Fiorentina – Inter 5 a 4 Serie A trentatreesima giornata, crollo neroazzurro a Firenze

L'Europa League è sempre più lontana, il divorzio da Pioli sempre più vicino: l'Inter crolla a Firenze

interTerza sconfitta nelle ultime cinque partite per l’Inter di Pioli che in un mese butta via quanto di buono aveva fatto tra novembre e marzo. Dopo le sconfitte contro Sampdoria e Crotone, ecco che i neroazzurri peccano ancora del mal di trasferta e soccombono a Firenze. 5 a 4 per i Viola il finale, con i padroni di casa che sbagliano anche un rigore con Bernardeschi. Non basta la tripletta di Icardi a rimettere in piedi il match. Ora l’Europa League è davvero un miraggio.
Tutto confermato per mister Pioli che si affida nuovamente al 4-2-3-1 con Perisic, Joao Mario e Candreva alle spalle di Icardi. Mediana con il filtro formato da Gagliardini e Kondogbia; in difesa, davanti ad Handanovic, spazio per D’Ambrosio, Medel, Miranda e Nagatomo.
Partono bene i neroazzurri che al 4′ si rendono pericolosi con Perisic che non arriva per un soffio sul cross di Candreva. Al 9′ si fanno vedere i Viola: passaggio di Milic per Bernardeschi che supera Nagatomo, ma manda alto di testa.
Al 17′ malinteso in area tra Medel ed Handanovic, con lo sloveno che cerca un’uscita avventata per allontanare il pallone. Al 23′ Viola in vantaggio con Vecino che si infila nell’area interista e trafigge Handanovic. 1 a 0 per i Viola.
L’Inter reagisce subito ed al 28′ trova il pareggio: bella azione avviata e conclusa da Perisic che chiede il triangolo a Candreva e chiude in rete. 1 a 1. Passano cinque minuti e capitan Icardi firma la rimonta: 2 a 1 grazie a un bel diagonale di Maurito, bravo a resistere al corposo a corpo con Sanchez.
Al 38′ i neroazzurri cercano un nuovo affondo, ma Tatarusanu esce bene ed impedisce a Candreva di segnare il terzo gol dell’Inter. Nei minuti finali non ci sono altre occasioni delicate: il primo tempo a Firenze si chiude con l’Inter in vantaggio per 2 a 1; neroazzurri molto bravi a reagire al vantaggio Viola firmato Vecino.
Tutto confermato ad inizio ripresa, con i Viola che al 51′ guadagnano un rigore per fallo di D’Ambrosio su Babacar; dal dischetto si presenta Bernardeschi che sbaglia il cucchiaio e consente ad Handanovic di bloccare il pallone.
Doppio cambio per mister Sousa che inserisce Salcedo e Ilicic per Tomovic e Bernardeschi. Al 63′ i padroni di casa trovano il pareggio con Astori, bravo a depositare in rete di testa sugli sviluppi di un corner.
Fiorentina che sfrutta il buon momento e, venti secondi dopo aver raggiunto il 2 a 2, firma il vantaggio con Vecino che slalomeggia tra le maglie della difesa interista e supera Handanovic. Difesa neroazzurra immobile e colpevole nell’occasione.
L’Inter accusa la doppia rete ed al 70′ arriva anche il 4 a 2 Viola firmato da Babacar che prende il tempo a Medel ed insacca all’angolino alla sinistra di Handanovic. Pioli cerca la reazione inserendo Eder per Nagatomo e Brozovic per Kondogbia, ma i padroni di casa al 79′ trovano anche la quinta rete, sempre con Babacar.
L’Inter si risveglia nel finale. All’88’ 5 a 3 con la rete di Icardi, bravo a girarsi in un fazzoletto di campo in area. Poi al 91′ arriva il 5 a 4, sempre con il capitano, che insacca di testa su corner.
Finisce qui: neroazzurri che rovinano il vantaggio del primo tempo nella ripresa e, come successo nelle ultime cinque sfide, subiscono ancora il ritorno e la rimonta dell’avversario. 9 reti subite negli ultimi 5 secondi tempo.
Delusione per Pioli che dice addio ai sogni di Europa League: Inter ferma a 56 punti, con la Fiorentina che sale a 55 e l’Atalanta quarta distante 8 lunghezze. Neroazzurri che torneranno in campo domenica prossima, a San Siro contro il Napoli. Fischio d’inizio alle 20.45 per un’altra gara difficile.

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here