Chievo – Milan 1 a 3 Serie A ottava giornata: Kucka, Niang e Bacca regalano il secondo posto ai rossoneri

Missione compiuta: il Milan batte il Chievo e si porta al secondo posto, a cinque punti dalla Juventus

Milan_Calcio_LogoSfida di alta classifica in casa Chievo, con il Milan che batte i gialloblù di Maran resistendo nella prima parte del match e regolando i conti tra i due tempi quando Kucka prima e Niang poi portano il tabellino sullo 0 a 2. Bellissima la punizione di Birsa che riapre il match, ma nel recupero Bacca, con la compartecipazione di Dainelli, decidono la partita. 3 a 1 per il Diavolo che si porta al secondo posto a quota 16, a cinque punti di vantaggio dai cugini interisti. E sabato prossimo c’è la Juventus. La cura Montella inizia a dare i suoi frutti.
Montella lascia a riposo Bacca e affida il centro dell’attacco a Lapadula con Suso e Niang ai suoi lati. Mediana formata da Kucka, Locatelli e Bonaventura. Davanti a Donnarumma spazio per Abate, Paletta, Romagnoli e De Sciglio.
Di fronte 4-3-1-2 per Maran con l’ex Birsa alle spalle di Inglese e Floro Flores. Mediana formata da Izco, Radovanovic e Castro. In difesa, davanti a Sorrentino, spazio per Cacciatore, Gamberini, Dainelli e Gobbi.
Parte piuttosto forte il Chievo che nei primi minuti si affaccia per due volte nell’area rossonera, sfruttando i calci d’angolo. Al 13′ però rispondono i rossoneri con Suso che crossa bene dalla destra, ma Lapadula non devia di testa da due passi.
Al 19′ ci prova Birsa dalla distanza, ma il suo mancino termina a lato. Due minuti dopo Floro Flores di testa prova i riflessi di Donnarumma, pronto nell’occasione.
Rossoneri che faticano a proporre gioco di fronte a un Chievo molto organizzato e dinamico, sempre in anticipo su ogni pallone vagante.
Al 36′ bella azione di Izco che slalomeggia tra le maglie rossonere prima di servire Floro Flores, ma Donnarumma blocca bene. Poco prima cartellino giallo per Locatelli, primo ammonito dei rossoneri.
Al 45′, del tutto inaspettato per la sinfonia del primo tempo, il Milan riesce a sbloccare il match con Kucka che recupera palla su un passaggio sbagliato di Radovanovic e va al tiro con il mancino dai venticinque metri: palla in rete, Sorrentino non può nulla.
Passano trenta secondi e Kucka sfiora la doppietta, sempre con una conclusione da fuori area. E’ l’ultima occasione di un primo tempo avaro di emozioni, se non per la rete del Milan negli istanti conclusivi della frazione.
Nella ripresa tutto invariato, tranne il tabellino visto che Niang dopo appena quaranta secondi raddoppia e mette in cassaforte la gara: Bonaventura serve il francese che si porta la palla sul mancino ed esplode un tiro potente dal limite dell’area.
Al 49′ errore di Locatelli che regala palla al Chievo, ma poi Paletta ci mette una pezza. Al 54′ ottima chance per i rossoneri per siglare il tris, ma Lapadula prima e Niang poi sprecano a pochi passi dal portiere clivense.
Al 59′ ci prova anche Suso, ma la difesa gialloblù manda in corner; al 60′ dentro Meggiorini per Inglese, ma sono sempre gli ospiti ad avere le occasioni più ghiotte: questa volta Lapadula, a tu per tu con Sorrentino, si sta murare dall’estremo difensore.
Al 65′ dentro anche De Guzman al posto di Izco, mentre tra le fila rossonere Sosa prende il posto di Lapadula, con Montella che modifica il modulo in un più coperto 4-4-2. Al 76′, però, il Chievo accorci con Birsa che disegna una bellissima punizione dal limite dell’area.
All’87’ Montella inserisce Bacca per Niang, autore di un’altra ottima prova. Al 93′ il Milan chiude definitivamente la partita con il terzo gol firmato da Carlos Bacca o, meglio, dall’autogol di Dainelli che devia in rete il tiro-cross del colombiano.
Finisce qui il match di Verona: Milan che esce dal Bentegodi con un netto 3 a 1 che lo proietta al secondo posto, a quota 16 punti, al pari della Roma. L’inseguimento alla Juventus continua e la cura di Montella sembra funzionare.
Rossoneri che adesso hanno una settimana di tempo per preparare al meglio il big match di sabato prossimo contro la Juventus: fischio d’inizio per le 20.45 a San Siro.

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here