Cambiare gestore di luce e gas: oggi lo puoi fare online

Si parla molto negli ultimi tempi del Mercato libero per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica

Le questioni che molti italiani si pongono riguardano il modo migliore per trovare un nuovo gestore, la possibilità di trovare tariffe particolarmente economiche o anche quella di avere a disposizione nuovi servizi, più in linea con le esigenze contemporanee. A tutte queste domande oggi può rispondere internet, grazie alle molteplici informazioni che vi possiamo trovare. Ad esempio basta visitare il sito di Iren per trovare tutte le offerte dell’azienda e le tariffe disponibili per i clienti al consumo.

Come trovare la tariffa migliore in rete
Ogni compagnia che gestisce la fornitura di energia elettrica in Italia presenta tutte le tariffe disponibili direttamente online. Trovarle è semplice e immediato, lo è un po’ meno comprendere quale sia la più interessante. Del resto non tutti gli utenti sono uguali tra loro: c’è chi lavora da casa, chi fa i turni, chi è impegnato quasi tutta la giornata fuori casa. In un’Italia che sta cambiando rapidamente con il passare del tempo, le classiche tariffe biorarie, o le offerte valide fino a qualche anno fa, stanno diventando obsolete. O almeno, lo sono per una buona percentuale degli utenti. Per questo motivo ognuno dovrebbe guardare le tariffe disponibili valutando le proprie reali esigenze. Si deve anche considerare poi che oggi non esistono più i cosiddetti scaglioni di consumo. Fino a poco tempo fa infatti maggiore era il consumo di energia elettrica e maggiori erano anche le tariffe applicate; fatto salvo un quantitativo massimo, i consumi al di sopra di esso godevano di tariffe via via più pesanti.

Cambiare gestore
Una volta trovata la tariffa che più ci interessa può capitare di preoccuparsi di come riuscire a cambiare gestore. In passato anche questo passo era difficile da effettuare, con numerose richieste cartacee da inviare, sia al vecchio sia al nuovo gestore, e vari adempimenti burocratici che rendevano il compito complesso e passibile di vari errori. Oggi le cose sono molto diverse anche sotto questo punto di vista: per cambiare gestore è sufficiente contattare la nuova compagnia. Al nuovo gestore è necessario però comunicare i dati del “punto fornitura”, o il codice identificativo del contatore. Si tratta in pratica di un codice numerico che identifica in modo preciso il nostro contratto in essere, il contatore e la nostra abitazione. Questo numero è però presente su tutte le bollette, quindi facilissimo da reperire. Con il numero che indica il punto fornitura il nuovo gestore si preoccuperà di tutto ciò che riguarda la transizione, senza che il servizio venga sospeso anche per un solo minuto.

Servizi aggiuntivi

Considerando il nuovo fornitore con cui sottoscrivere un contratto molti tendono a informarsi esclusivamente sui costi dell’energia elettrica. In realtà è opportuno valutare anche eventuali servizi aggiuntivi. Ad esempio ci sono gestori che offrono interessanti servizi per la manutenzione della casa, dell’impianto di riscaldamento ad esempio; oppure ci sono aziende che offrono semplici app su cui controllare i consumi e le bollette. Valutare anche questi elementi può essere un buon modo per trovare l’offerta migliore in assoluto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here