9 maggio 2010: al Mediolanum forum arriva l’appuntamento con gli Harlem Globetrotters

globetrottersWeb

Grandi città e piazze importanti: come sempre l’Italian Tour  degli Harlem Globetrotters sarà presente in luoghi in cui l’amore e la passione per la pallacanestro spopolano!

 

6 infatti le date italiane per seguire una squadra che è diventata l’autentica Leggenda del Basket mondiale: 4 maggio Modena, Palapanini 5 maggio Cagliari, Palasport 6 maggio Caserta, Palamaggiò 7 maggio Firenze, Nelson Mandela Forum 9 maggio Assago (Mi), MediolanumForum 10 maggio Varese, PalaWhirpool.

 

I biglietti per la data di Milano sono acquistabili direttamente sul sito www.ticketone.it, i prezzi oscillano tra i 25,00 euro per la tribuna non numerata, fino ai 43,00 del parterre numerato.

 

L’incontro avrà inizio alle ore 19 e non alle 21 come comunicato inizialmente.

 

Sono ben 5 gli anni nei quali gli Harlem vedono l’Italia come punto di riferimento del loro Tour Mondiale; in questo quinquiennio ben 33 incredibili spettacoli si sono svolti nel nostro paese, con un seguito di 130mila spettatori che hanno potuto assistere dal vivo alle famosissime acrobazione, accompagnate da incredibili gag comiche.

 

UN PO’ DI STORIA – gli Harlem sono una figura fondamentale all’interno della tradizione del basket mondiale, una squadra con una storia nata nel lontano 1926 inizialmente come intrattenimento nelle più importanti sale da ballo americane.

 

La prima esibizione ha avuto luogo al Savoy Hotel di Chicago dove, un ebreo di nome Abe Saperstein, ebbe l’originale idea di montare due canestri ed organizzare una sfida tra i suoi Five Savoy e cinque fortunati del pubblico. E’ da questo momento che inizia la storia degli Harlem, che prende il nome dall’omonimo quartiere nero di New York.

Il primo vero successo è datato 1930, quando vinsero il Campionato Mondiale professionistico organizzato dal Chicago Tribune (l’attuale NBA) contro i Lakers. Tuttavia il il loro patron, Abe Saperstein, si rese conto che al pubblico piaceva soprattutto la parte “illusionistica” ed “esibizionista” dello spettacolo.

 

Numerosi sono i campioni che hanno vestito la maglia del team: da Wilt Chamberlain fino a Earvin “Magic” Johnson; i giocatori, vestiti con la classica casacca a stelle e striscie, hanno l’abitudine di coinvolgere il pubblico nei loro spettacoli, fondendo lo sport con il gioco e dando vita ad una vera e propria festa,  attrazione nell’attrazione.

 

Matteo Torti