Renault Captur: la prova di CronacaMilano

Renault continua nel suo cammino di rinnovamento inserendo un altro esclusivo modello all’interno del suo ampio panorama di vetture.

 

L’Urban Crossover è una tipologia di vettura pensata per far vivere al conducente l’esperienza della guida “alta”, senza per questo sacrificare i caratteri distintivi delle vetture tradizionali, come l’eleganza ed il piacere della guida.

 

Renault Captur riesce a far coincidere le esigenze del giovane maturando, ricco di “fan”, con quelle della famiglia attiva, alla ricerca di accorgimenti esterni ed interni che non lascino nulla al caso.

 

Le linee ricordano la Nuova Clio, ma crediamo sia giusto evidenziare sul campo la propria identità. Ritoccare, infatti, l’ottimo e valido design, al fine di proporlo ad un pubblico che guardi alla praticità, si sta dimostrando una mossa vincente.

 

Nella creazione d’auto, del resto, sono molte le case automobilistiche che hanno scelto di “ridurre” i loro SUV; Renault, invece, proporziona la sua idea.

 

Il risultato è Renault Captur: una vettura attraente, che soddisfa. E in 18mila euro, poco più o poco meno, si ha tutto.

 

LA PROVA SU STRADA – Dopo averla squadrata dentro e fuori, finalmente proviamo la Capture.

 

– Le linee dell’auto sono decise: frontale e fiancate si chiudono sul retro della vettura in modo energico, il design è studiato per conferire una sensazione di forza e dinamicità.

 

– L’ingresso nell’abitacolo è agevole, ci si trova seduti senza nemmeno accorgersi di aver chiuso la portiera. Il sedile, come pure il volante, vantano un allestimento pratico, trasferendo sin da subito, al conducente, una gradevole sensazione di padronanza: sia della strada, che della vettura.

 

– Pratici anche i sedili sfoderabili con la zip, così da poter lavare gli interni con tutta comodità e rendere l’auto utilizzabile anche dalle famiglie con figli golosi di gelati sgocciolanti.

 

– Gli accessori tecnologici sono di facile utilizzo e si lasciano personalizzare in pochi tocchi. Il sistema di navigazione, intergrato alla possibilità di connessione con smartphone, aumenta la sensazione di comfort, creando un ambiente familiare in pochi attimi. Curiosità: sul display c’è anche una funzione che valuta e indica in tempo reale la qualità dell’aria esterna.

 

– La guida nel traffico della Captur, motorizzata con un propulsore 1.5 dCi da 90cv, è fluida. Nonostante l’altezza da terra ed il peso della vettura, il motore non manca mai di spunto e, seppur proporzionato alla quantità di cavalli a disposizione, l’affaticamento meccanico non si percepisce.

 

– Dossi, buche, pavé e rotaie, tutti elementi traumatici se affrontati con le vetture comuni, con la Capture, invece, si percepiscono appena, appagando la sensazione di fuoristrada che la vettura vuole garantire al conducente.

 

– Anche la visibilità alla guida è ottima. Per effettuare parcheggi millimetrici, infatti, abbiamo trovato molto pratico il sistema di telecamere posteriori, utilissime considerato il piccolo lunotto.

 

– Fuori città però, nelle lunghe percorrenze autostradali, si sente la mancanza di qualche cavallo in più. A 130kmh la vettura sembra un po’ tirata e, nonostante la nuova mappatura della centralina, pensata per spunti brillanti, negli allunghi la coppia si smorza subito.

 

– Il comportamento su strada, tuttavia, città e percorsi extra urbani, è molto neutro ed è difficile percepire beccheggio e rollio. La sensazione generale è quella di una vettura ben bilanciata, che si lascia guidare in modo molto gradevole. Gli inserimenti in curva sono precisi, avantreno e posteriore seguono le linee di corda senza mai scomporsi troppo, anche in caso di correzione moderata.

 

– La frenata è pronta e il sistema a tamburi sulle ruote posteriori non penalizza la modulazione; l’abs, anche in caso di frenata brusca, non si è mai attivato.

 

– In generale abbiamo trovato la Captur una vettura congeniale agli usi per cui è stata progettata, convincendoci sia per le linee esterne sia per gli accorgimenti tecnici e pratici.

 

– Cosa ci è piaciuto: il prezzo tutto incluso della versione in prova è ottimo, il design curato, il sistema di navigazione con molte funzioni utili

–  Cosa non ci è piaciuto: cromature e plastiche lucide molto delicate, manca qualche cavallo.

 

 

Leggi anche:

Nuova Dacia Sandero Stepway, la prova su strada di CronacaMilano

Nuova Renault Clio, lo spazio che mancava. La prova di CroncaMilano

C.A.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here