Saint Etienne – Inter 1 a 1 Europa League girone F, neroazzurri a due facce

DodòMezzo vuoto o mezzo pieno? L’Inter torna dalla trasferta di Europa League in terra francese con qualche certezza in più, ma anche con qualche conferma in meno. Le certezze sono Dodò e Kuzmanovic, entrambi molto positivi questa sera; le conferme, in negativo, sono le continue disattenzioni di Vidic che sono costate già molto care ai neroazzurri in questa stagione. L’ex Manchester United decide, in negativo, anche il risultato di questa sera: è suo l’errore che consente a Sall di acciuffare il pareggio a inizio ripresa.

 

Turnover obbligato per Mazzarri che in vista della sfida casalinga contro il Verona di domenica decide di far rifiatare qualche titolare. A partire da Icardi; al fianco di Palacio spazio per il giovane Bonazzoli. Mediana con Mbaye e Dodò sulle fasce, in mezzo Kovacic, Medel e Kuzmanovic. In difesa, davanti a Carrizo, spazio per Andreolli, Vidic e Juan Jesus.

 

Dopo pochi secondi Inter pericolosa: scambio Kovacic e Kuzmanovic con il primo che guadagna un corner. Al 4′ disattenzione di Vidic che regala palla ai francesi, mandando poi in corner in modo affannoso.

 

Al 6′ neroazzurri vicini al vantaggio con Kuzmanovic: Bonazzoli allarga per Dodò che serve in mezzo per l’ex Fiorentina che calcia a lato da ottima posizione. Al 13′ punizione a due nell’area dei francesi: ci prova Dodò, ma la sua conclusione si infrange contro la barriera.

 

Al 16′ ancora Kuzmanovic in azione: conclusione dal limite, ma Ruffier respinge. Neroazzurri molto positivi e proattivi in questo primo quarto d’ora.

 

Nei minuti successivi i ritmi calano, ma al 33′ gli uomini di Mazzarri riescono a legittimare la superiorità di questo primo tempo. Kuzmanovic, il migliore fin qui, apre per Mbaye che mette in mezzo per Palacio. L’argentino testa i riflessi di Ruffier che però non può nulla sul tap-in vincente di Dodò. Neroazzurri in vantaggio.

 

Al 37′ è di Vidic la chance del raddoppio: colpo di testa su corner di Dodò e palla a lato. Al 38′ miracolo del portiere avversario sul colpo di testa di Mbaye.

 

E’ l’ultima occasione da rete di un primo tempo giocato molto bene dall’Inter. Ottima prova soprattutto per Dodò e Kuzmanovic, molto attenti nella fase difensiva e propositivi in quella offensiva. Neroazzurri che sono riusciti a legittimare la superiorità grazie alla rete dell’esterno ex Roma. Ora, nella ripresa, sarà importante chiudere subito il match.

 

Al rientro in campo non ci sono cambi. Al 49′ rischio per Vidic che non marca stretto Lemoine, ma comunque riesce a mandare a lato.

 

Sugli sviluppi del corner il Saint Etienne raggiunge il pareggio: ennesima disattenzione di Vidic che controlla malamente nella propria area di rigore e finisce per favorire Bayal Sall che anticipa tutti e batte Carrizo con una conclusione potente. Neroazzurri spreconi, ora è tutto da rifare.

 

L’Inter accusa il colpo e non solo mentalmente. Anche dal punto di vista del ritmo qualcosa è cambiato e Mazzarri al 66′ è costretto al cambio: fuori uno spento Bonazzoli, ancora acerbo per giocare con i “grandi” e dentro Obi per aumentare la corsa e il dinamismo.

 

C’è molto nervosismo e poco calcio giocato in questi minuti. Al 75′ si rivede in campo Osvaldo; l’italo-argentino prende il posto di Kovacic e si schiera al fianco di Palacio che non si è praticamente mai visto questa sera. Pochi secondi dopo ci prova Gradel da fuori, ma Carrizo è bravo a bloccare a terra.

 

All’83’ terzo ed ultimo cambio per Mazzarri: dentro l’esordiente 18enne Palazzi e fuori Kuzmanovic, il migliore di questa sera assieme a Dodò. All’85’ grande intervento di Carrizo che salva il risultato su Van Wolfswinkel, lasciato inspiegabilmente solo da Andreolli.

 

Dopo tre minuti di recupero, Vincic manda tutti negli spogliatoi. L’Inter torna dalla Francia con un misero punto che non soddisfa per l’andamento della gara. Un match giocato a due facce: Inter bella e concreta nel primo tempo, disattenta e sprecona nella ripresa.

 

Pesa ancora una volta l’errore di Vidic, apparso poco concentrato anche questa sera. Da sottolineare le ottime prove di Dodò, autore del momentaneo vantaggio, e di Kuzmanovic, bravo a dirigere il gioco a metà campo.

 

Quello conquistato contro il Saint Etienne è un pareggio che serve poco ai neroazzurri che rimangono al comando del Gruppo F portandosi a 8 punti. Dnipro, Qarabag e i francesi sono appaiate a 4 lunghezze. Agli uomini di Mazzarri sarà sufficiente un pareggio nella prossima gara per archiviare la qualificazione.

 

Dopo la sfida in terra francese contro il Saint Etienne, i neroazzurri hanno voglia di dare una sterzata positiva anche in campionato dove domenica sera, con fischio d’inizio in programma alle 20.45, affronteranno il Verona dell’ex Mandorlini a San Siro.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Milan – San Lorenzo 2 a 0 Trofeo Berlusconi, poche emozioni ma arriva la vittoria

Anteprima Trofeo Berlusconi Milan – San Lorenzo 5 novembre 2014 San Siro, analisi e info

Parma – Inter 2 a 0 Serie A decima giornata, una prestazione imbarazzante

Inter – Saint Etienne 0 a 0 Europa League girone E, brutto pareggio a San Siro

Analisi Serie A settima giornata Verona Milan e Inter Napoli, infortunati, probabili formazioni e arbitri

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here