Roma – Milan 1 a 1 Serie A diciannovesima giornata, Kucka risponde a Rudiger

Un pareggio che non serve a nessuno, ma che nemmeno fa male a nessuno. Due squadre deluse e insoddisfatte

BandiereEra la partita da dentro o fuori, era il match che doveva decider le sorti di Rudi Garcia e Sinisa Mihajlovic, erano i novanta minuti che dovevano decretare chi tra i due allenatori doveva abbandonare anzitempo. Ma non è successo nulla di questo: complice, o colpa, dell’1 a 1 con Kucka che al 50’ risponde al vantaggio di Rudiger a inizio match. Giallorossi che dicono addio ai sogni di scudetto,rossoneri che continuanoa sperare solamente nell’Europa League.
Due squadre in crisi, due allenatori a rischio esonero, due rose che per motivi diversi hanno deluso le aspettative delle rispettive società e tifoserie. Roma – Milan è una partita delicata per tutto questo; chi perde tra Garcia e Mihajlovic, domani, rischia di non dover più dirigere un altro allenamento a Trigoria o Milanello.
In tutto questo sorride Garcia che può recuperare Nainggolan, Pjanic, De Rossi e Salah, con Totti che viene mandato inizialmente in panchina. Davanti tridente con Iago Falque, Gervinho e Sadiq, mentre in mediana spazio per Pjanic, De Rossi e Nainggolan. In difesa, davanti a Szczesny, dentro Florenzi, Rudiger, Manolas e Digne.
Di fronte 4-4-2 per Mihajlovic che rispetto alla sconfitta di mercoledì contro il Bologna affida a Luiz Adriano il compito di affiancare Carlos Bacca. Centrocampo con Bonaventura a sinistra e Honda a destra, in mezzo Kucka e Bertolacci. In difesa, davanti a Donnarumma, spazio per Abate, Zapata, Romagnoli e Antonelli.
Inizia subito forte la Roma che dopo nemmeno trenta secondi costringe Donnarumma a una parata difficile e importante su Sadiq che si trova a tu per tu con l’estremo difensore rossonero.
E’ il preludio a quanto accade al 4′ quando una presunta innocua punizione di Pjanic coglie di sorpresa la difesa del Milan che lascia libero Rudiger; il difensore giallorosso non può far altro che depositare in rete. 1 a 0 e vantaggio per i padroni di casa.
Al 7′ ancora una grande chance per i padroni di casa con Sadiq che serve in area Pjanic che sbaglia la conclusione. I rossoneri si fanno vedere al 10′ con una innocente e timida conclusione di De Sciglio dai trenta metri.
Al 20′ si fa vedere nuovamente la Roma con un altro insidioso corner di Pjanic: colpo di testa di Rudiger e ottimo intervento di Donnarumma che porta la palla sulla traversa.
Al 26′ buona chance per Bacca che si trova a tu per tu con l’estremo difensore avversario, ma non riesce a superarlo. Rossoneri sempre compassati, in costante difficoltà quando si tratta di creare gioco. Al 27′ ammonito Kucka per ostruzione su una ripartenza di Gervinho.
Al 44′ ottima chance per Iago Falque che ci prova dal limite, ma calcia debolmente. E’ l’ultima occasione di un primo tempo avaro di occasioni da rete, con i giallorossi in meritato vantaggio grazie al gol di Rudiger su punizione di Pjanic. Diavolo in crisi nera.
La ripresa inizia con un cambio per la Roma: dentro Castan al posto dell’infortunato Manolas. Al 50′ subito pareggio dei rossoneri con Kucka che fissa il risultato sull’1 a 1 con un bel colpo di testa su cross di Honda.
Ora i rossoneri sembrano più volitivi e sembrano decisi ad aumentare l’intensità e il ritmo di gioco. Garcia se ne accorge e inserisce Salah per Iago Falque, Mihajlovic risponde con l’esordio di Boateng per Luiz Adriano, ammonito e nervoso in questo frangente di match.
Al 59′ ottima palla-gol per Bacca che non sfrutta un perfetto assist di Zapata e finisce per favorire l’uscita del portiere. Passano pochi secondi e Kucka avrebbe la palla del vantaggio, ma si divora un calcio di rigore in movimento a porta vuota.
Al 68′ ci prova Bertolacci dalla distanza, ma la sua girata di destro è imprecisa e debole. Passano pochi secondi e Gervinho e Salah duettano bene, ma una volta arrivati in area non concludono a dovere. Al 78′ si fa male Abate che è costretto ad uscire, entra Antonelli con De Sciglio che viene dirottato a destra.
Nel finale i ritmi calano vistosamente e le due squadre capiscono che l’1 a 1 è il risultato migliore per entrambe. Nei tre minuti di recupero non succede altro; finisce 1 a 1 all’Olimpico.
Un pareggio che non serve a nessuna, ma non fa male nemmeno a nessuna delle due. Diavolo che sale a 29 e giallorossi che si portano a quota 34, guadagnando un punto sulla Fiorentina, uscita sconfitta per 3 a 1 contro la Lazio.
Diavolo che è atteso da una settimana delicata e importante per il futuro. Mercoledì alle 21.00 a San Siro spazio alla Coppa Italia con i Quarti di finale contro il Carpi e domenica, alle 20.45, gara casalinga contro la Fiorentina.

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here