Chiuso centro massaggi Milano piazza Schiavone, tariffario di tutte le prestazioni

Prometteva “momenti di assoluto relax” grazie a massaggi tailandesi eseguiti da ragazze esclusivamente thai, tutti i giorni dalle 10.00 alle 21.00, con orario continuato festivi compresi.

 

Non ci si risparmiava, insomma, nel centro massaggi di piazza Schiavone gestito da una 27enne tailandese regolare assieme a un cittadino italiano di 54 anni, suo convivente e finanziatore dell’alacre attività.

 

In realtà, però, secondo quanto appurato dalle investigazioni coordinate dal Sostituto Procuratore Ester Nocera,  i “momenti di assoluto relax” andavano oltre al piacere un bel massaggio benefico, concretizzandosi invece in vere e proprie prestazioni sessuali.

 

In merito, secondo quanto comunicato dalla Polizia locale, le “soffiate” avevano cominciato ad arrivare già un anno fa, ad opera dei residenti della zona: il centro era attivo 7 giorni su 7 dalle 10 alle 21, e l’incessante flusso di uomini che vi si recavano aveva suscitato non pochi sospetti.

 

Secondo quanto stimato, il giro d’affari dell’attività era di circa 8 mila euro al mese,con tanto di listino ordinario ed “extra-ordinario”:

  • 55 euro per un’ora di massaggi “standard”,
  • 35 euro per mezz’ora,
  • sovrapprezzo dai 20 ai 50 euro per “desideri speciali”, con danaro destinato direttamente alle tasche delle ragazze.

 

L’operazione di sequestro è stata svolta da 8 agenti dell’Unità Centrale Informativa della Polizia locale.

 

All’interno dell’esercizio, gli agenti hanno trovato la titolare e 2 connazionali di 35 anni.

 

La 27enne e il convivente 54enne sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

 

Leggi anche:

Centri massaggi Milano, Comune dà proroga di 12 mesi per mettersi in regola, soddisfatto l’assessore D’Alfonso

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here