Milan – Bologna 1 a 0 Serie A ventiquattresima giornata, Balotelli decide la sfida

BandiereLa vittoria e niente più. La squadra di Seedorf stenta a decollare, ma gode di un incredibile fattore C. L’olandese ottiene la terza vittoria da quando siede sulla panchina rossonera pur disputando una partita ampiamente sotto la sufficienza. Decide Balotelli nel finale, pizzicato in settimana dallo stesso olandese. Il gioco manca, la forma fisica pure. Sembra essere migliorata solo la mente, nel senso che le disattenzioni dei rossoneri sembrano in calo. C’è però ancora molto da lavorare se si vuole riportare ai fasti questa squadra.

 

Seedorf, a pochi giorni dalla sfida di Champions contro l’Atletico Madrid, affronta il Bologna a San Siro. Durante il riscaldamento accusa un problema muscolare il rientrante Zapata e l’olandese preferisce Zaccardo e Mexes. L’italiano ex Parma si schiera in difesa al fianco di De Sciglio, Rami e Constant. Mediana con De Jong e Montolivo. Davanti, dietro Balotelli, il trio formato da Honda, Kakà e Taarabt.

 

Di fronte Ballardini si schiera con il 3-5-2: Bianchi e Cristaldo davanti con Garics, Lazaros, Perez, Khrin e Morleo a centrocampo. In difesa, davanti a Curci, spazio per Antonsson, Natali e Mantovani.

 

Sotto la direzione di Bergonzi, inizia la sfida a Milano San Siro. Al 4′ arriva la prima conclusione da parte del Milan: ci prova Montolivo dalla distanza, ma Curci blocca in due tempi.

 

Al 7′ si fa vedere Taarabt: il trequartista libera Constant sulla sinistra, ma il cross del terzino rossonero non ottiene l’effetto sperato. La squadra di Seedorf sembra iniziare bene: possesso palla e reattività.

 

Al 13′ arriva la prima vera occasione da rete della partita: Montolivo ci prova ancora dai trenta metri; Curci respinge proprio sui piedi di Balotelli che fallisce l’appuntamento con il gol.

 

Dopo questo primo quarto d’ora intenso, i ritmi iniziano a calare ed i rossoneri tornano al loro classico possesso palla sterile. Il Bologna si fa vedere solamente al 22′: Bianchi, di testa, impegna Abbiati.

 

In questa fase i ritmi sono decisamente calati. La squadra di Seedorf non riesce più a creare delle occasioni da rete pericolose: Balotelli è indolente, Kakà è pari a zero ed Honda inizia a stancare il pubblico milanese.

 

Al 35′ Kakà prova ad accendersi servendo a Balotelli una buona palla al limite dell’area, ma SuperMario non riesce a centrare la porta. Decisamente più pericoloso due minuti dopo il Bologna di Ballardini: contropiede con Cristaldo che impegna Abbiati da pochi passi.

 

Dopo due minuti di recupero termina il primo tempo. 0 a 0 a San Siro e brutto primo tempo dei rossoneri che dopo un inizio interessante, hanno calato vistosamente il ritmo e il grado di pericolosità e imprevedibilità delle loro giocate. La squadra di Seedorf stenta a decollare sotto il profilo del gioco.

 

La ripresa inizia senza cambi. In campo gli stessi ventidue che hanno chiuso la prima frazione. Al 48′ prima ammonizione del match: Bergonzi la sventola a Natali. Il copione sembra lo stesso del primo tempo: rossoneri padroni di un inutile gioco a centrocampo.

 

Al 58′ ci prova Taarabt, ma la sua conclusione termina ampiamente a lato. Fa decisamente meglio il Bologna al 60′: cross dalla destra di Garics per Cristaldo che allungandosi sfiora la traversa. Rossoblu vicini al vantaggio.

 

Stesso dicasi al 61′: qui grande parata di Abbiati che devia in angolo una grande conclusione di Cristaldo. Buon momento per gli uomini di Ballardini che al 63′ vanno nuovamente vicini al vantaggio con Bianchi.

 

Al 64′ primo cambio per il Milan: fuori De Jong e dentro Muntari. Due minuti dopo esce anche Honda, fischiatissimo dal pubblico di San Siro, ed entra Pazzini. Il giapponese va direttamente negli spogliatoi, brutto gesto per lui.

 

Al 75′ Kakà, mai vistosi fin qui, accusa un problema alla caviglia, ma prova a stringere i denti ed a rimanere in campo. Al 79′ Milan vicinissimo alla rete: Pazzini mette in mezzo un bel pallone sul quale non riescono ad arrivare né Balotelli né Kakà. Pochi secondi dopo il brasiliano, malconcio, lascia il posto a Poli.

 

All’85’ ammonito anche Zaccardo. Un minuto dopo arriva la rete che potrebbe decidere il match: Balotelli da trenta metri calcia un bolide di destro che si infila alle spalle di Curci. Grandissima rete di SuperMario, fin qui mai pericoloso.

 

Nei minuti finali non accade più nulla e dopo quattro minuti di recupero Bergonzi manda tutti negli spogliatoi. A San Siro termina 1 a 0 per il Milan grazie all’incredibile rete di Balotelli all’86’.

 

Vittoria importante per il Milan che ritorna, almeno momentaneamente, nella side-a della classifica e sale a 32 punti, raggiungendo la Lazio. L’Inter, di scena questa sera a Firenze, è quattro punti più in alto. Il quinto posto potrebbe tornare raggiungibile qualora i neroazzurri non dovessero tornare ad Appiano con i 3 punti in tasca.

 

Diavolo atteso da una settimana molto delicata. Mercoledì 19 febbraio, infatti, torna la Champions League e la squadra di Seedorf sarà impegnata contro l’Atletico Madrid a San Siro. Poi sfida domenicale contro la Sampdoria, con fischio d’inizio in programma alle 15.00 al Ferraris.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

Leggi anche:

Milan e Inter si separano, San Siro va ai neroazzurri, i rossoneri puntano al nuovo stadio all’Expo

Napoli – Milan 3 a 1 Serie A ventitreesima giornata, pessima prestazione per i rossoneri

Anteprima Napoli – Milan 8 febbraio 2014, analisi, probabili formazioni, precedenti e arbitro

Branca e Fassone lasciano l’Inter, mentre i tifosi attendono Hernanes. ll Milan punta Agazzi e lascia El Shaarawi in lista B per la Champions

Chiusura calciomercato Inter e Milan 31 gennaio 2014, Hernanes e Taarabt gli ultimi colpi delle due milanesi

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here