Cagliari – Milan 1 a 1 Serie A ventiquattresima giornata, Balotelli salva i rossoneri

Per come si era messa la gara, il punto conquistato da Allegri in casa del Cagliari è equivalente ad una vittoria. Rossoneri mai pericolosi fino all’80’ e cioè fino al rigore trasformato da Balotelli che, con questa rete, fa tre gol in due partite. Brutta prestazione per il Milan che, venerdì alle 20.45, è chiamato ad una prova migliore contro il Parma a San Siro.

 

Dopo una querelle durata oltre due giorni, nel pomeriggio di ieri è arrivata la decisione ufficiale; si gioca all’Is Arenas di Quartu Sant’Elena. Seconda decisione perché, in precedenza, la Lega di Serie A aveva comunicato che lo stadio designato di ospitare Cagliari – Milan era l’Olimpico di Torino visto la mancanza della zona di prefiltraggio nell’impianto sardo.

 

Novità di formazioni per Allegri che non può contare su Constant e si affida, davanti ad Abbiati, ad Abate, Mexes, Zapata e De Sciglio. A centrocampo l’assenza di Montolivo, squalificato, è occupata da Ambrosini, con Flamini e Muntari ai lati del capitano italiano. Davanti tridente baby con El Shaarawi e Niang agli esterni di Balotelli.

 

Il Cagliari, invece, si affida a Thiago Ribeiro dietro alle due punte Ibarbo e Sau. Centrocampo con capitan Conti affiancato da Dessena ed Ekdal. In difesa, davanti ad Agazzi, spazio per Pisano, Rossettini, l’ex rossonero Astori e Murru.

 

Inizia su ritmi lenti il match. I primi minuti vedono protagonista, in negativo, Zapata che sbaglia un paio di controlli molto facili al limite dell’area. Per vedere il primo tiro bisogna attendere il 9’: è Ambrosini, dai ventidue metri, a cercare la porta. Conclusione debole, Agazzi manda in angolo.

 

La risposta dei sardi non si fa attendere; al 13’ è Ibarbo che sfugge e Mexes e Zapata, ma viene fermato in extremis da Abate. Ottima diagonale difensiva per il terzino del Diavolo, che salva un gol già fatto.

 

Al 21’ ancora l’attaccante colombiano protagonista; erroraccio di Ambrosini a metà campo e ripartenza rossoblu con Ibarbo che, a tu per tu con Abbiati, non riesce a trovare la porta. Al 32’ il Milan prova la conclusione con Balotelli: Super Mario tenta il tiro da posizione siderale. Agazzi blocca senza problemi.

 

Al 37’primo giallo del match: Giannoccaro lo sventola a Niang per un fallo di reazione su Conti. Nei minuti finali crescono i padroni di casa: al 41’ calcio d’angolo pericoloso condito da errore di Abbiati. La retroguardia del Diavolo si salva mandando nuovamente in corner.

 

Al 44’Mexes si fa superare dalla velocità di Ibarbo e si prende il giallo. Sugli sviluppi della punizione, erroraccio difensivo dei centrali rossoneri ed Ibarbo, di testa, supera un Abbiati malamente piazzato.

 

Finisce qui il primo tempo; tutto troppo facile per il Cagliari che non ha mai rischiato e, quando ha capito di poter pungere il Diavolo, ha concretizzato la propria superiorità territoriale grazie ad un “buco” difensivo di Mexes e Zapata, ancora una volta troppo incerti. 1 a 0 dopo i primi 45 minuti.

 

La ripresa inizia senza alcun cambio; dopo due minuti giallo per Murru, che falcia da dietro Balotelli. Ad essere pericoloso, però, è ancora il Cagliari: al49’ Mexes si fa rubare palla e concede la conclusione ad Ibarbo. Nulla di fatto.

 

Pochi secondi dopo ancora i padroni di casa vicinissimi alla rete: Conti, da fuori area, ci prova: pallone che sfiora la traversa. Un minuto dopo il capitano rossoblu viene ammonito per un’altra entrata su Balotelli.

 

Al 55’ primo cambio del match: Pulga decide di inserire Cossu per Thiago Ribeiro. Il Milan, in questa ripresa, non è ancora riuscito ad impensierire la retroguardia sarda. Al 61’ anche Allegri cambia: fuori un inconsistente El Shaarawi e dentro Boateng.

 

Al 65’Allegri ordina la seconda sostituzione: entra Bojan al posto di Ambrosini, ammonito poco prima. Pochi minuti dopo Balotelli impensierisce la difesa avversaria: giallo per Astori prima e Dessena dopo.

 

Al 71’ primo tiro in porta della ripresa per il Milan: ci prova Boateng, ma il tiro del ghanese lambisce il palo alla destra di Agazzi. Al 79’ terzo ed ultimo cambio per il Diavolo: entra Robinho al posto di Niang.

 

All’80’ bella occasione da gol per De Sciglio che, dentro l’area di rigore, cerca di impensierire Agazzi con un buon tiro. L’estremo difensore avversario si salva con il piede.

 

Un minuto dopo immensa ingenuità di Astori che, sugli sviluppi di un corner, trattiene vistosamente Balotelli impedendogli di intervenire sul pallone. Giannoccaro non ha dubbi: rigore e rosso per il difensore cagliaritano. Dal dischetto si presenta Balotelli: portiere spiazzato. 1 a 1 all’Is Arenas.

 

Nel finale c’è spazio ancora per il Milan; all’89’ è ancora Balotelli, di testa, a cercare la deviazione in rete. Conclusione centrale, Agazzi trattiene il pallone. Due minuti dopo ci prova Bojan, dal limite dell’area, ma il suo mancino viene deviato da Agazzi.

 

Finisce con un pareggio la trasferta del Milan in terra sarda. Un punto d’oro che consente al Milan di salire a quota 41 punti mantenendosi agganciata al treno Champions League visto il pareggio della Lazio di ieri sera.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Milan – Udinese 2 a 1 Serie A ventitreesima giornata, grande vittoria per Allegri

Siena – Inter 3 a 1 Serie A ventitreesima giornata, brutta prova per i nerazzurri

Calciomercato 2013 Inter e Milan, diamo il voto alle due società milanesi

Balotelli al Milan ufficiale, SuperMario oggi sosterrà le visite mediche 

Matteo Torti