Italia – Inghilterra 2 a 1 Mondiali 2014, decide Balotelli ad inizio ripresa

Mario BalotelliBuona la prima per l’Italia. Prandelli, nonostante qualche disattenzione difensiva di troppo che ha rischiato di costare molto caro, fuga tutti i dubbi emersi dopo le deludenti amichevoli contro Irlanda del Nord e Lussemburgo grazie a una prestazione intensa e completa nel bel mezzo del caldo tropicale di Manaus. Paletta e Chiellini i peggiori, Darmian e Candreva i migliori. Dopo il batti e ribatti del primo tempo tra Marchisio e Sturridge, è Balotelli ad inizio ripresa a decidere la gara. Ora gli Azzurri sono in testa al girone D: 3 punti al pari del Costarica che nel pomeriggio ha, a sorpresa, battuto l’Uruguay 3 a 1.

 

E’ arrivato il nostro momento. Dopo le deludenti prove di Brasile, Spagna e Uruguay e le emozioni che ci hanno regalato l’Olanda, la Colombia e il Costa Rica, ecco che tocca all’Italia. Cesare Prandelli debutta al Mondiale brasiliano senza il suo capitano, Gianluigi Buffon, che ha accusato un problema alla caviglia sinistra.

 

Il medico della Fifa, un’oretta prima dell’inizio della partita, ha comunicato che non ci sarà alcun time-out. Non ce ne sarà bisogno: la temperatura a Manaus è di circa 31° con un’umidità al 50%. Troppo poco per superare quella che la Fifa considera come soglia a rischio.

 

Al posto del numero uno italiano c’è Sirigu. Davanti a lui, complice l’infortunio a De Sciglio, è Chiellini a venire dirottato a sinistra, con Darmian a destra; nel mezzo dentro Barzagli e Paletta. Centrocampo folto con De Rossi, Pirlo, Candreva, Marchisio e Verratti. Davanti il solo Balotelli.

 

Hodgson si affida alla sua esperienza e al classico 4-2-3-1: Hart in porta, con Johnson, Jagielka, Cahill e Baines davanti a lui. Mediana con capitan Gerrard e Henderson, mentre davanti saranno Welbeck, Rooney e Sterling ad agire alle spalle di Sturridge.

 

Dopo tre minuti si fa vedere in avanti l’Italia: cross rasoterra di Darmian per Balotelli, ma Jagielka allontana. Sul capovolgimento di fronte grandissima conclusione di Sterling: la palla si spegne sulla parte esterna della rete, dando a tutti l’illusione del gol. Che pericolo per gli Azzurri.

 

Passano sessanta secondi e Sirigu è costretto a superarsi per deviare un grande destro ad incrociare di Henderson. Al 5’ Pirlo protesta per un presunto intervento di mano in area di Glen Johnson: Kuipers lascia proseguire e il replay sembra dare ragione al fischietto olandese.

 

E’ una bella partita in questi primi minuti; Paletta all’11’ commette una leggerezza gravissima al limite dell’area favorendo con un passaggio sbagliato Welbeck: conclusione a lato. Qualche minuto di pausa e l’Italia torna a farsi vedere con Candreva: conclusione dai venticinque metri che Hart respinte.

 

Al 23’ si fa vedere per la prima volta anche Balotelli: SuperMario scalda il destro dai trenta metri. Palla che sorvola la traversa. Sul capovolgimento di fronte immenso Barzagli che in scivolata allontana impedendo a Sturridge di depositare in rete di testa. Nell’occasione altra incertezza di Paletta.

 

Al 32’ ancora Balotelli pericoloso: altra bella percussione sulla destra di Darmian e cross per il rossonero che viene anticipato da Cahill.

 

L’Italia c’è: al 36’ dagli sviluppi di un corner la palla termina tra i piedi di Marchisio che dai venticinque metri esplode un destro dalla precisione assoluta. 1 a 0 a Manaus e Azzurri in vantaggio.

 

Il vantaggio italiano dura esattamente due minuti: fiammata di Rooney che coglie impreparata la difesa italiana. Cross in mezzo per Sturridge che, lasciato colpevolmente solo da Paletta, insacca. 1 a 1.

 

La reazione degli uomini di Prandelli arriva al 44’ ed è tutta in un sinistro di Darmian dal limite dell’area. Sfera che termina sopra la traversa.

 

Al 46’ perla di Balotelli che, servito splendidamente da Verratti, si allarga prima e supera Hart con un perfetto pallonetto che Jagielka, sulla linea, riesce a deviare in corner. Sugli sviluppi dello stesso palla a Candreva che dal limite dell’area piccola centra il palo.

