Inter – Fiorentina 2 a 1 Serie A quinta giornata, Jonathan regala i tre punti ai neroazzurri

Jonathan Cicero MoreiraNonostante il campionato sia iniziato solamente da cinque giornate, l’Inter sembra recitare un copione già scritto: partenza soft nel primo tempo e sterzata decisiva nella ripresa. Anche stasera è andata così; nonostante il rischio per il momentaneo vantaggio di Rossi, la squadra di Mazzarri si è ricompattata ed ha mandato in scena quello che sta diventando il suo marchio di fabbrica. Di Cambiasso e Jonathan (nella foto) le reti; stupisce la freschezza atletica dell’Inter.

 

Con la questione Thohir che continua ad aleggiare nell’aria, a proposito Moratti prima della partita ha confermato che ogni momento può essere quello buono per firmare ed ufficializzare lo storico passaggio di proprietà, l’Inter si trova costretta a vincere per rimanere in scia di Roma e Juventus.

 

Mazzarri, nonostante l’ottimo ritorno di Milito, decide di non fare esperimenti e si affida al collaudato 3-5-1-1 con Alvarez alle spalle di Palacio. Mediana con Jonathan e Nagatomo sulle fasce, mentre in mezzo ci saranno Guarin, Cambiasso e Taider. In difesa, davanti ad Handanovic, dentro Campagnaro, Ranocchia e Juan Jesus.

 

Montella, invece, è costretto a rinunciare a Gomez e Cuadrado. In avanti spazio per Rossi supportato da Joaquin e Mati Fernandez. Linea mediana con Aquilani, Ambrosini e Borja Valero. Davanti a Neto spazio per Tomovic, Rodriguez, Savic e Pasqual.

 

La prima squadra a farsi vedere è quella allenata da Mazzarri. I neroazzurri, dopo poco più di un minuto, vanno al tiro con Nagatomo. Neto blocca senza problemi.

 

Padroni di casa pericolosi anche al 6′: serpentina di Alvarez sulla linea di fondo campo e palla in mezzo per Palacio che viene anticipato da Rodriguez.

 

Al 10′ neroazzurri vicini al vantaggio: combinazione tra Campagnaro ed Alvarez che non si concretizza per pochi centimetri. Da qui parte il contropiede dei Viola concluso da Giuseppe Rossi: il destro dell’ex Villareal viene smanacciato da Handanovic.

 

Partita scoppiettante in questo inizio. Al 13′ errore di Giuseppe Rossi che si fa portare via palla da Guarin; il colombiano serve Taider che, però, non inquadra la porta.

 

Al 20′ nuovamente pericolosa la Fiorentina: ottimo assist di Rossi per Joaquin che, entrato in area dalla destra, non riesce a superare Handanovic. Palla in corner e nulla di fatto. L’ala si fa vedere anche al 27′: altro tiro dalla destra e sfera, questa volta, che lambisce il palo.

 

Al 36′ tegola per Montella: capitan Pasqual è costretto a lasciare il campo per un problema muscolare; entra Marcos Alonso. In questi minuti i ritmi sono calati rispetto all’inizio; al 43′ ammonito Ranocchia che, nel cerchio di centrocampo, ferma il contropiede di Joaquin.

 

Dopo due minuti di recupero, Valeri fischia la fine; Inter – Fiorentina va in archivio con un parziale di 0 a 0. Ritmi molto alti nella prima metà del tempo e poi in calo. Entrambe le squadre si sono disimpegnate bene: i neroazzurri hanno creato più azioni, mentre i Viola si sono resi più pericolosi.

 

Per l’Inter sembra necessario l’inserimento di maggior qualità a centrocampo, vedasi Kovacic, e di un uomo al fianco di Palacio, Icardi o Milito.

 

Nessun cambio ad inizio ripresa e Fiorentina pericolosa con Mati Fernandez che, dopo pochi istanti, cerca di sorprendere Handanovic con un colpo di testa da posizione ravvicinata. Il portiere sloveno blocca tutto.

 

Al 48′ fallo di ostruzione di Ambrosini su Palacio: ammonito il mediano ex Milan. Un minuto dopo ci prova Guarin dai ventidue metri: Neto si salva mandando in angolo.

