Juventus – Milan 2 a 1 Quarti di finale Coppa Italia, ai supplementari decide Vucinic

Il vantaggio iniziale di El Shaarawi aveva illuso i tifosi rossoneri che la semifinale di Coppa Italia potesse essere un obiettivo raggiungibile. Invece non è così: Giovinco su calcio di punizione fulmina Amelia e Vucinic, nel primo tempo supplementare, sigla la rete che decide la qualificazione della Vecchia Signora. I carichi di lavoro dei giorni precedenti si sono fatti sentire: ad eccezione del primo quinto di gara, poca brillantezza per entrambe le squadre.

 

Le formazioni messe in campo da Allegri e Conte testimoniano quanto i due tecnici prendano sul serio la competizione; sono poche le riserve messe in campo e comunque più per problematiche legate ad acciacchi ed infortuni che a puro turnover.

 

I rossoneri si schierano con Amelia in porta; difesa che vede Abate e De Sciglio sulle fasce e Mexes ed Acerbi in mezzo. Nuovo esperimento per Boateng come mezz’ala, con il ghanese affiancato da capitan Ambrosini e Montolivo. In avanti, invece, spazio al trio Emanuelson, El Shaarawi e Pazzini.

 

Il tecnico bianconero decide di rinunciare a Vucinic e Pirlo. L’attacco è affidato a Matri e Giovinco. Centrocampo a cinque con Lichtsteiner, Vidal, Marrone in cabina di regia, Giaccherini ed Isla. In difesa, davanti all’ex Storari, dentro Caceres, Barzagli e Bonucci.

 

Il primo squillo, al 3’, è del Milan: azione personale di El Shaarawi e palla scaricata su Ambrosini che, di sinistro, va al tiro. Storari alza sopra la traversa.

 

Il miglior approccio alla gara dei rossoneri si concretizza tre minuti dopo: combinazione rapida tra El Shaarawi e Boateng che porta il primo alla conclusione: Storari non può nulla. Il Milan passa in vantaggio con il Faraone: diciassettesimo gol stagionale per il giovane italo-egiziano.

 

Pronta la risposta bianconera; al 9’ pennellata di Giovinco e colpo di testa di Matri, lasciato inspiegabilmente solo da Acerbi. Sfera che esce di poco alla destra di Amelia. Il pareggio viene solo posticipato: è il 12’ quando Giovinco, su punizione, sigla l’1 a 1. Trasformazione perfetta che lascia immobile Amelia.

 

Al 17’ primo giallo del match: Mazzoleni lo sventola a Mexes; brutta entrata del francese su Giovinco. Nell’occasione richiamo verbale per Conte, resosi protagonista di una eccessiva protesta. Un minuto dopo ancora bianconeri pericolosi: assist di Giovinco per Matri che, dal limite dell’area, schiaccia troppo la sfera. Amelia blocca.

 

Al 30’ secondo giallo: questa volta arriva a Boateng. Dalla punizione, nello stesso punto del primo gol, Giovinco non sorprende Amelia. L’estremo difensore rossonero alza in angolo.

 

Occasionissima Juve al 32’ con Giovinco che, lanciato da un intervento sbagliato di Acerbi, si presenta tutto solo davanti ad Amelia: sfera ampiamente a lato.

 

Nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo non succede altro; la prima frazione termina sull’1 a 1. Dopo un inizio spumeggiante, in cui entrambe le squadre sono andate a segno, la partita si è svolta su ritmi più lenti. Ad eccezione del gol di El Shaarawi in avvio, gli uomini di Allegri non sono riusciti a creare altre occasioni pericolose ed anzi, in più circostanze, hanno rischiato di subire il raddoppio bianconero.

 

La ripresa inizia senza cambi: in campo gli stessi ventidue dei primi quarantacinque minuti. La prima palla-gol capita al solito Giovinco al 51’: assist involontario di Vidal, Acerbi ancora sorpreso, ma l’italiano non riesce ad imprimere la potenza necessaria per superare Amelia, che riesce a bloccare a terra.

