Milan – Empoli 1 a 2 Serie A trentatreesima giornata, disastro rossonero in casa

Mchelidze nel primo tempo e Thiam nella ripresa affossano il Milan: ora anche Montella rischia Europa League e futuro

Milan_Calcio_LogoNon è servita la rete a metà ripresa di Lapadula, non sono servite le statistiche che vedono i rossoneri autori di diverse rimonte nel secondo tempo, non è servito inserire tutti gli attaccanti disponibili. Il fortino Empoli ha resistito, gli ospiti non hanno sprecato la chance di ottenere tre punti fondamentali in chiave salvezza dopo il doppio vantaggio firmato da Mchelidze e Thiam. Il Milan è sceso in campo con poca determinazione e ha pagato dazio contro i toscani, sempre sul pezzo e frenati anche da diverse belle parate di Donnarumma.
Defezione per Romagnoli nel Milan di Montella, con Zapata che prende il suo posto al centro della difesa al fianco di Paletta, con Calabria e De Sciglio a completare il reparto davanti a Donnarumma. A centrocampo si rivede Pasalic con Sosa e Mati Fernandez. Davanti Lapadula al centro del tridente, supportato da Suso e Deulofeu.
Al 7′ prima azione offensiva del Diavolo: Deulofeu parte sulla destra e si accentra, pallone per Suso che ci prova con il mancino, ma Skorupski blocca bene. Gli ospiti si fanno vedere con Thiam al 10′: bel destro dal limite, ma Donnarumma blocca bene.
Al 13′ prima chance per Lapadula: cross di Calabria e destro volante dell’attaccante rossonero, ma Skorupski non ha problemi a distendersi e a parare. Al 17′ ci prova Paletta di testa sugli sviluppi di un corner, ma la conclusione è troppo centrale.
Sul capovolgimento di fronte rischio per il Milan con Zapata che passa malamente a Donnarumma, ma l’estremo difensore ci mette una pezza allontanando. Al 20′ ammonito Sosa, diffidato, che entra in ritardo su El Kaddouri.
Al 27′ rischio per il Diavolo con El Kaddouri che ruba palla a Pasalic sulla trequarti e prova a sorprendere Donnarumma con un destro a giro, ma il portiere rossonero riesce a respingere. Al 29′ buona occasione per Lapadula che, lanciato in area, conclude malamente con il mancino invece che servire l’accorrente Suso.
Al 33′ manovra avvolgente del Diavolo con la palla che arriva a Sosa che ci prova dai ventidue metri: Skorupski para senza problemi. Al 40′ passa in vantaggio l’Empoli: corner di El Kaddouri e colpo di testa di Mchelidze che insacca.
Manca precisione e determinazione nel Milan che chiude il primo tempo in svantaggio: qualche lampo all’inizio, ma sempre troppo poco per riuscire a segnare. Nel secondo tempo ci sarà bisogno di un atteggiamento ben diverso.
Tutto confermato ad inizio ripresa, con De Sciglio che viene subito ammonito per un brutto intervento in ritardo su Laurini. Il terzino rossonero, così come Sosa, salterà la trasferta di Crotone di domenica prossima.
Al 53′ primo cambio per gli ospiti: fuori Mchelidze, infortunato al ginocchio e dentro Maccarone. Al 57′ rossoneri finalmente pericolosi: Deulofeu crossa in mezzo per Pasalic che si fa respingere pallone da Skorupski prima che il portiere gli frani addosso. L’arbitro indica il dischetto: doppia prodezza di Skorupski su Suso prima e su Deulofeu poi.
Dopo il penalty sbagliato, Montella decide che è il momento di aumentare la propulsione offensiva: dentro Bacca per Mati Fernandez e 4-2-4 per il Diavolo. Il colombiano subito protagonista, ma non si coordina da due metri e calcia a lato.
Le occasioni sbagliate costano care ai rossoneri visto che al 66′ l’Empoli raddoppia: appoggio di testa di Maccarone e gol di Thiam che stoppa e deposita in rete. Passano due minuti e gli ospiti sfiorano addirittura il tris con Maccarone che tira di potenza, ma non di precisione.
Al 70′ secondo cambio per il Diavolo: fuori De Sciglio e dentro Ocampos. Il terzino esce tra i fischi dopo la notizia appresa poco prima del match in cui avrebbe già comunicato la volontà di lasciare il Diavolo in direzione Juventus.
Passano pochi secondi e Lapadula accorcia con una bella azione personale che chiude con un mancino preciso anche se non di particolare potenza. Ora il Diavolo ha a disposizione venti minuti per provare a trovare il pareggio.
Al 79′ incredibile ingenuità di Skorupski che prima deposita la palla e poi la riprende in mano: punizione a due in area per il Milan. Lapadula ci prova, ma la barriera dell’Empoli ha la meglio. Si accendi un battibecco e l’attaccante rossonero viene ammonito.
All’86’ grandissima parata di Donnarumma che interviene in extremis su una conclusione potente e ravvicinata di Maccarone. Il portiere del Diavolo lascia aperta la partita. Poi Montella inserisce Honda per Suso.
All’89’ bella parata di Skorupski su Paletta, poi Ocampos colpisce la traversa da posizione defilata. Saranno sette i minuti di recupero. Nel primo minuto bella palla recuperata da Honda che serve poi Pasalic che si fa rimontare da un difensore nell’area piccola.
Al 95′ sortita offensiva di Deulofeu che serve in mezzo Pasalic che, di testa, non è preciso. Al 97′ arriva il triplice fischio: il Milan esce da San Siro sconfitto per 2 a 1 e non tiene il passo di Atalanta e Lazio che salgono a 64 e 63 punti, mentre il Diavolo rimane fermo a quota 58 e vede la Fiorentina avvicinarsi a 55 dopo aver battuto l’Inter.
Diavolo che tornerà in campo domenica prossima, contro un’altra squadra impegnata nella salvezza, il Crotone.

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here