Bologna – Inter 1 a 1 Serie A tredicesima giornata, occasione sprecata

InterUn’occasione sprecata. Nella giornata in cui Napoli e Fiorentina perdono 1 a 0, rispettivamente contro Parma ed Udinese, era lecito attendersi dall’Inter uno scatto decisivo. Passo in avanti che avrebbe consentito di raggiungere a 28 punti la squadra di Benitez e di frapporre 4 punti di vantaggio sui Viola. Tutto questo non è successo: Mazzarri al Dall’Ara non va oltre l’1 a 1. Il terzo posto dista 2 punti, ma la Juventus è avanti di ben 8 lunghezze.

 

Posticipo serale per l’Inter di Mazzarri che chiude la domenica di Serie A con la trasferta al Dall’Ara di Bologna. Il tecnico di San Vincenzo continua nel collaudato 3-5-1-1 con Guarin alle spalle di Palacio. Mediana folta con Jonathan, Taider, Cambiasso, Alvarez e Nagatomo. In difesa, davanti ad Handanovic, torna Campagnaro al fianco di Rolando e Juan Jesus. Ancora panchina per Kovacic.

 

Pioli, alla ricerca disperata di punti visto che la sua squadra è ancora ferma a quota 10, utilizza un modulo speculare: sarà Diamanti ad agire alle spalle di Cristaldo. Dietro di loro spazio per Garics, Khrin, Perez, Morleo e Koné. In difesa, davanti a Curci, dentro Sorensen, Natali ed Antonsson.

 

Dopo poco più di cento secondi primo ammonito del match. Taider entra molto duro su Morleo e Banti lo sanziona con il cartellino giallo.

 

Non ci sono molte occasioni da rete nei primi minuti ed al 12′ c’è da registrare il secondo ammonito: questa volta il cartellino se lo prende Diamanti per proteste; voleva la seconda sanzione per Taider.

 

Al 12′, al primo tiro, il Bologna passa in vantaggio. Diamanti parte in contropiede e serve Koné che, da ottima posizione, supera Handanovic. 1 a 0 al Dall’Ara.

 

L’Inter tenta la reazione al 14′, ma Palacio si divora incredibilmente una rete. L’argentino si presenta solo davanti a Curci, ma non approfitta della svarione di Antonsson.

 

Al 22′ ancora Bologna pericoloso: cross di Perez e colpo di testa di Cristaldo. Questa volta Handanovic ci arriva ed evita il peggio. Al 24′ altra brutta notizia per l’Inter: si fa male Nagatomo; Mazzarri inserisce Pereira.

 

Al 26′ si fa vedere ancora Palacio, ma il suo destro si spegne ampiamente sopra la traversa. Due minuti dopo tenta la sorpresa Guarin: grande conclusione dell’ex Porto, ma Curci blocca senza problemi.

 

Al 34′ ammonito anche Morleo che stende Taider. Al 36′ si fa vedere per la prima volta nel match Jonathan: sgroppata sulla destra del brasiliano e cross per Palacio che, di testa, non inquadra la porta.

 

Al 37′ ancora una giallo per il Bologna: questa volta Banti lo sventola a Koné che prima atterra Guarin e poi protesta piuttosto platealmente.

 

Al 42′ incredibile flipper nell’area dei rossoblù: Taider crossa, ma Curci non trattiene. Arriva Pereira, ma non trova la porta; stessa sorte per Taider. Che gol fallito per l’Inter.

 

Al 46′ arriva un’altra occasione d’oro per i neroazzurri: punizione violenta di Guarin e deviazione di Cristaldo che porta la sfera a stamparsi sulla traversa.

 

Il primo tempo finisce qui; Bologna – Inter va in archivio sull’1 a 0 per i rossoblù che sono avanti grazie alla rete di Koné al 12′. Ancora una volta neroazzurri poco pericolosi davanti, dove Palacio è sempre troppo isolato e, per dirla tutta, non sembra nemmeno nella sua serata migliore.

