Hai un ufficio? Adotta un “micio d’ufficio”!

E’ ufficialmente partita  la campagna “micio d’ufficio” di AIDAA: una splendida campagna di adozione di gatti e gattini, pronti a diventare la mascotte di uffici pubblici e privati. Sono stati più di 150.000, infatti, gli sfortunatissimi felini abbandonati quest’estate, destinati a morte pressoché certa da padroni disumani privi di qualsiasi briciolo di scrupolo morale. Perché, quindi, adesso, non cogliere l’occasione per fare davvero qualcosa che dia una zampa, o meglio, una mano, ai tantissimi mici finiti nei gattili o nelle colonie feline?

 

Tre sono le possibilità di adozione dei mici previste dall’Associazione Italiana in Difesa di Animali e Ambiente:

 

l’adozione diretta:

  • si potranno adottare uno o più mici da tenere in ufficio, e che dovranno essere gestiti attraverso l’individuazione di una o più “responsabili di adozione”, i quali dovranno sempre rispondere della buona tenuta e della buona salute del gattino.

 

l’adozione a distanza in un gattile:

  • le richieste di adozione potranno essere inoltrate a un gattile attraverso il versamento di una somma mensile da concordare e versare direttamente a un gattile (Aidaa propone 25 euro) che verrà utilizzata per il mantenimento e le cure del micio.
  • All’ufficio adottante sarà quindi fornita una fotografia del piccolo batuffolo e, la persona nominata responsabile, potrà visitare il gatto e avere sempre informazioni sul suo stato di salute e sulle sue condizioni generali.
  • I gattili dovranno garantire al micio le cure nel periodo di chiusura per le vacanze estive degli uffici adottanti in cambio di una donazione pari alla quota di mantenimento mensile del micio.

 

l’adozione a distanza in una colonia felina:

  • si potranno adottare uno o più mici residenti in una colonia felina con il versamento di 25 euro mensili da donare direttamente nelle mani della “gattara”;
  • anche in questo caso l’ufficio nomina un responsabile di adozione che potrà visitare il gatto in colonia ed avere informazioni in merito alla sua salute e al suo stato generale, nonché una fotografia da appendere “doverosamente” in ufficio, in nome del bel gesto riservato a un piccolo animale che necessita solo dell’aiuto di persone in grado di “dare” oltre che “chiedere”.

 

A CHI INDIRIZZARE LE RICHIESTE –

  • Per favorire i contatti, sia per le richieste che per le offerte (non in denaro) per le adozioni, AIDAA si mette a disposizione un’apposita casella di posta elettronica, attraverso la quale i volontari dell’associazione ricercheranno sia i gattili che le colonie feline da indicare agli uffici adottanti.
  • L’indirizzo al quale inoltrare le proprie richieste/offerte di adozione è emergenzamici@libero.it

 

IL COMMENTO DEL RESIDENTE DI AIDAA – “Noi come al solito non gestiamo assolutamente i soldi che saranno versati direttamente nelle mani delle gattare o dei responsabili dei gattili dove si adotteranno i mici – dice Lorenzo Croce, presidente di AIDAA.- Ciò che facciamo, invece, è mettere a disposizione una casella di posta elettronica dedicata a coloro che possiedono dei mici e desiderano darli in adozione, e  viceversa agli uffici che desiderano adottare direttamente o a distanza i felini. Nei gattili italiani ci sono circa 400.000 gatti adottabili, noi speriamo di riuscire a farne adottare un bel numero e, ora, non ci resta che aspettare le richieste!”

 

Leggi anche:

Gatti abbandonati d’estate, quest’anno sono stati quasi 150mila i cuccioli, le nidiate e gli esemplari adulti che gli uomini hanno destinato a morte

Stazione Centrale: segnalata dall’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente la preoccupante scomparsa dei gatti della zona

Maltrattamenti animali, in Italia un caso ogni 10 minuti

Milano, anche gli animali hanno il loro Tribunale

Animali domestici, aiuto prezioso per bambini e anziani

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here