Bologna – Milan 3 a 3 Serie A quinta giornata, ottovolante rossonero al Dall’Ara

Milan_Calcio_LogoDifficile commentare una prestazione di questo tipo. Proprio quando sembrava che il Milan avesse iniziato con il giusto approccio un match, ecco venire a galla i soliti, immensi, problemi. La fase difensiva preoccupa, soprattutto sul fronte Zapata. Due errori del colombiano, entrambi in tandem con Abate, regalano la doppietta a Laxalt. Nel finale succede di tutto: i rossoblù non riescono a tenere il doppio vantaggio: ne approfittano Robinho ed Abate. 3 a 3 il finale.

 

Non finiscono i problemi in casa Milan. Alla lunga lista infortunati, per la trasferta di Bologna e per le prossime due partite, si è aggiunta la squalifica di Balotelli. Al posto di Super Mario, in attacco, troviamo Matri e Robinho supportati da Birsa. A centrocampo spazio per Poli, De Jong e Nocerino che fa riposare Muntari. In difesa, davanti ad Abbiati, dentro Abate, Zapata, Mexes e Constant.

 

Pioli, invece, decide di affidarsi al 4-3-2-1 con Cristaldo unica punta, supporto da Diamanti e Laxalt. Mediana con Perez, Pazienza e Christodoulopoulos. In difesa, davanti a Curci, dentro Garics, Antonsson, Mantovani e Morleo.

 

Dopo venti secondi primo squillo del Bologna: conclusione mancina di Diamanti con Abbiati che blocca senza particolari patemi d’animo. All’8′ prima ammonizione del match: Tagliavento eleva il giallo a De Jong.

 

All’12’ i rossoneri passano in vantaggio: passaggio filtrante di Robinho per l’accorrente Poli e mediano rossonero che supera Curci con un bel diagonale di destro. 0 a 1 al Dall’Ara.

 

Passano due minuti e Matri, sugli sviluppi di un corner, lambisce il palo rossoblù con un preciso colpo di testa. La partita è ancora lunga, ma è il primo match stagionale in cui il Milan dimostra di essere concentrato e di aver avuto un buon approccio.

 

Al 20′ episodio dubbio nell’area rossoblù: Matri entra in area, ma viene fermato da una vistosa trattenuta di Garics. Tagliavento decide di non fischiare alcunché nonostante sembravano esserci gli estremi per il penalty e per un cartellino giallo/rosso.

 

Al 24′ incredibile palla-gol fallita da Matri: Poli, dai ventidue metri, schucchiaia per Birsa che, di prima intenzione, serve l’ex Juventus di testa. L’attaccante cresciuto nel Milan, dall’area piccola, manda alto.

 

Al 29′ prima vera parata per Abbiati: l’estremo difensore rossonero, molto criticato dopo la partita contro il Napoli, mantiene inviolata la propria porta su una conclusione mancina ravvicinata di Diamanti.

 

Al 31′ primo giallo anche per il Bologna: lo prende Pazienza per aver fermato con la mano un sombrero di Nocerino. Della punizione si incarica Birsa: schema con Matri che appoggia per Robinho che si scontra in area con Morleo e Diamanti. Il brasiliano reclama il penalty, ma Tagliavento ha un altro metro di giudizio.

 

Al 32′ difesa rossonera a spasso e Bologna che ne approfitta per siglare il pareggio: sul lancio della retroguardia si addormentano Zapata ed Abate e Laxalt è libero di presentarsi davanti ad Abbiati. Conclusione che termina in rete. 1 a 1 il nuovo parziale.

 

Al 38′ entrata in ritardo di Laxalt su Poli: Tagliavento non estrae il giallo per l’ala arrivata dall’Inter. Al 42′ doppio miracolo di Curci che salva il risultato su Robinho prima e Birsa poi. L’estremo difensore casalingo si oppone ed evita il nuovo vantaggio ai rossoneri. Al 44′ giallo anche per Christodoulopoulos.

 

Dopo un minuto di recupero termina un primo tempo che dimostra, semmai ce ne fosse ancora bisogno, che il vero problema del Milan è la fase difensiva. I rossoneri si mostrano equilibrati e vanno in vantaggio al 12′ con Poli, ma la gioia dura ben poco. Classica addormentata della retroguardia del Diavolo e Bologna che trova, facilmente, il pareggio.