 

La ripresa inizia con un cambio ordinato da Pioli: entra Rolando Bianchi al posto di Cristaldo. I padroni di casa si fanno vedere dopo pochi secondi: punizione insidiosa di Diamanti con Handanovic che blocca.

 

Al 51′ arriva il pareggio: Guarin serve Jonathan che ubriaca un difensore avversario con una finta e va al tiro. Decisiva la deviazione di Sorensen che manda fuori tempo Curci. Terzo gol per il brasiliano in questa stagione. 1 a 1 al Dall’Ara.

 

Il Bologna reagisce con prontezza ed al 54′ sfiora il 2 a 1: grande conclusione di Rolando Bianchi che approfitta di uno stop errato di Juan Jesus. La conclusione dai trenta metri viene respinta in volo dall’estremo difensore sloveno.

 

Al 55′ secondo cambio per Mazzarri: si vede in campo Kovacic che prende il posto di Taider. Al 59′ neroazzurri vicini al vantaggio: Cambiasso si libera in area di Garics e conclude con il ginocchio; palla a lato.

 

Passano tre minuti e Curci è ancora protagonista: Alvarez serve Guarin che entra in area e va al tiro. Palla in corner ed ammonizione per il portiere rossoblù che protesta platealmente per un netto fuorigioco del colombiano. Nella circostanza viene allontanato Morelli, l’allenatore in seconda del Bologna.

 

Al 67′ secondo cambio per Pioli: entra Angel Crespo per Garics. Pochi secondi dopo slalom improduttivo di Guarin che supera tre avversari, ma finisce per trascinarsi a lato la sfera.

 

Colombiano che al 70′ si divora un altro gol: percussione sulla destra di Jonathan ed assist per Guarin che, dall’altezza del dischetto del rigore, manda alto. Sembrava un gol fatto, che errore per Fredy.

 

Al 75′ terzo ed ultimo cambio per Pioli: Perez non ce la fa, entra Pazienza. All’85’ torna a farsi pericoloso il Bologna: bella rovesciata di Koné che termina alta di poco. Mazzarri tenta il tutto per tutto inserendo Belfodil al posto di Campagnaro.

 

All’89’ si fa vedere per la prima volta del match Alvarez: conclusione mancina su assist di Guarin che sfiora l’incrocio dei pali. Al 90′ sempre pronto Curci che manda in corner il colpo di testa di Rolando.

 

Al 92′ l’ultima incredibile occasione da rete di un match sfortunato per l’Inter: sinistro volante di Juan Jesus che si stampa sulla traversa. Non c’è più tempo: Banti fischia la fine.

 

Al Dall’Ara termina 1 a 1. Inter che, come successo in molti altri match, si è svegliata solamente nella ripresa non riuscendo però a completare la rimonta. Il pareggio di Jonathan ad inizio ripresa non ha avuto seguito, nonostante le molte occasioni da rete create.

 

Con questo punto i neroazzurri salgono a quota 26 punti e, in attesa di Roma – Cagliari di lunedì 25 novembre, si portano ad 8 punti dalla capolista Juventus. Il Napoli, terzo, dista due lunghezze. Abissale il vantaggio sui cugini rossoneri: 12 punti.

 

Dopo la trasferta di Bologna, l’Inter è chiamata ad un trittico di gare casalinghe. Domenica 1° dicembre, ore 15.00, contro la Sampdoria dell’ex Mihajlovic, poi mercoledì 4 dicembre contro il Trapani in Coppa Italia e domenica 8, alle 20.45, contro il Parma dell’ex Cassano.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Italia – Nigeria 2 a 2 amichevole 18 novembre 2013, reti e spettacolo a Londra

Italia – Germania 1-1 15 novembre 2013, altra delusione in amichevole per gli Azzurri

Convocazioni Prandelli Italia – Germania e Italia – Nigeria, poche le novità per le due amichevoli, elenco

Crisi Milan 11 novembre 2013, si profila una stagione da metà classifica. Analisi e dettagli

Felice Natalino lascia l’Inter e il calcio, soffre di una grave aritmia cardiaca

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here