Fabbro, il ruolo di consulenza nella valutazione della smart home

Con l'innovazione tecnologica, il fabbro diventa un vero e proprio consulente sulle tecniche per poter proteggere i propri spazi da ogni intrusione

Complice l’avvento delle innovazioni tecnologiche e la crescente propensione degli italiani all’installazione di sistemi di smart home, il ruolo del Fabbro Milano è radicalmente cambiato negli ultimi anni, ed è destinato a cambiare in misura ancora più incisiva nel futuro a breve termine. Un cambiamento dalle accezioni positive, considerato che il fabbro è diventato non un semplice “operaio” specializzato, bensì anche un vero e proprio consulente che può rassicurare i proprietari degli appartamenti sulle migliori e più sofisticate tecniche per poter proteggere i propri spazi da ogni intrusione.

Dunque, se fino a qualche anno fa il fabbro poteva essere considerato quanto mai lontano dal mondo della smart home e, anzi, superficialmente veniva valutato in contrapposizione al ricorso alla tecnologia digitale e all’intelligenza artificiale, oggi i due mondi sembrano essere molto più vicini e, probabilmente, in procinto di creare inaspettate sinergie.

A conferma di quanto sopra vi sono gli ultimi dati che vedono gli italiani sempre più inclini a digitalizzare il proprio appartamento, ponendo proprio la priorità sulla sicurezza degli accessi. Non è un caso che le più recenti statistiche sostengano che le applicazioni di smart home più desiderate siano quelle legate alla videosorveglianza e alla predisposizione di sistemi di antifurto, che un bravo fabbro tecnologico può certamente contribuire a personalizzare.

E così, nel nostro Paese, circa 4 persone su 10 affermano di voler installare allarmi e sistemi di domotica di controllo per aumentare la sicurezza della propria abitazione, potendo così vivere in maniera più serena le ore al di fuori dei propri ambienti. In aggiunta a ciò, 3 persone su 10 affermano di desiderare un sistema per controllare da remoto gli apparecchi della casa, e gestire facilmente i diversi elettrodomestici. Un’altra proporzione similare afferma invece di voler digitalizzare il proprio appartamento per poter gestire in maniera comoda gli impianti elettrici e termici, senza muoversi dal divano, o quando si è fuori dal proprio appartamento.

Tuttavia, nonostante ciò, e nonostante il ruolo del fabbro nell’accompagnare gli italiani verso questi sistemi smart sia sempre più diffuso, molte persone risultano essere scettiche o disaffezionate da questa ondata di tecnologia. A frenare la diffusione delle smart home, vi sono infatti degli ostacoli abbastanza rilevanti ed evidenti, con il 32% degli italiani che in realtà teme per la propria privacy, e ha timore che i propri dati sensibili siano diffusi in maniera involontaria da chi invece dovrebbe proteggerci. Ancora, il 27% degli italiani ritiene che queste nuove tecnologie siano ancora troppo costose, e preferisce attendere che il livello del costo di questa tecnologia si abbassi. Il 18% teme infine di non saperne sfruttare appieno le potenzialità e, dunque, di andare incontro a un investimento che non sarebbe pienamente ripagato.

Annotiamo infine la presenza di un 10% di italiani che ritiene in realtà che questi sistemi diventeranno presto obsoleti, preferendo temporeggiare per una tecnologia più matura, e un 11% che afferma di non avvertire il bisogno di digitalizzare il proprio appartamento, preferendo rimanere con le proprie vecchie abitudini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here