro a giro: Handanovic blocca agevolmente.

 

Al 25’ arriva il primo cartellino giallo: Giacomelli lo sventola a Cambiasso che “falcia” Sau nel cerchio di centrocampo. Al 29’ occasionissima per il Cagliari con Astori che, su calcio d’angolo, devia di testa e testa i riflessi di Handanovic. Grande intervento dello sloveno.

 

Al 33’ altro miracolo di Handanovic che, sul cross di Sau, salva il risultato mandando in angolo un colpo di testa a botta sicura di Nenè. Fin qui l’ex Udinese è assolutamente il migliore in campo.

 

La punta brasiliana, nell’occasione sopra descritta, prende un colpo al sopracciglio scontrandosi con Juan Jesus ed è costretto ad uscire; al suo posto entra il cileno Pinilla.

 

Al 40’ brutto pallone perso da Ranocchia a metà campo e contropiede avviato da Pinilla che, però, viene subito stroncato da Gargano. Giallo per il centrocampista ex Napoli, era diffidato: salterà il prossimo match contro il Parma.

 

La supremazia territoriale del Cagliari arriva a compimento al 42’: dopo tanti miracoli, questa volta Handanovic non riesce a mantenere ancora inviolata la propria porta ed è costretto ad arrendersi a Sau, nella circostanza dimenticato da Juan Jesus. Pareggio ristabilito.

 

Termina sull’1 a 1 un primo tempo entusiasmante e giocato a viso aperto da entrambe le squadre; dopo un buon inizio, reso ancor più positivo dal gol di Palacio, l’Inter si è spenta ed ha favorito il ritorno del Cagliari che, dopo tre miracoli di Handanovic, è riuscito a trovare il pareggio con il giovane Sau.

 

La ripresa inizia senza alcun cambio; la prima occasione del secondo tempo capita tra i piedi di Milito che, al 49’, riceve un ottimo pallone da Cassano e va alla conclusione di punta. Sulla linea salva il risultato Rossettini. Pochi secondi dopo giallo anche per Nainggolan.

 

Al 51’ secondo giallo per il Cagliari; questa volta Giacomelli lo sventola ad Astori, reo di aver fermato Palacio al limite dell’area. Al 53’ seconda rete fallita da Milito nel giro di pochi minuti; l’argentino, sul cross di Nagatomo, si trova tutto solo a due metri dalla porta, ma spara alto.

 

Pronta risposta degli uomini di Pulga al 55’ con Sau che, imbeccato da un ottimo pallonetto di Cossu, sfiora il palo alla sinistra di Handanovic. Ancora Milito al 58’: questa volta il Principe, dai venti metri, cerca la soluzione di potenza. Agazzi si distende e manda in angolo.

 

Al 60’ altro cartellino giallo: questa volta arriva ad Ekdal per essere entrato malamente su Nagatomo.

 

Il clamoroso arriva al 65’: cross dalla sinistra di Cossu e Pinilla, in semi rovesciata, prende il palo; sulla palla si getta Sau che, dopo aver scartato Handanovic, Ranocchia e Samuel deposita in rete. Vantaggio sardo a San Siro.

 

Al 67’ primo cambio del match: esce un generoso e brillante Cossu ed entra Dessena. Pulga, in vantaggio, decide di rinfoltire il centrocampo per fermare l’avanzata neroazzurra che si concretizzerà in questa seconda metà della ripresa.

 

Il Cagliari non si ferma ed al 69’ si rende nuovamente pericoloso con Pinilla che, dalla sinistra, trova in mezzo Ekdal. Il centrocampista, con un passato alla Juventus, calcia dal limite dell’area. Palla sopra la traversa.

 

Al 71’ ottima parata di Agazzi su Ranocchia che, dalla sinistra dell’area di rigore, cerca il “colpo da biliardo” provando ad angolare. Al 72’ giallo anche per Conti che, a centrocampo, ferma Cambiasso evitando la ripartenza dei neroazzurri.

 

Un minuto dopo doppio cambio; Stramaccioni decide di inserire Coutinho per Juan Jesus, mentre Pulga si affida alla velocità di Ibarbo al posto di Sau. Chiaro il messaggio dei due tecnici: Inter tutta in avanti e Cagliari a puntare sul contropiede.

 

La risposta dei neroazzurri è tutta in un timido tiro di Cassano che, al 78’ si spegne qualche metro a lato della porta difesa da Agazzi. Anche Milito, all’80’, ci prova dal limite dell’area: la sua conclusione viene deviata in angolo dal rientrante Dessena.

 

Un minuto dopo Stramaccioni tenta il tutto per tutto inserendo il giovane Alvarez per Cassano; buona solamente a sprazzi la prova del barese, non molto nel vivo del gioco. L’argentino, appena entrato, firma subito il pareggio: il suo cross dalla destra viene deviato in rete da Astori. Autogol del difensore sardo e 2 a 2.

 

All’84’ incredibile salvataggio di Agazzi che ribatte la conclusione di Ranocchia. Al 90’ protestano i giocatori e si infuria Moratti per un presunto rigore non conecsso ai neroazzurri; Giacomelli, almeno inizialmente, sembrava deciso a concedere il penalty. Nell’occasione viene allontanato Stramaccioni, che polemicamente si dirige verso il quarto uomo. Dalle immagini il fallo sembrava esserci, ma resta non chiaro se è avvenuto in area o meno.

 

Termina in pareggio l’entusiasmante match tra Inter e Cagliari; ora la testa va all’Europa League: giovedì alle 18.00 ci sarà la sfida in Russia contro il Rubin Kazan che potrebbe decidere chi tra l’italiana e la russa passerà il girone in testa.

 

PAGELLE E COMMENTI DI FINE GARA: L’INTER DECIDE IL SILENZIO STAMPA PER IL RIGORE NEGATO – Per le pagelle e i commenti di fine gara a cura di CronacaMilano, CLICCA QUI

 

AGGIORNAMENTO del 18 novembre 2011 ore 18,00 – Per ora l’unico commento è del presidente Moratti, che ha sottolineato l’errore arbitrale su Ranocchia dichiarando a Sportmediaset: “Immagini chiare, il rigore e’ netto. Sembra ci sia un disegno contro l’Inter.”

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Inter – Cagliari 2 a 2 e rigore negato, Serie A tredicesima giornata, l’Inter protesta e indice silenzio stampa; cronaca e pagelle

Napoli – Milan 2 a 2, serie A tredicesima giornata. Rimonta “faraonica” dei rossoneri, cronaca e pagelle

Italia – Francia 1 a 2 amichevole, termina qui il 2012 Azzurro

Gol fantasma, Fifa ufficializza i sistemi elettronici: cosa sono e quanto costano gli Hawk-Eye e GoalRef

Matteo Torti

1 COMMENTO

  1. il rigore era sacro santo. Aveva rogione platini che invito gli arbitri incapaci a cambiare mestiere.
    Adesso non accetto erroei madornali, in campo ci sono 5 arbitri , e un quarto uomo a bordo campo, come si fa a non vedere un rigore?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here