Udinese – Inter 1 a 2 Serie A trentatreesima giornata, Europa League a un passo

RanocchiaE’ ufficialmente partita la volata interista. Con due vittorie in due partite contro Roma e Udinese, gli uomini guidati da Roberto Mancini si ricandidano prepotentemente all’Europa League. Il 2 a 1 del Friuli porta l’Inter a quota 48 punti, a un solo punto dalla Fiorentina sesta e a due lunghezze di distanza dalla Sampdoria quinta. E domani la Juventus, avversaria proprio dei Viola, potrebbe regalare una gioia al mondo Inter.

 

Tutto confermato tra le fila neroazzurre con Mancini che sostituisce gli squalificati Juan Jesus e Ranocchia (nella foto) con Felipe e D’Ambrosio, mentre Vidic e Santon completano la difesa. Centrocampo con capitan Guarin, Medel e Kovaci e Hernanes alle spalle di Palacio e Icardi.

 

Di fronte 4-3-1-2 per l’ex Stramaccioni che si schiera con Guillherme alle spalle di Thereau e Di Natale. Mediana con Allan, Pinzi e Badu, mentre davanti a Karnezis spazio per Widmer, Danilo, Domizzi e Piris.

 

Subito molto attive entrambe le squadre con Icardi che al 3′ cerca di sorprendere Karnezis con un tiro a giro sul secondo palo, ma la palla termina ampiamente a lato. Poco dopo si fa vedere Hernanes: accelerazione e palla per Palacio, ma l’assist è impreciso.

 

Al 10′ destro potente di Guarin, ma il portiere avversario manda in corner. Poco dopo prima chance per i friulani: azione personale di Allan che tira dalla distanza, ma non inquadra la porta.

 

Al 14′ primo ammonito del match: Rocchi sventola il giallo per Pinzi che atterra Hernanes. Poco dopo brasiliano ex Lazio protagonista di una bella azione: slalom tra le maglie bianconere e tiro insidioso su cui trova l’opposizione di Karnezis. Al 19′ ammonito anche Guarin, poi al 25′ giallo per proteste per Domizzi.

 

Al 30′ ancora una bella occasione per gli ospiti: Palacio mette in mezzo, ma sia Guarin che Hernanes non arrivano all’appuntamento con la sfera e la palla termina tra le braccia di Karnezis.

 

Al 40′ un episodio che potrebbe condizionare la gara: Domizzi atterra Hernanes in scivolata e Rocchi estrae il giallo; seconda ammonizione e conseguente espulsione per il difensore friulano. Udinese che rimane in 10. Ora Stramaccioni si cautela inserendo Pasqual per Guillherme.

 

Il primo tempo si chiude al 46′ con un’occasione molto nitida per Hernanes che da ottima posizione sfiora appena la sfera; Karnezis riesce a bloccare e la prima frazione termina sul risultato di 0 a 0. Inter positiva fin qui, anche se manca un po’ di aggressività nell’area avversaria.

 

La ripresa inizia senza cambi e con l’Inter subito in forcing. Nemmeno il tempo di partire che i neroazzurri beneficiano di un rigore per un tocco in area di Danilo su Icardi. Dal dischetto si presenta la punta ex Sampdoria che batte Karnezis. Inter in vantaggio: 1 a 1.

 

L’Udinese non accusa il colpo e al 50′ pareggia subito: dormita generale della retroguardia neroazzurra e Di Natale ne approfitta superando con precisione Handanovic. Poco dopo giallo per Widmer.

 

Dopo questo grande inizio di secondo tempo i ritmi calano e per vedere un’altra conclusione bisogna attendere il 58′ quando Palacio, tutto solo davanti al portiere avversario, calcia con sufficienza e non trova la rete del nuovo vantaggio.

 

Al 58′ Udinese che resta in nove per l’espulsione di Badu, anche lui per doppia ammonizione. Poco dopo secondo cambio per Stramaccioni: dentro Kone al posto di un applauditissimo Di Natale. Anche Mancini cambia: dentro Podolski per Guarin e neroazzurri che passano al 4-2-3-1.

 

Pochi istanti dopo, al 65′, vantaggio Inter grazie a Podolski che, appena entrato, calcia perfettamente dal limite dell’area. Bel gol per il tedesco e 2 a 1 per i neroazzurri al Friuli di Udine.

 

Questa volta i friulani, anche complice il doppio svantaggio numerico, accusano il colpo e faticano a reagire. Al 72′ Podolski sfiora la doppietta con il suo mancino che termina di poco a lato. All’87’ segna di tacco Icardi, ma il gioco era già fermo per un fuorigioco della stessa punta.

 

Finale di partita molto concitato: Perica ci prova al 93′, ma Handanovic con un miracolo salva il risultato e manda in corner. Sullo sviluppo dello stesso confusione nell’area interista e palla che viene allontanata a fatica.

 

Finisce qui il match del Friuli: l’Inter, dopo la vittoria di sabato sera sulla Roma, si impone ancora 2 a 1 e si candida prepotentemente per un posto in Europa League, anche in virtù degli scontri di domani tra Milan – Genoa e Juventus – Fiorentina.

 

Inter che sale a 48 punti e si porta, almeno momentaneamente, a un punto dal sesto posto occupato dalla Fiorentina e a due punti dal quinto posto, al momento di proprietà della Sampdoria che domani sfiderà in casa il Verona.

 

Il maggio neroazzurro si aprirà domenica quando alle 15.00, in quel di San Siro, arriverà un Chievo già ampiamente salvo e senza nulla da chiedere.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Nuovo stadio Milan zona Fiera, Fondazione Fiera Milano dice sì. Ecco il progetto

Inter – Roma 2 a 1 Serie A trentaduesima giornata, una grande vittoria per Mancini

Udinese – Milan 2 a 1 Serie A trentaduesima giornata, nemmeno un tiro in porta!

Rinnovo Icardi Inter 2,5 milioni di euro fino al 2019, Kovacic sempre più vicino al Barcellona

Vendita Milan a Bee Taechaubol o Richard Lee? A fine maggio la decisione definitiva

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here