 

Nessun cambio nella ripresa. Dopo trenta secondi ci prova Diamanti, ma il suo sinistro viene alzato sopra la traversa da Zapata. Al 47′ pronta risposta del Milan: assist di Robinho per Matri ed attaccante che fallisce ancora l’appuntamento con il gol.

 

Al 52′ arriva il vantaggio dei padroni di casa: cross dalla destra di Christodoulopoulos e colpo di testa di Laxalt. Doppietta per il giovane esterno che sfrutta al meglio la seconda dormita del duo Abate-Zapata. 2 a 1 al Dall’Ara.

 

Non finisce qui: passano dieci minuti ed arriva anche il tris del Bologna. Cross dalla sinistra di Diamanti e colpo di testa di Cristaldo che anticipa Mexes e supera un Abbiati lento a tuffarsi. 3 a 1 e notte fonda al Dall’Ara.

 

Allegri prova a cambiare le carte in gioco: al 63′ entra Niang per Birsa. Pioli risponde inserendo Della Rocca per Pazienza. Al 67′ grande recupero di Poli che, in extremis, evita il poker rossoblù con Christodoulopoulos.

 

Anche la sfortuna. Al 69′ colpo di testa di Mexes e palla che si stampa sulla traversa. Al 74′ secondo cambio per mister Allegri: esce Nocerino ed entra Muntari. Pochi secondi dopo miracolo di Abbiati che vola e manda in angolo la conclusione di Perez. Bologna in scioltezza.

 

Al 78′ dentro l’ex Juventus Sorensen per Christodoulopoulos. Al 79′ altro erroraccio di Matri che centra Curci da pochi passi; fortunatamente era in fuorigioco. All’85’ terzo ed ultimo cambio per Pioli: dentro Khrin per Perez.

 

All’87’ ci prova Niang su punizione, ma Curci ribatte con i pugni. Due minuti dopo è Robinho ad accorciare: il brasiliano, dopo un batti e ribatti in area, conclude a rete. 3 a 2 a pochi minuti dalla fine. Il tecnico livornese le prova tutte: dentro anche Emanuelson; esce Poli.

 

Cinquanta secondi dopo arriva l’incredibile pareggio. Palla in mezzo di Emanuelson, colpo di testa di Robinho e palla che arriva sui piedi di Abate. Il terzino non si lascia intimorire e ribadisce in rete. 3 a 3.

 

Al 94′ magia di Diamanti: il fantasista prova il tiro dai venticinque metri. Palla che si stampa sulla parte superiore della traversa e termina sul fondo. Al 95′ Tagliavento fischia la fine.

 

Il pareggio, ottenuto in extremis, consente al Diavolo di salire a quota 5 punti dopo 5 turni. Le big, ad eccezione del Napoli (1 a 1 contro il Sassuolo) continuano a vincere. La Roma dista ora 10 punti, Napoli e Juventus 8, la Lazio 4 ed Inter e Fiorentina devono ancora giocare.

 

Tra poche ore Milan nuovamente in campo. I rossoneri, sabato 28 settembre, saranno di scena a San Siro contro la Sampdoria. Fischio d’inizio per le 20.45.

 

Anticipo necessario visto che martedì prossimo, il 1° di ottobre, torna la Champions League ed il Diavolo sarà impegnato ad Amsterdam contro l’Ajax; completerà il tour de force pre-nazionali la trasferta contro la Juventus di domenica 6 ottobre.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Balotelli croce e delizia del Milan: gol, rigori e tante ammonizioni. Analisi e dettagli

Squalifica Balotelli per 3 giornate, salterà Bologna, Sampdoria e Juventus, pronto il ricorso del Milan. Tutti i dettagli

Milan – Napoli 1 a 2 Serie A quarta giornata, una difesa da paura

Erick Thohir compra l’Inter, finita l’era Moratti. Indiscrezioni, cifre e date dello storico passaggio di proprietà

Sanzione Inter per razzismo, chiusa la curva Nord; novità su Thohir e interessamento per Obiang

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here