 

Al 58’ è Marrone a tentare la conclusione dai trenta metri; palla deviata da Ambrosini che, però, non impensierisce Amelia. Sono sempre i bianconeri a provare a fare la partita. I rossoneri si fanno vedere al 60’ con Boateng: guizzo del ghanese che supera Bonucci e va al tiro dai ventidue metri: Storari, a terra, blocca.

 

Al 64’ primo cambio per Conte: dentro Vucinic al posto di Giovinco, il migliore tra le fila della Vecchia Signora. Pochi secondi dopo giallo per Vidal: il cileno non appare in grande forma quest’oggi.

 

Al 70’ anche Allegri ordina delle sostituzioni: entrano Bojan e Niang al posto di Emanuelson e Pazzini. L’olandese e la punta italiana sono apparsi poco convincenti ed intraprendenti nella serata odierna.

 

Al 76’ grande intervento difensivo di El Shaarawi che, con una diagonale perfetta, salva un gol già fatto anticipando all’ultimo Lichsteiner. Pochi secondi dopo secondo cambio anche per il tecnico bianconero: fuori Marrone e dentro l’ex Andrea Pirlo.

 

All’83’ terzo ed ultimo cambio per Conte: esce un malconcio Lichsteiner ed entra De Ceglie, che si posiziona sull’out mancino con Isla dirottato a destra. E’ il Milan a rendersi però pericoloso all’87’: bel cross dalla sinistra di De Sciglio e scelta di tempo perfetta di Niang che, di testa, lambisce il palo alla sinistra di Storari.

 

Anche Allegri, al 91’, è costretto ad esaurire i cambi: fuori Ambrosini, il migliore dei rossoneri, e dentro il maliano Traoré. Nel recupero non accade più nulla: anche il secondo tempo, più equilibrato rispetto alla prima frazione di gioco, si chiude in parità. 1 a 1 il finale e squadre che si contenderanno la qualificazione negli extra-time.

 

Al 93’ subito opportunità per Vucinic che, nell’area rossonera, non riesce ad approfittare della sponda di Matri. Palla che finisce prima sulle gambe di Acerbi e poi tra le braccia di Amelia.

 

Due minuti dopo il montenegrino si riscatta siglando il 2 a 1 finalizzando un contropiede micidiale di Giaccherini.

 

Nei minuti successivi non succede molto: i bianconeri si difendono bene e puntano tutto sul contropiede, mentre i rossoneri attuano un possesso di palla sterile, che non genera azioni pericolose.

 

Il secondo tempo supplementare si apre al 105’ con un bel tiro di Montolivo prima e di El Shaarawi poi; Storari, in entrambe le circostanze, si fa trovare pronto. Ancora Diavolo pericoloso al 109’: imbucata di Bojan per Niang che, in area, si porta la palla sul sinistro, ma non imprime la potenza necessaria.

 

Al 111’ gol fallito da Isla che, tutto solo davanti ad Amelia, non approfitta dell’assist di Vucinic e calcia addosso all’estremo difensore rossonero; palla che termina in angolo.

 

Al 118’ ultime due grandi occasioni del match: sugli sviluppi di un corner, sponda di testa di Acerbi per Traoré che, dal dischetto del rigore, non riesce ad insaccare. Un minuto dopo ancora palla per il maliano che, dal vertice destro dell’area di rigore, viene murato.

 

Finisce così: 2 a 1 per la Juventus e bianconeri che, in Semifinale, affronteranno la Lazio, che ha avuto la meglio sul Catania. Il Milan, invece, tornerà in campo domenica sera alle 20.45 nel posticipo di Genova contro la Sampdoria.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Calciomercato Milan: Robinho al Santos, Abate allo Zenit, arrivo di Santon; news su Balotelli, Boateng, Destro e Drogba

Rocchi va all’Inter, ora si tratta per Sorrentino, Andreolli e Schelotto

Pato lascia il Milan, il Papero va al Conrinthians per 15 milioni di euro

Calciomercato Inter e Milangennaio 2013: Consigli, Llorente, Lampard, Walcott e Cole

Inter: Ranocchia squalificato due turni; Rocchi o Pinilla come vice-Milito; novità per Paulinho e Sneijder

Sorteggi Champions League Milan – Barcellona e Europa LeagueInter – Cluj, elenchi dettagliati

 

 Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here