Udinese – Inter 0 a 3 Serie A undicesima giornata, tornano i tre punti in trasferta

InterEra dal 22 settembre 2013, 0 a 7 sul Sassuolo, che l’Inter non vinceva in trasferta. Dopo il pareggio contro l’Atalanta di martedì scorso, i neroazzurri tornano ai tre punti riportandosi davanti alla Fiorentina e salendo a quota 22 punti. Juventus e Napoli distano sei punti, ma con un Palacio in questa forma tutto è possibile. Da sottolineare anche la prova di Cambiasso, perno imprescindibile di centrocampo.

 

Mazzarri può sorridere per il rientro lampo di capitan Zanetti, nuovamente convocato per la trasferta in terra friulana. Davanti, però, ha un’unica certezza: Palacio. Questa volta l’argentino sarà supportato da Guarin, con Alvarez arretrato a centrocampo al fianco di Cambiasso, Taider, Jonathan e Nagatomo. In difesa, davanti al recuperato Handanovic, spazio per Ranocchia, Samuel e Juan Jesus.

 

Ancora panchina per Kovacic che non sembra rientrare nei piani di Mazzarri nonostante l’ingente investimento fatto su di lui solamente dieci mesi fa. Non appare facile capire il motivo dell’arretramento di Alvarez sulla linea mediana visto che l’argentino era apparso in grande spolvero nella posizione “alla Hamsik”, come lo stesso Mazzarri aveva dichiarato.

 

Guidolin invece punta tutto su Muriel e Di Natale. Mediana con Widmer, Pereyra, Allan, Badu e Gabriel Silva. In difesa, davanti a Brkic, spazio per Naldo, Danilo e Domizzi.

 

Complice il pesante terreno di gioco, le due squadre iniziano su ritmi piuttosto lenti. Per vedere la prima occasione di gioco bisogna attendere il 10′. Pallonetto di Guarin a cercare Cambiasso, ma la sfera è troppo lunga e termina a lato.

 

La risposta dei bianconeri arriva al 13′: Muriel salta Juan Jesus, ma non impensierisce Handanovic. Al 16′ doppio errore di Naldo, ma Cambiasso non ne approfitta nell’area avversaria.

 

Al 17′ Naldo si fa perdonare dall’errore precedente con un ottimo intervento difensivo su Palacio, lanciato a rete. Al 19′ Cambiasso recupera palla sulla trequarti avversaria e va alla conclusione con il mancino: Brkic vola e manda in angolo.

 

Passano pochi secondi e Nagatomo si divora una rete già fatta. Servizio perfetto di Jonathan per il nipponico che, dall’area piccola, non inquadra la porta.

 

La supremazia dell’Inter di questi minuti si concretizza al 25′ quando il solito Palacio sblocca la partita in quel di Udine. Punizione dalla destra di Taider e colpo di testa secco dell’argentino che non lascia modo di intervenire a Brkic.

 

L’Udinese accusa il colpo ed al 29′ prende anche il secondo gol. Uscita a vuoto di Brkic su calcio d’angolo e gran destro al volo di Ranocchia che si insacca in rete. 0 a 2 al Friuli di Udine e partita in cassaforte per i neroazzurri.

 

Al 31′ reazione dei padroni di casa: Badu salta Juan Jesus e cerca in mezzo Pereyra che viene atterrato da Jonathan. La difesa interista libera tra le proteste dei friulani.

 

Al 36′ occasionissima per Muriel che non sfrutta un’incertezza di Samuel; invece di servire Di Natale manda a lato. Nella circostanza si ferma Walter Samuel: entra Rolando.

 

Al 43′ torna a farsi viva l’Inter: Taider ruba palla e va alla conclusione. Destro potente, ma centrale. Brkic para.

 

Dopo due minuti di recupero termina il primo tempo. Al Friuli la prima frazione di gioco termina 0 a 2 in favore dell’Inter. Neroazzurri molto cinici e determinati. L’unica nota negativa è l’infortunio per Samuel.

 

La ripresa inizia senza cambi e con un brivido immediato per l’Inter. E’ Di Natale al 46′ a crearsi lo spazio necessario per andare alla conclusione dal limite dell’area. Handanovic alza sopra la traversa e manda in corner.

 

Risponde l’Inter al 51′: Juan Jesus serve Alvarez, ma l’argentino si lascia scappare la sfera e non riesce a superare Brkic. Al 55′ primo cambio anche per i friulani: esce un acciaccato Di Natale ed entra Ranegie. Anche Fernandes fa il suo ingresso in campo per Pereyra.

 

Al 61′ ci prova Guarin: il colombiano nell’area di rigore resiste ad un avversario e conclude di potenza. Brkic a terra respinge.

 

Al 65′ ci prova il giovanissimo Fernandes, ma il suo mancino viene bloccato a terra da Handanovic. Due minuti dopo secondo cambio anche per Mazzarri: fuori Jonathan e dentro Pereira che si posiziona a sinistra con Nagatomo dirottato a destra.

 

Al 69′ terzo ed ultimo cambio per Guidolin: esce Muriel ed entra Nico Lopez, giovane in prestito dalla Roma. Al 73′ primo giallo del match: Massa lo estrae a Ranocchia. Due minuti dopo giallo anche per Pereira.

 

All’80’ esaurisce i cambi anche Mazzarri: dentro Andreolli per l’infortunato Ranocchia. All’84’ ci prova l’Udinese su punizione, ma Handanovic sventa ogni pericolo.

 

Al 91′ arriva anche il tris dell’Inter: Palacio ruba palla all’Udinese e serve in mezzo Alvarez che, di piatto, deposita in rete.

 

Dopo cinque minuti di recupero, Massa fischia la fine. Al Friuli termina 0 a 3 in favore dell’Inter che sale così a 22 punti a braccetto del Verona, portandosi ad un punto di vantaggio dalla Fiorentina ed a sei di svantaggio dal duo Juventus e Napoli.

 

Ora Mazzarri ha sei giorni di tempo per preparare al meglio la prossima sfida, l’ultima prima della pausa per le Nazionali. Sabato 9 novembre, alle ore 20.45, ci sarà Inter – Livorno.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Milan – Fiorentina 0 a 2 Serie A undicesima giornata, disastro rossonero a San Siro

Felice Natalino lascia l’Inter e il calcio, soffre di una grave aritmia cardiaca

Critiche Allegri Milan: “Deve essere esonerato, non si può giocare così male” e la Curva si schiera contro il tecnico

L’Inter è ufficialmente di Thohir, Moratti firma e rimane con il 30%. Gli sviluppi

Milan 2013 – 14: Allegri rischia l’esonero; analisi e tour de force in arrivo con Udinese, Barcellona, Parma, Lazio, Fiorentina, Barcellona e Chievo

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here