Milan – Atalanta 0 a 2 Serie A 18esima giornata, tracollo rossonero

Cristante e Ilicic condannano il Milan e Gattuso all’ennesima sconfitta: bordate di fischi a San Siro

Così non va! Dopo la debacle di Verona, ecco un’altra sconfitta per il nuovo Milan targato Gattuso. Una squadra che ha perso qualunque tipo di determinazione e cattiveria agonistica; una squadra che ha perso quelle poche certezze di inizio stagione, senza dignità e identità. Ora la metà classifica è una certezza. E la settimana post Natale si fa dura: derby di Coppa Italia il 27 e gara contro la Fiorentina sabato prossimo.
Gattuso conferma il 4-3-3 con un Zapata e Calhanoglu al posto degli squalificati Romagnoli e Suso. Il turco completerà l’attacco con Kalinic e Borini. A centrocampo spazio per Kessie, Montolivo e Bonaventura. In difesa spazio a Zapata e Bonucci al centro con Abate e Ricardo Rodriguez ai lati.
Inizia su ritmi lenti il match, con l’Atalanta che al 7′ ci prova con un cross di Hateboer, ma la difesa rossonera libera. Al 14′, alla prima sortita offensiva dei rossoneri, è Bonaventura ad andare in rete. Fabbri, dopo aver visionato con il VAR, decide però di annullare la rete per tocco di mano di Cutrone.
Al 18′ ci prova Montolivo da fuori, ma Berisha si distende e manda in corner. Al 24′ bella ripartenza dei rossoneri con Cutrone, ma Berisha blocca tutto facilmente. Al 32′ fallo ingenuo di Cutrone che si prende il giallo e regala una punizione pericolosa agli uomini di Gasperini: colpo di testa di Caldara, deviazione sporca di Donnarumma e tap-in di Cristante. 1 a 0 per i bergamaschi.
Al 35′ bella doppia chance per i rossoneri in area, ma Berisha al contrario di Donnarumma, si supera e nega la gioia del gol al Diavolo. Al 43′ l’ultima occasione del primo tempo: cross di Kalinic per Cutrone, ma Hateboer chiude bene ed anticipa il rossonero.
Dopo due minuti di recupero Fabbri manda tutti negli spogliatoi: 1 a 0 per l’Atalanta grazie alla papera di Donnarumma e al tap-in vincente di Cristante.
Tutto confermato ad inizio ripresa, nessun cambio. Al 49’ bel tiro mancino di Ricardo Rodriguez, ma Berisha blocca la sfera. Pochi secondi dopo ci prova anche Kessie, ma il suo tiro termina a lato. Al 50’ bel colpo di testa di Kalinic che si stacca dalla marcatura di Caldara e colpisce di testa, ma la palla termina sopra la traversa.
Al 53’ buona girata di Borini che colpisce di destro dai venticinque metri, ma la palla termina sopra la traversa. Al 54’ ottima palla di Borini per Kalinic, ma Hateboer si immola e nega la gioia del gol all’ex Fiorentina. Azione simile al 61’ con Kalinic che dal dischetto del rigore va al tiro, ma Hateboer si sostituisce anche questa volta al portiere e respinge tutto.
Al 64’ primo cambio per Gasperini: dentro Ilicic per Petagna. Al 66’ ci prova Borini dal limite dell’area, ma la palla lambisce il palo con Berisha battuto. Al 71’ accelerata dell’Atalanta che si porta sul 2 a 0: cross dalla sinistra per Ilicic che, tutto solo, insacca.
Al 73’ tiro da fuori area di Freuler con Donnarumma che si distende bene e devia la sfera. Al 75’ primo cambio anche per Gattuso: dentro Calhanoglu per Bonaventura. Al 79’ entra anche Kurtic e prende il posto di Cristante. Gattuso risponde con un doppio cambio: dentro Andre Silva e Biglia per Kalinic e Montolivo.
Anche queste mosse non sortiscono alcun effetto: il Milan chiude in riduzione, senza nessun tipo di sussulto o azione interessante. Calma apparente, e l’opzione ritiro la società se l’è già giocata. Quale sarà la prossima idea del duo Fassone-Mirabelli?
Diavolo che tornerà in campo il 27 per il derby di Coppa Italia contro l’Inter prima di affrontare sabato prossimo, alle 12.30, la Fiorentina.

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here