Anteprima Juventus – Milan sabato 7 febbraio Juventus Stadium, analisi, precedenti, formazioni e arbitro

EPalla_al_centro‘ dal 5 marzo del 2011 che il Milan, in casa della Juventus, non riesce a imporsi. Le statistiche dicono che questo mini-trend negativo non si possa fermare quest’anno visto che i bianconeri, in testa alla classifica, hanno quasi il doppio dei punti dei rossoneri; 50 contro 29, 13 gol fatti in più e 15 subiti in meno. Una differenza, almeno sulla carta, abissale; ma si sa che partite di questo tipo nascondono sempre insidie e possibili. Inzaghi, e più in generale l’intero universo Milan, ci sperano. Una vittoria sarebbe sufficiente per dimenticare i 4 punti conquistati nelle ultime 5 partite di campionato. Riuscirà il Diavolo nell’impresa?

 

IL PROGRAMMA DELLA 22ESIMA GIORNATA – Si inizierà alle 18.00 di quest’oggi con Verona – Torino, ma per attendere il big match della ventiduesima giornata bisognerà attendere solo poche ore in più. Il sabato sera sarà tutto per Juventus – Milan, per la sfida tra Allegri e Inzaghi, due tra gli ex più attesi.

– Domenica il lunch-match vedrà di fronte Fiorentina ed Atalanta, mentre alle 15.00 scenderanno in campo Cagliari – Roma, Empoli – Cesena, Napoli – Udinese, Parma – Chievo e Sampdoria – Sassuolo.

– Posticipo di domenica a San Siro tra Inter e Palermo, mentre la sfida tra Lazio e Genoa chiuderà la giornata lunedì alle 20.45.

 

UNA SFIDA ETERNA – Una sfida eterna, una sfida che in Serie A tra Juventus e Milan è lunga 79 incontri. Quello di questa sera sarà l’ottantesima volta che bianconeri e rossoneri si affrontano a Torino per un match di Serie A.

– Un bilancio che vede in netto vantaggio i padroni di casa con 37 vittorie contro i 21 pareggi e i 21 segni 2. Anche nel tabellino dei gol i bianconeri sono in vantaggio con 124 reti fatte e 97 subite.

– Il Milan non vince dal 5 marzo del 2011, anno dell’ultimo scudetto; allora la rete decisiva fu di Gattuso. Nei tre campionati successivi solo sconfitte in terra piemontese. Alcune nette, come il 2 a 0 del 2 ottobre, altre più spettacolari e incerte, come il 3 a 2 del 6 ottobre del 2013, quando sulla panchina rossonera c’era proprio Max Allegri.

 

MILAN: SUBITO DUE ESORDI – Con Destro e Mexes squalificati e una lunga lista di infortunati dove troviamo Zapata, De Sciglio, Bonera, Abate, De Jong, Montolivo ed El Shaarawi. Il Milan non si approccia certo nel migliore dei modi alla trasferta di Torino, ma il mercato di riparazione è servito anche a colmare queste lacune.

– Inzaghi, che ieri ha delegato a Tassotti la conferenza del pre-partita causa febbre, ha deciso di optare per due debutti in difesa. Antonelli a sinistra e Paletta al centro, con Rami e Alex a completare il reparto difensivo.

– Il centrocampo è il vero punto interrogativo visto le assenze di Montolivo e De Jong; due assenze molto pesanti, sia per carisma che per capacità e visione di gioco; probabile la conferma di Van Ginkel in cabina di regia con Poli e Muntari ai suoi fianchi.

– Davanti l’assenza per squalifica di Destro porta Inzaghi a tornare sul trio offensivo con Menez falso nueve; ai lati del francese sicuro del posto Bonaventura; ballottaggio, invece, per Honda e Cerci con l’ex Granata favorito sul nipponico.

 

JUVENTUS: POSSESSO PALLA E POGBA -“E’ sempre Juve-Milan. Sarà complicata”. Allegri conosce la sua ex squadra e non si fida; il calo di tensione, per chi comanda la classifica con sette punti di vantaggio sulla Roma, è sempre in agguato. Ed è bene non perdere punti, entusiasmo e sicurezze contro i rossoneri.

– Anche il tecnico livornese deve fare i conti con squalificati, Lichtsteiner, e indisponibili, Asamoah, Romulo, Caceres e Matri. Contro il trio offensivo del Milan, Allegri schiera il 4-3-1-2 con Vidal alle spalle di Tevez, rossonero mancato, e di Morata.

– Centrocampo con il grande ex Pirlo, Marchisio e Pogba. In difesa, davanti a Buffon, dentro Padoin ed Evra sulle fasce con Bonucci e Chiellini in mezzo.

 

L’APPUNTAMENTO – Al big match mancano davvero poche ore. Damato, fischietto designato per Juventus – Milan, è pronto e alle 20.45 fischierà l’inizio della sfida eterna, quella tra bianconeri e rossoneri.

– Un arbitro che ha un rollino positivo con entrambe. La Juventus con lui ha vinto entrambe le ultime occasioni: Udinese 2 a 0 e Lazio 3 a 0; e più in generale ha conquistato sette vittorie su sette precedenti, con l’ultima sconfitta risalente al 2001. Il Milan, nei 15 incroci complessivi con il fischietto pugliese, ha perso solamente due volte.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Chiusura calciomercato invernale 2015, Antonelli e Paletta al Milan, Osvaldo all’Inter ma nulla di fatto con Rolando

Bocchetti e Destro al Milan, Galliani risponde così alle critiche. Tutto sul calciomercato rossonero

Suso al Milan, scopriamo carriera, caratteristiche e curiosità sul secondo acquisto del Diavolo

Crisi Milan gennaio 2015, colpa di società, allenatore o giocatori? Il confronto con il 2014 e Allegri

Shaqiri all’Inter, ma potrebbe partire Osvaldo. 4 di turni squalifica a Juan Jesus

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here