 

Termina qui il primo tempo a Manaus: 1 a 1 e tante occasioni da rete da una parte e dall’altra. Se fino all’1 a 1 di Sturridge era l’Inghilterra, ai punti, a pensare che il pareggio fosse stretto, nei minuti di recupero l’Italia ha guadagnato quei punti necessari per affermare che la X sia, ad ora, un risultato giusto per entrambe le selezioni. Azzurri che pagano le disattenzioni difensive con Chiellini e Paletta sempre in ritardo.

 

La ripresa si apre senza cambi; in campo gli stessi ventidue che hanno chiuso la prima frazione di gioco. La prima fiammata è opera di Sterling al 49’: bel sinistro dell’inglese con Sirigu che si allunga per respingere.

 

Passano pochi secondi e Candreva, dalla destra, mette in mezzo un bel cross per Balotelli che di teta deposita in rete bruciando i 195 centimetri d’altezza di Cahill. Azzurri nuovamente in vantaggio: 2 a 1.

 

La risposta degli inglesi arriva dai piedi di Rooney: l’attaccante del Manchester United conclude dal vertice destro dell’area di rigore, ma la sfera sfila alla destra di Sirigu.

 

Il caldo e la fatica si iniziano a far sentire; al 57’ primo cambio per Prandelli. Dentro la calma e la tecnica di Thiago Motta per Verratti, autore di una prestazione generosa e sufficiente.

 

Al 60’ episodio molto simile a quello del gol: cross di Candreva e palla appena sfiorata da Balotelli, anticipato da Hart in uscita. Pochi minuti dopo arriva la risposta di Hodgson: fuori Welbeck, poco incisivo quest’oggi, e dentro Barkley.

 

Al 62’ grande chance per Rooney che dall’interno dell’area di rigore, spiazza Sirigu ma chiude troppo e manda a lato. Pochi secondi dopo ci prova Darmian, ma il suo sinistro viene murato da Cahill. Grande prova per il difensore del Torino.

 

Al 67’ ci prova Candreva da fuori area, ma il suo tiro termina a lato. Poco dopo entrataccia di Cahill su Balotelli; ci stava il giallo, ma Kuipers si limita a fischiare il fallo. Al 71’ doppio cambio. Per l’Italia entra Immobile per Balotelli, mentre per l’Inghilterra entra Wilshere per Henderson.

 

Al 75’ punizione molto angolata di Baines: Sirigu vola e manda in corner con i pugni. Pochi minuti dopo terzo ed ultimo cambio per Prandelli: dentro Parolo per Candreva, tra i migliori in campo questa sera. Hodgson risponde con Lallana per Sturridge.

 

All’89’ accelerazione di Sterling, ma Barzagli riesce a metterci una pezza mandando in angolo. Al 93’ primo cartellino giallo del match: Kuipers sventola l’ammonizione a Sterling che ferma Parolo in contropiede.

 

Della battuta si incarica Pirlo: grandissimo effetto e sfera che si stampa sulla traversa con Hart fermo, immobile e battuto.

 

Dopo cinque minuti di recupero, Kuipers fischia la fine del match e manda tutti negli spogliatoi. L’Italia ci va con la felicità, la soddisfazione e l’orgoglio di chi ha vinto.

 

Il 2 a 1 di questa sera contro l’Inghilterra, oltre a prolungare la striscia positiva italiana contro gli inglesi nelle partite ufficiali, mette gli Azzurri in posizione privilegiata in vista degli Ottavi di finale.

 

La sorpresa di questo girone è quella del Costarica che nella gara di oggi ha battuto per 3 a 1 l’Uruguay di Tabarez, passato in vantaggio a metà del primo tempo con Cavani.

 

La prossima sfida per gli Azzurri è prevista per le 18.00 (ora italiana) di venerdì 20 giugno; di fronte ci sarà il Costarica.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Anteprima Mondiali 2014 Brasile, analisi Italia – Inghilterra e calendario degli Azzurri

Esonero Seedorf Milan, arriva Inzaghi. Poli il primo acquisto, poi Menez; Kakà sempre più vicino all’addio

Fluminense – Italia 3 a 5 Amichevole, finalmente la vittoria per gli Azzurri

Berlusconi snobba Seedorf e lancia Inzaghi; dubbio su Balotelli, mentre Alex firma fino al 2016

Italia – Lussemburgo 1 a 1 Amichevole, Azzurri ancora sottotono

Basta comproprietà nel mondo del calcio, rivoluzionato il mercato per l’estate 2014

Matteo Torti

Foto: wikipedia.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here