Carew all’Inter è ufficiale, ecco la nuova punta nerazzurra che guadagnerà 300 mila euro da qui a giugno 2013

Dopo l’acquisto di Tommaso Rocchi, l’Inter decide di dotarsi del suo secondo vice-Milito. L’attaccante ex Lazio non ha convinto nessuno ad Appiano Gentile e così, dopo poco meno di due mesi dal suo arrivo, ecco il secondo sostituto della punta argentina infortunatasi gravemente al ginocchio. Si chiama John Carew e, nella sua carriera, vanta anche una stagione alla Roma. Scopriamo tutto su di lui.

 

DAL CAPPELLO ESCE CAREW – L’Inter senza Milito perde molto del suo potenziale offensivo. Moratti e Stramaccioni lo sanno. I numeri parlano chiaro: il Principe, dopo un ottimo inizio di stagione, ha dovuto arrendersi a dei fastidi muscolari che l’hanno tenuto fermo nel finale del 2012 e nell’inizio del 2013.

– I 17 punti conquistati nelle ultime 17 partite fanno emergere un rollino di marcia da retrocessione; senza dimenticare che 17 giornate sono sostanzialmente metà campionato e, quindi, hanno una certa importanza statistica.

– Gli uomini di mercato interisti, per mettere fine a questa striscia negativa, hanno pensato bene di acquistare Tommaso Rocchi ad inizio gennaio e John Carew a fine febbraio. Potendo già usufruire delle prestazioni di Livaja, ci sembra francamente una strategia molto discutibile. Tanto più che viene attuata da una società che, nell’ultimo anno, dichiara di voler operare un pesante ringiovanimento.

 

FATTE LE PREMESSE … SCOPRIAMO IL NUOVO ATTACCANTE – Nato in Norvegia il 5 settembre del 1979, John Carew è una punta fisicamente dotata (193 cm d’altezza per 88 kg di peso) che ha chiuso la propria carriera, al West Ham, il 23 maggio del 2012.

– Dopo aver mosso i primi passi in patria, tra Valerenga e Rosenborg, la prima grande occasione per l’attaccante norvegese arriva nell’estate del 2000, quando si trasferisce nel Valencia. In Spagna rimane tre stagioni e sigla 28 gol in 128 presenze. Uno score non entusiasmante per una prima punta, nonostante la sua giovane età.

– Nonostante ciò attira le attenzioni della Roma che, nel 2003, decide di acquistarlo per completare il reparto offensivo. Con i giallorossi firma 8 segnature in 29 presenze. L’anno dopo passa al Besiktas. La media gol migliora: 14 in 28 apparizioni.

– Tuttavia anche i turchi non lo confermano. Nel 2005 è la volta del Lione: 18 gol in 53 partite, ripartite in un anno e mezzo.

– Dal gennaio del 2007 arriva il trasferimento in Premier League. I quattro anni all’Aston Villa gli garantiscono, per la prima volta in carriera, una certa stabilità. Carew ripaga con 48 gol in 131 partite.

– Meno brillante la chiusura di carriera; sei mesi allo Stoke City ed un anno al West Ham, dove non va oltre le due reti in 21 presenze.

 

NON CONVINTI GIA’ IN PARTENZA – In base ai dati sopraesposti si può facilmente concludere una cosa: nonostante Carew abbia giocato sempre come prima punta, ha frequentemente deluso in termini di reti realizzate.

– I numeri sono impietosi: 151 gol ripartiti in 474 partite, con una media gol di una rete ogni 3,15 match.

– Se a questi numeri aggiungiamo che Carew non gioca una partita ufficiale dallo scorso maggio 2012 e che, per uno con il suo fisico, è necessario del tempo prima di ritrovare il ritmo partita si possono comprendere i dubbi che aleggiano sulla sua futura avventura neroazzurra.

– Anche Moratti l’ha manifestato: “Vediamo se in queste due settimane c’è anche la forma fisica, la voglia e tutto quello che è necessario per poterlo mettere in condizione di essere utile. Farà una prova di un paio di settimane e poi decideremo”.

 

PRONTO PER L’EUROPA LEAGUE? – A questo punto la domanda appare scontata. Visto il precedente con Rocchi, che sta raggiungendo solo in questi giorni la forma partita, quando sarà pronto il norvegese?

– Nonostante il suo agente si affretti a dichiarare che “uno con il suo fisico in una settimana sarebbe pronto per giocare”, qualche dubbio sui tempi di “recupero” ci vengono.

– Dubbi che anche Moratti ha: “È a disposizione e come tale può fare riposare qualcuno, sempre che sia all’altezza di questi”.

– Stramaccioni, infatti, sembra orientato a continuare a proporre il modulo con Cassano “falso nueve”; il norvegese, quindi, potrebbe dare qualche turno di riposo al barese in Europa League, dove però il Tottenham non sarà un avversario agevole.

 

L’APPUNTAMENTO – Nella giornata di oggi l’Inter farà sostenere a Carew altri esami per comprendere la sua reale condizione fisica. Dopodichè, in caso di esito positivo, scatteranno i 15 giorni di prova.

– Il norvegese, quindi, potrebbe già essere in panchina nella delicata trasferta di domenica pomeriggio contro il Catania.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Inter – Milan 1 a 1 Serie A ventiseiesima giornata, Schelotto risponde ad El Shaarawi

Anteprima derby Inter – Milan 24 febbraio 2013: analisi, precedenti, statistiche, curiosità

Cluj – Inter 0 a 3 ritorno Sedicesimi di finale Europa League, doppio Guarin e Benassi firmano la vittoria

Milan – Barcellona 2 a 0 andata Ottavi di finale Champions League, ecco a voi la partita perfetta

Calciomercato 2013 Inter e Milan, diamo il voto alle due società milanesi

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here