Inter – Lazio 3 a 0 Serie A diciottesima giornata, prova di forza dei neroazzurri

Bastano dieci minuti ad inizio ripresa per risolvere la "pratica Lazio": Pioli, da ex, sorride e chiude bene il 2016

san-siroForse la svolta stagionale è arrivata davvero. Dopo tre vittorie consecutive in Serie A, tra l’altro tutte e tre le partite sono state chiuse senza subire reti, Pioli può iniziare a dirsi soddisfatto; il suo lavoro inizia a dare i frutti e anche giocatori che con De Boer erano ai margini, Kondogbia in testa, riescono a dare il loro prezioso contributo. Oggi grande partita di Perisic, Candreva e Icardi, autore di una doppietta che ha stroncato le ambizioni e le velleità degli uomini di Simone Inzaghi. L’obiettivo Europa è più vicino. Si chiude così il 2016.
Sfida da ex per Pioli che ritrova la Lazio. Si torna al 4-2-3-1 con Candreva, Banega e Perisic alle spalle di Icardi. Mediana con Kondogbia e Brozovic, mentre davanti ad Handanovic spazio per D’Ambrosio, Miranda, Murillo e Ansaldi.
Di fronte 4-3-3 per mister Inzaghi con Felipe Anderson e Lulic ai lati di Immobile. Centrocampo con Parolo, Biglia in cabina di regia e Milinkovic-Savic. In difesa, davanti a Marchetti, dentro Basta, De Vrij, Wallace e Patric.
Inizia subito bene la Lazio con Felipe Anderson che serve in mezzo Immobile, ma Handanovic blocca bene. Al 9′ risponde l’Inter con Perisic: il croato ci prova di testa, ma non impatta bene.
Al 19′ ospiti nuovamente pericolosi con Immobile, ma Handanovic non si lascia sorprendere. Al 26′ grande giocata di Felipe Anderson che slalomeggia tra le maglie dei neroazzurri e va al tiro, trovando D’Ambrosio sulla traiettoria.
Nella seconda parte della prima frazione non vengono rilevate azioni degne di nota. 0 a 0 al 45′ con un buon avvio della Lazio e una più che positiva reazione dei neroazzurri. Partita nel complesso godibile, anche se ci si aspetta di più per la ripresa.
Nella ripresa nessun cambio. Al 47′ si fa vedere Kondogbia con un bel numero, ma Perisic non conclude bene l’azione. Al 50′ pericolosa la Lazio con Immobile: destro a giro, ma la sfera esce a lato.
A 54′ l’Inter passa in vantaggio con Banega: Milinkovic-Savic è lento ad iniziare l’azione e si fa rubare palla dall’argentino che, da fuori area, calcia di potenza e supera Marchetti.
Nemmeno il tempo di metabolizzare lo svantaggio che l’Inter mette a segno il 2 a 0: è il 56′ quando Icardi, su assist di Candreva, salva de Vrij e supera Marchetti.
Al 57′ ammonito Ansaldi, poi giallo anche a Felipe Anderson che, diffidato, salterà la sfida di inizio 2017 contro il Crotone. Inzaghi ricorre al primo cambio inserendo il giovane talento Keita per Patric.
Al 66′ l’Inter chiude definitivamente il match siglando il 3 a 0: ottimo schema da calcio di punizione con Icardi che, di rasoterra, supera tutti in area. Al 72′ secondo cambio per gli ospiti: dentro Lombardi per Lulic, poi Pioli risponde con Palacio per Banega.
All’80’ Inter vicinissima al poker, ancora con Icardi che da ottima posizione colpisce il palo. Dopo qualche giornata annebbiata, grande prova per il capitano interista. All’83’ dentro Cataldi per Biglia nella Lazio e, due minuti dopo, spazio per Gabigol al posto di Brozovic.
Nel finale non accade nient’altro. La Lazio ha ampiamente accusato il colpo dello svantaggio e non è mai più riuscita a creare delle occasioni da rete. L’Inter, invece, ha controllato bene la gara.
Neroazzurri che mettono a segno la terza vittoria consecutiva in Serie A e si portano a 30 punti, avvicinandosi alla Lazio, più in alto di 4 lunghezze. L’obiettivo Europa non è più così distante.
Neroazzurri che chiudono con una vittoria un 2016 che non ha certo regalato grandi soddisfazioni. Ora qualche giorno di riposo, poi preparazione e ritorno in campo domenica 8 gennaio per il match delle 12.30 contro l’Udinese.
(foto: Jose Luis Hidalgo R.)

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here