 

Al 58′ episodio dubbio in area neroazzurra: cross in mezzo di Mati Fernandez e Joaquin finisce giù per un’inutile trattenuta di Juan Jesus. Valeri non ha dubbi: rigore per i Viola e giallo per il difensore brasiliano. Dal dischetto si presenta Giuseppe Rossi: rete. Fiorentina in vantaggio a San Siro.

 

Mazzarri corre subito ai ripari: al 60′ dentro Kovacic per Taider. Al 63′ che rischio per Handanovic: lo sloveno rischia di perdere il controllo del pallone su cross di Tomovic. L’autogol viene evitato in extremis. Gli uomini di Mazzarri si ‘spaccano’ in due: hanno accusato il colpo.

 

Al 67′ secondo cambio per Mazzarri: esce un fischiatissimo Guarin per Icardi; il colombiano reagisce polemizzando con i suoi sostenitori e sfugge all’abbraccio del tecnico interista. Montella risponde inserendo Ilicic per Rossi, fin qui mattatore del match.

 

Al 70′ ammonito anche Nagatomo; il giapponese protesta visibilmente e Valeri lo sanziona con il giallo. Passa un minuto ed i neroazzurri arrivano al pareggio: uscita ‘saponetta’ di Neto e pallone che arriva sui piedi di Cambiasso; l’argentino deposita in rete. 1 a 1.

 

Al 74′ alla lista degli ammoniti si aggiunge anche Campagnaro. Al 77′ ultimo cambio per Montella: esce Aquilani ed entra Vecino. Pochi secondi dopo, dopo una prolungata azione, conclusione al volo di Marcos Alonso. Pallone che esce di un metro alla sinistra di Handanovic.

 

All’80’ Viola vicino al gol: grande iniziativa di Borja Valero sulla sinistra ed assist per il mancino di Ilicic; Handanovic respinge, poi Juan Jesus allontana.

 

All’83’ l’Inter capovolge il risultato: cross dalla sinistra di Alvarez e Jonathan, caparbio, supera Neto con un siluro di destro. 2 a 1 a San Siro. Nell’occasione grave incertezza di Mati Fernandez.

 

Subito dopo Mazzarri richiama in panchina l’autore del gol ed inserisce Alvaro Pereira, dirottando Nagatomo sulla fascia destra.

 

All’86’ neroazzurri vicini al tris con il contropiede di Pereira che, anziché servire il libero Palacio, decide di tirare. Neto alza sopra la traversa. Sugli sviluppi del corner ci prova Cambiasso, ma il suo mancino termina a lato. Che freschezza atletica per i neroazzurri.

 

L’ultima occasione arriva al 92′: cross in mezzo di Marcos e tiro al volo di Ambrosini. Handanovic, però, blocca agevolmente a terra. La conclusione era debole e centrale.

 

Dopo tre minuti di recupero, Valeri fischia la fine del match. San Siro, in parte chiuso per i cori razzisti in Inter – Juventus, può finalmente gioire. Seconda vittoria in quattro giorni per Mazzarri: 2 a 1 contro la Fiorentina.

 

L’Inter supera la ‘prova big’. Dopo il pareggio casalingo contro la Juventus, i neroazzurri riescono a superare la Fiorentina grazie ad una prova di carattere che fa esaltare i supporter neroazzurri.

 

Inter che sale a quota 13 punti dove trova Juventus e Napoli. La Roma, capolista, dista solo due lunghezze.

 

Il prossimo appuntamento per i tifosi neroazzurri è fissato alle 15.00 di domenica 29 settembre 2013: Mazzarri & Co. saranno impegnati nella trasferta di Cagliari. Prima della pausa per le Nazionali ci sarà il tempo per un altro match clou: sabato 5 ottobre alle 20.45 andrà in scena Inter – Roma.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Bologna – Milan 3 a 3 Serie A quinta giornata, ottovolante rossonero al Dall’Ara

Balotelli croce e delizia del Milan: gol, rigori e tante ammonizioni. Analisi e dettagli

Squalifica Balotelli per 3 giornate, salterà Bologna, Sampdoria e Juventus, pronto il ricorso del Milan. Tutti i dettagli

Erick Thohir compra l’Inter, finita l’era Moratti. Indiscrezioni, cifre e date dello storico passaggio di proprietà

Sanzione Inter per razzismo, chiusa la curva Nord; novità su Thohir e interessamento per Obiang

 

Matteo Torti

Fonte: wikipedia.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here