Anteprima Milan Inter Derby 23 novembre 2014, analisi, precedenti, probabili formazioni, curiosità

Stadio di San SiroTorna la Serie A, tornano le grandi sfide e le emozioni. A partire dal derby di Milano che, domenica 23 novembre, con fischio d’inizio alle ore 20.45, darà lustro alla dodicesima giornata del nostro campionato. Un derby che si approccia con un volto nuovo, Roberto Mancini, e che si preannuncia come decisivo per l’altro tecnico milanese, Filippo Inzaghi. Generalmente lo vince la squadra sfavorita; ma quest’anno trovare una sfavorita tra rossoneri e neroazzurri non è facile. Avrà la meglio la grinta di Inzaghi o il ritrovato entusiasmo del ritorno di Mancini?

 

IL PROGRAMMA DELLA DODICESIMA DI SERIE A – Torna la Serie A, torna il “campionato spezzatino”. Dieci gare suddivise su tre giorni, con sei diversi orari.

– Si parte sabato con Roma e Juventus, entrambe impegnate poi in Champions League in settimana; alle 18 i giallorossi sono di scena a Bergamo contro l’Atalanta, mentre alle 20.45 trasferta in quel di Roma contro la Lazio per la troupe di Allegri.

– Domenica ricca di emozioni con la sfida salvezza Torino – Sassuolo alle 12.30. Poi Cesena – Sampdoria, Napoli – Cagliari, Parma – Empoli, Udinese – Chievo e Verona Fiorentina alle 15.00.

– In serata il match più atteso, Milan – Inter, mentre Genoa e Palermo chiuderanno la 12esima giornata di Serie A lunedì 24 novembre alle 20.45.

 

UN DERBY TUTTO NUOVO – Potrà anche sembrare scontato, ma sino a una settimana fa non pensavamo proprio di dover analizzare il derby con un nuovo allenatore sulla panchina neroazzurra. L’aria per Mazzarri non era certo rosea, ma in pochi si attendevano uno stravolgimento così rapido.

– Invece Thohir ha deciso di cambiare e di farlo subito. Un incontro con Mancini, una telefonata con Moratti e il benservito a Mazzarri è arrivato. Fuori il tecnico di San Vincenzo e dentro quello di Jesi. Un gradito ritorno ad Appiano Gentile per chi, tra il 2004 e il 2008, ha conquistato con questa maglia e su questa panchina 7 trofei.

– Una novità che non ha fatto piacere in casa Milan. Filippo Inzaghi, che da tempo preparava questa partita, aveva analizzato in lungo e in largo le caratteristiche dell’Inter di Mazzarri e si è trovato spiazzato dall’arrivo di Mancini.

– Nuovo allenatore, nuovo modulo, nuovo entusiasmo, nuovi giocatori. Insomma: una sfida completamente diversa rispetto a quella che tutti preannunciavano una settimana fa.

 

POCHI I DUBBI DI FORMAZIONE… – De Jong da una parte, Hernanes dall’altra. I principali dubbi di formazione riguardano l’olandese rossonero e il brasiliano neroazzurro. Per il resto le formazioni sono fatte.

– Inzaghi opterà verso il suo solito 4-3-3 in caso di recupero di De Jong schierando Honda ed El Shaarawi ai lati di Menez. Centrocampo con l’olandese affiancato dall’ex Muntari e dalla grinta di Bonaventura. In difesa si cerca il recupero di Mexes e Alex; completano il reparto, davanti a Diego Lopez, Rami e De Sciglio.

– Mancini, invece, punta tutto sul 4-3-1-2 con il rilancio di Kovacic alle spalle di Palacio e Icardi. Linea mediana tutta muscoli e potenza con Guarin, M’Vila e Obi, o Hernanes se dovesse recuperare. In difesa non c’è spazio per Vidic; centrali Ranocchia e Juan Jesus con Nagatomo e Dodò ai lati.

– Da sottolineare una squalifica per parte: Daniele Bonera tra le fila rossonere e Gary Medel tra quelle neroazzurre. Entrambi espulsi nel precedente match di campionato per doppia ammonizione ed entrambi costretti dal giudice sportivo a saltare il derby.

 

MILAN vs. INTER: COSA DICONO LE STATISTICHE? – Una quasi perfetta parità. Le sfide ufficiali sotto la Madonnina sono state 215 fra Serie A, Champions League, Coppa Italia e Mundialito e vedono l’Inter in vantaggio con 77 vittorie, contro le 75 affermazioni dei rossoneri e i 63 pareggi. Anche nel computo delle reti le differenze sono minime: 289 quelle dei rossoneri, 293 quelle dell’Inter.

– Rollino che si ribalta in favore dei rossoneri se si tengono in considerazione anche le amichevoli; in questo caso le statistiche ci raccontano che i derby salgono a 281 con 109 vittorie del Milan, 99 dell’Inter e 73 pareggi.

 

UN IMPORTANTE CROCEVIA PER LA STAGIONE – Molto più che una sfida. Il derby è, da sempre, sinonimo di grande sfida anche quando non vale per uno scudetto o per una finale di Champions League.

– Un derby che in un annata così poco entusiasmante come questa può rappresentare il vero crocevia della stagione. Chi vince si gode i festeggiamenti per la stracittadina e la supremazia verso l’altra sponda del Naviglio.

– Una supremazia che potrebbe voler dire morale e risultati, entrambi fattori fondamentali per tornare in corsa per il terzo posto valido per l’approdo ai Playoff della prossima Champions League.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Italia – Albania 1 a 0 Amichevole a Genova, vittoria risicata firmata Okaka

Italia Croazia 1 a 1 Qualificazioni Euro 2016 Francia, Azzurri stentano a decollare

Mazzarri esonerato Inter, Mancini nuovo allenatore. Compenso, dichiarazioni, racconto della giornata

Analisi Italia – Croazia 16 novembre 2014 San Siro, probabili formazioni e curiosità

Convocati Italia – Croazia e Italia – Albania qualificazioni Euro 2016, programma, precedenti, analisi e curiosità

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here