Lazio – Inter 1 a 0 Serie A diciassettesima giornata, Klose regola i nerazzurri

Altra sconfitta per i nerazzurri con le romane; dopo quella con la Roma, ad inizio campionato, anche la Lazio ha la meglio sugli uomini di Stramaccioni che, però, recriminano per due legni colpiti, a metà ripresa, con Guarin e Cassano. Decide il solito Klose: cecchino infallibile.

 

La penultima giornata di campionato prima dello stop per le festività regala a Stramaccioni una sorta di derby personale: lui, allenatore delle giovanili della Roma, di fronte alla Lazio di Petkovic, altro neofita della Serie A italiana.

 

Il tecnico interista, per la sfida di questa sera all’Olimpico, decide di affidarsi alla coppia Cassano-Milito, supportati da Guarin. Difesa a quattro con, davanti ad Handanovic, Nagatomo, Samuel, Ranocchia e Pereira. A centrocampo dentro capitan Zanetti con Gargano e Cambiasso.

 

I biancocelesti, invece, si schierano con un coperto 4-5-1 con Klose unica punta. Il tedesco sarà supportato da Lulic, Hernanes, Ledesma, Gonzales e Mauri. In difesa, davanti a Marchetti, dentro Konko, Ciani, Biava e Radu.

 

L’inizio del match non regala particolari emozioni: entrambe le squadre si studiano in quello che è una partita molto delicata per la lotta al terzo posto. All’11’ la prima giocata interessante: è Guarin a servire in profondità Nagatomo che, di prima intenzione, cerca Milito in mezzo. Esce bene Marchetti.

 

Al 23’ si fa vedere in avanti la Lazio: sugli sviluppi di un corner rocambolesca azione che favorisce Lulic: il suo tiro si spegne sul fondo. Pochi minuti dopo, al 27’, ancora biancocelesti in avanti: rinvio sporco di Ranocchia che finisce tra i piedi di Ledesma che, di destro, sfiora il palo.

 

Al 36’ ancora padroni di casa vicini al vantaggio: Hernanes smista la sfera verso Konko che, di destro, manda in mezzo un tiro-cross molto pericoloso che favorisce Klose: destro murato da Nagatomo.

 

Due minuti dopo altra occasione da rete creata da Hernanes: palla a Mauri che prova il sinistro; è Samuel a salvare il risultato mandando in angolo. Il primo tempo si chiude, al 44’, con un contatto in area tra Pereira e Klose: il tedesco protesta, ma non sembrano esserci gli estremi per il penalty.

 

Finisce così un primo tempo in cui l’Inter non si è mai resa pericolosa; Cassano e Milito i più deludenti. Lazio che, nel finale, ha “rischiato” in più occasioni di passare in vantaggio.

 

La ripresa si apre senza sostituzioni; al 52’ azione di Klose che supera Samuel; l’argentino lo stende: giallo per lui. Al 54’ è l’Inter, con Milito, ad affondare nell’area avversaria; Marchetti, in uscita, spegne ogni pericolo anticipando la punta argentina.

 

Al 57’ palla gol per la Lazio: è sempre Hernanes, il più pericoloso fin qui, a cercare il vantaggio. Palla che termina di poco a lato. Al 59’ primo cambio per Stramaccioni: dentro Palacio al posto di Cambiasso, zoppicante. Al 64’ arriva la risposta di Petkovic: entra Candreva per Lulic.

 

Al 66’ grande chance per il Biscione: Cassano illumina per Guarin che, di destro, va alla conclusione. Palla che colpisce il palo. La Lazio non riesce ad allontanare la sfera, ma Milito non trova la porta.

 

Al 74’ altra grande occasione fallita dall’Inter: questa volta è Nagatomo a servire Cassano; il destro del barese, come successo pochi minuti prima a Guarin, sbatte sul palo. Sugli sviluppi del corner palla che termina a Palacio che, di destro, cerca la porta: la sfera termina a lato.

 

Nel momento migliore dell’Inter, però, arriva il vantaggio dei padroni di casa: all’82’ è Klose, che due minuti prima aveva sbagliato un gol clamoroso tutto solo davanti ad Handanovic, a siglare l’1 a 0 all’Olimpico con un destro chirurgico che batte l’estremo difensore sloveno.

 

All’86’ Stramaccioni prova ad inserire anche Coutinho, richiamando in panchina Pereira. Il giovane brasiliano, pochi secondi dopo, si rende protagonista di una bella occasione da rete: punizione che lambisce il palo.

 

L’ultimo episodio del match arriva al 92’ e vede protagonisti Ranocchia e Ciani; nell’area laziale è il secondo a trattenere il difensore interista che termina a terra. Mazzoleni non ravvisa gli estremi per il rigore.

 

Finisce qui un match dove l’Inter, ad eccezione dei due pali a metà ripresa, è sembrata troppo molle per poter pensare di superare questa Lazio così cinica. Ora la corsa al terzo posto Champions si complica: l’Inter, ferma a 34 punti, si vede rimontare proprio dagli uomini di Petkovic che salgono a quota 33.

 

E domani Napoli, Fiorentina, Roma e Milan potranno approfittare di questo passo falso degli uomini di Stramaccioni.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Milan – Reggina 3 a 0 Ottavi di Coppa Italia, a segno Yepes, Niang e Pazzini

Analisi Milan Reggina e Inter Verona, Coppa Italia, Ottavi di finale: statistiche, formazioni, commenti

Analisi sorteggi Milan Champions League e Inter Europa League 20 dicembre 2012: elenco gironi, classifiche, info

Cessione Sneijder, non convocato per l’Europa League, a gennaio partirà

Cessione Sneijder Inter, per gennaio pronti Arsenal, Borussia Dortmund, Psg e Manchester United

Sorteggio Italia gironiConfederations Cup 2013 Brasile giugno 2013, analisi, calendario, statistiche

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here