Milan – Fiorentina 0 a 2 Serie A undicesima giornata, disastro rossonero a San Siro

Stadio di San SiroCi sono poche parole per descrivere una prestazione come quella di questa sera. Milan inconcludente, a tratti insofferente e mai pericoloso. Proprio quando serviva una scossa, la squadra allenata da Allegri si è letteralmente sgretolata. La vittoria contro l’Udinese ed il pareggio casalingo contro il Barcellona sono un lontano ricordo. E mercoledì c’è nuovamente la sfida contro i catalani. Sono poche le speranze se si continua a giocare così. Si attende una decisione dalla società.

 

Nemmeno il tempo di recuperarlo che Allegri perde nuovamente De Sciglio. Il giovane terzino rossonero si è fermato nella rifinitura di venerdì e non è stato convocato. Senza di lui, oltre che privi di Silvestre infortunato e Mexes ancora squalificato, davanti a Gabriel troviamo Abate e Constant sulle fasce con Zaccardo e Zapata in mezzo. A centrocampo dentro Montolivo, De Jong e Muntari. In avanti confermato il tridente già schierato mercoledì contro la Lazio: Birsa, Kakà e Balotelli.

 

La Fiorentina, senza Cuadardo e Gomez, punta tutto su Giuseppe Rossi che sarà affiancato da Matos e Vargas. Mediana con Aquilani, l’ex Ambrosini e Borja Valero. In difesa, davanti a Neto, spazio per Tomovic, Rodriguez, Savic e Pasqual.

 

Le due squadre iniziano su ritmi piuttosto lenti. I primi minuti sono un lungo possesso di palla della Fiorentina; al 7′ prima conclusione del match: ci prova Muntari, ma il suo tiro termina ampiamente a lato.

 

Al 9′ contropiede della Fiorentina che ci prova con Borja Valero: Birsa in ripiegamento recupera la palla. Al 12′ ci prova Balotelli su punizione, ma la sua conclusione viene deviata da Aquilani.

 

Al 17′ cross di Kakà dalla sinistra: Zapata anticipa tutti, ma il pallone finisce alto sopra la traversa. Dopo tre minuti altra ripartenza di Kakà che serve Muntari in area di rigore; il ghanese ci prova con il mancino, ma Neto blocca a terra.

 

Al 26′ arriva la svolta del match: calcio di punizione per i Viola e conclusione di Vargas che viene deviata da Borja Valero. La direzione inganna Gabriel che non ci arriva. Palla in rete. 0 a 1 a San Siro.

 

Il Milan accusa il colpo e non riesce a reagire. Al 29′ Mazzoleni estrae il primo giallo del match. E’ per Matos che atterra Kakà in area.  Al 32′ nuova punizione della Fiorentina: Borja Valero va al cross, ma la difesa avversaria libera.

 

Al 34′ prima sostituzione: Ambrosini, recuperato in extremis, è costretto ad uscire. Entra Vecino.

 

Dopo due minuti di recupero termina il primo tempo. Le due squadre si avviano negli spogliatoi sul parziale di 1 a 0 per la Fiorentina. Brutta prima frazione per i rossoneri che non sono mai riusciti ad arrivare alla conclusione.

 

La ripresa inizia senza cambi. Al 48’ Balotelli serve Birsa, ma il tiro dello sloveno viene deviato da un difensore Viola. Al 50’ giallo anche per Montolivo.

 

Al 56’ Aquilani trattiene vistosamente Balotelli in mezzo al campo; Mazzoleni fischia il fallo, ma non estrae il secondo giallo per Super Mario. Al 57’ primo cambio anche per Allegri: esce Birsa ed entra Niang. Allegri cerca di aumentare la pressione verso la Fiorentina.

 

Al 61’ Balotelli, immancabilmente, viene ammonito. Super Mario entra con troppa foga su Neto e Mazzoleni non lo perdona. Giallo per lui: salterà la sfida contro il Chievo per diffida.

 

Al 68’ secondo cambio per Montella: esce Rossi ed entra Joaquin, mentre tra le file rossonere entra Saponara al posto di Muntari. Allegri prova il 4-2-3-1.

 

Al 71’ la Fiorentina accelera e va sullo 0 a 2: cross di Joaquin dalla destra e conclusione di Borja Valero che si spegne in rete. Ora per il Milan si mette veramente male. La curva contesta la squadra e Galliani lascia lo stadio.

 

All’84’ i Viola sfiorano il tris con Matos che dal limite dell’area prova il tiro: palla che termina a lato. E’ questa l’ultima azione della partita.

 

Dopo tre minuti di recupero finisce il match. A San Siro termina 0 a 2 in favore della Fiorentina; prestazione davvero deludente del Milan che non è mai riuscito a rendersi pericoloso. E come se non bastasse perde Balotelli per la prossima sfida di campionato.

 

Super Mario, diffidato, si è fatto ammonire per un intervento ingenuo su Neto. La domanda, a questo punto, è d’obbligo: è veramente possibile fondare una squadra su di lui? A voi la risposta.

 

La classifica continua a peggiorare. Il Diavolo rimane a 12 punti, mentre la Fiorentina sale a 21 e mantiene il passo di Napoli e Juventus che hanno vinto entrambe portandosi a quota 28. Per i rossoneri, il terzo posto dista la bellezza di 16 punti.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Felice Natalino lascia l’Inter e il calcio, soffre di una grave aritmia cardiaca

Milan – Lazio 1 a 1 Serie A decima giornata, un’altra occasione sprecata per il Diavolo

Critiche Allegri Milan: “Deve essere esonerato, non si può giocare così male” e la Curva si schiera contro il tecnico

Milan 2013 – 14: Allegri rischia l’esonero; analisi e tour de force in arrivo con Udinese, Barcellona, Parma, Lazio, Fiorentina, Barcellona e Chievo

Il settembre nero di Allegri, una consuetudine per il tecnico livornese. Media di 1,35 punti nella sua carriera e di 1,39 punti con il Milan: dettagli e tabelle

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here